Scritta da: Anna De Santis

Ormai non ci sei più

Non mi son resa conto,
che ormai non ci sei più,
guardo il letto disfatto,
una lacrima vien giù.
Da quando sei partito
più niente sai ho toccato
sicuro che ho sbagliato
ma giuro che ti ho amato,
forse a modo mio.
Mi rimetto in gioco,
mi rifaccio il trucco,
sì ci vuole poco, su ferite stucco,
con la faccia nuova
e rimessa in sesto
stasera ci riprovo
e farò poi presto
con un nuovo amore,
senza farmi illusioni
proverò nuove sensazioni.
Ma cosa sto a pensare ormai non ci sei più.
Torno delusa a casa con l'amaro in bocca,
metto a posto ogni cosa,
il letto non si tocca,
è come l'hai lasciato,
sto diventando pazza e cerco il tuo profumo,
adesso sono sola,
perché non torni più...
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Forse

    Il mio tempo sei
    che non ho goduto
    forse un abbraccio
    con rabbia trattenuto
    ed in nome dell'amore
    un peccato da sempre sostenuto.
    Quella lacrima che mi solca il viso
    ogni volta che ti vedo andare
    mi ha sempre ferito
    ma il mio orgoglio per sempre finito
    ha smesso di soffrire.
    L'attesa e la nostra intesa
    nelle lontane solitudini
    quando ormai mi sono arresa
    aumenta il desiderio
    e ci riporta indietro
    quando bastava un bacio
    dietro quella porta
    che nascondeva allo sguardo
    la nostra voglia.
    Con te basta un minuto
    per riempirmi la vita.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Là dove sorge il sole

      È l'alba, dalla finestra sento le campane a festa,
      c'è una piccola chiesa,
      posta sulla collina,
      non si riesce a vederla quando sorge il sole,
      quel luccichio ammanta di luce tutta la torrina,
      dove è posta la campana ed una piccola croce.
      Ogni mattina s'invola su nel il cielo una preghiera,
      fatta col cuore e di promesse sincera,
      va fino alla chiesina, insieme al profumo della mattina.
      L'erba brilla di rugiada, Pasqua è vicina,
      le rose e i biancospini,
      adornano la via, che conduce alla casa del Signore,
      sembra una cosa fatta apposta,
      ma i raggi ci conducono alla meta,
      basta seguire dove sorge il sole, senza alcuna sosta.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        L'urtima dimora

        Quanno che hai lavorato tutta la vita,
        te fai li conti: la casa l'hai pagata,
        famiglia sistemata,
        tua moglie co la vecchiaia s'è carmata,
        e mo te stà a sentì.
        Nun hai pensato però che devi da morì,
        e ner frattempo te sei scordato,
        che la tomba nun te sei comperato.
        E sì perché er diritto t'è negato,
        puro lì devi da fa li conti.
        Me so messo na mattina controvoja,
        davanti all'ufficio addetto,
        mentre chiedevo li scongiuri ho fatto:
        c'è na tomba da poté comprà?
        Ma certo c'è rimasta l'exstralusso, loculo doppio,
        pe lei e pe la su moje,
        questo ve posso offrì, è troppo tardi,
        me deve solo dì in quanto tempo,
        me darà li sordi.
        Bè; jo risposto: visto che stò avanti co l'età
        me devo accontentà, cerchiamo de allungà,
        famme firmà, quanno che stò de là,
        avoja a chiamà, cor cacchio che te vengo a pagà.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Semplicemente io

          Semplicemente io,
          turgida Rosa, corposa
          morbida e vellutata
          diritta sul suo stelo,
          mamma amorevole, donna amata.
          A tutti dono, un po' di me,
          a chi sa capire,
          volitiva e forte fino a morire.
          Sincera, troppo oserei dire,
          come Rosa che non nasconde profumo né colore
          al sole mi rivolgo radiosa,
          mai scontrosa
          e imbastisco trame col vento,
          che mi accarezza,
          a volte puntigliosa,
          e con cuor contento,
          i miei pensieri vanno su ogni cosa,
          La vita (che ringrazio) mi ha donato tanto.
          E sulla fantasia rosa riposa.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di