Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Chillu straccio d'ammore

Chist'ammore
gli si usat
comme a nu straccio,
zuzzo e tutto arrovugliato.
Gli si ittato andò và và
e ogni tanto te serviva
quanno può te recurdavi.
Mò, ritruvato chigliu straccio
cu lasciva alla funtana
gli aggio fatto bianco, bianco
gli aggio stiso annanzo a o' sole
comme adora chill'ammore
c'à tu ittavi andò và và
tutti venen addurà
e mò tu và và.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    E mo vattenn

    T'aggio vuluto bene veramente
    si stat tutt chell ca vulev.
    Tu sai ca pe te murev
    Ogni tanto na sciuriata e po' passava,
    cu carezz e vase ampizz ampizz.
    Chell ca mo si fatt nun se perdona,
    te si fatt n'gannà da na sciacquetta
    aviva ascì e quanna fretta.
    Nient m'addunaie re chell ch'era succiess,
    te sì pentito e quann gliu jorno appriess
    si cunfessat...
    perdona... nun era ammore
    e si turnato accà.
    Mo può purtà a luna e tutte e stelle,
    e a tutt l'ore nu fiore...
    Troppo tardi;
    te sì piers o core.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Il viale dei tigli

      Ti seguirò con lo sguardo,
      mentre ti allontanerai
      tra i tigli in fiore,
      percorrerai il viale
      ed io avrò tempo per pensare.
      Il profumo mi distrarrà per un attimo,
      ma resterò a guardare.
      Quasi impassibile,
      non scenderà una lacrima,
      chissà se ti volterai
      per incrociare il mio sguardo,
      per un ultima volta,
      se mi ricorderai...
      per ora non mi rendo conto,
      faccio fatica a pensare,
      ma son certa che non starò qui ad aspettare.
      Vai pure via, continua a camminare
      e non ti voltare.
      Son passati gli anni, sono sul balcone,
      che dà sul viale, aspetto...
      mi verrai a cercare;
      è maggio e i tigli sono in fiore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Indissolubilmente

        È più giusto che ti dica t'amo
        tra le pagine di un libro
        dedicato a te.
        Son fiori colorati, son carezze,
        son lacrime sparse, son certezze,
        son baci e turbamenti,
        tutta la mia vita
        con i suoi momenti.
        Sei stato un sogno, l'unico,
        quello che ti prende il cuore,
        e mai non ci sarà
        un altro a cui pensare,
        nonostante gli schiaffi,
        le notti di solitudine
        e quella moltitudine
        di donne che hai avuto.
        Dentro mi sei entrato
        e mi hai trovata pronta,
        c'era un vuoto incolmabile,
        ma tra maledetti forse,
        e amore possibilmente,
        sono anni ormai che...
        indissolubilmente...
        Vota la poesia: Commenta