Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Orgoglio

Cosa farai dopo che hai provato
coi pugni chiusi hai continuato
per non darmi tregua
non volevi ammettere il tuo sbaglio.

Il tuo orgoglio ti ha rovinato.
Chiedere scusa per te non è normale
e adesso ti fa male
ma continui a sbagliare.

Ho paura che quando vorrai tornare
non mi troverai.

Non sarò più disposta ad accettare.
Troppo ho sofferto
e ancora dentro il cuore
ho uno strappo ed una croce che mi pesa
quando mi sarò arresa
forse avrò la pace che mi spetta
potrò pensare al resto
e alla mia vita
che ancora ho trascurato
in nome dell'amore.

Purtroppo questo dolore resta
e sordo nell'anima scava
e chi ne fa le spese
è la mia vita
quella che mi resta
non vedo più luce
quando avevo il sole.

Tutto s'adombra, e le corde son tese
vorrei trovare un varco tra le tenebre
capisco che non ha più senso
ma più passa il tempo
e più ti penso.
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Non si spegne una candela (ai bimbi che non hanno voce)

    La fiamma di una candela
    è come un bimbo
    che non ha voce.
    Viene spenta da un semplice soffio,
    o con le dita,
    essa è simbolo di vita
    luce eterna, che si accende con l'amore
    ad illuminar le tenebre.
    Cresce piano piano
    e dà valore a cose che non puoi vedere.
    È la paura di essere coinvolto,
    che qualcosa ti venga tolto,
    ma basta veder crescere la fiamma,
    sentire il suo calore,
    guardare i suoi mutevoli colori,
    consumarsi la cera e prender forma e forza,
    quella forza è già dentro di te,
    ma non la vuoi ascoltare.
    Prova a far splendere una sola fiamma,
    dai voce ad un bimbo
    e tanto coraggio ad ogni mamma.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      50 Anni

      Quanno che sei arrivata alla mia età,
      nun te fanno più invidia le piscchelle,
      e te devi da accontentà
      de ciccia e cellulite.
      Lo specchio nun te fà più paura
      perché er mejo l'hai dato, lassa fà,
      la vita t'ha fatto più sicura
      e co la maturità,
      tante so le cose che in rassegna, fai passà:
      quell'amica che t'ha tradito,
      l'amore che t'è passato,
      e quanno c'era er momento nun te sei goduto,
      quarche ruga, er capello bianco,
      te s'è allargato er fianco...
      Ma quanto dalla vita ho avuto,
      e quanto ho dato?
      Nun se po quantificà,
      poi in fonno nun è andata tanto male,
      farò li conti più in là,
      se Dio me dà la forza
      pe st'artri anni che deo campà.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Amore vero, amore per sempre

        Amore vero, amore per sempre,
        io ci credevo, non era vero,
        chi l'ha mai detto, un povero illuso,
        forse ha provato e rimasto deluso.
        Amore vero, amore sincero,
        quante stronzate ed io ci credevo,
        quante bugie e che strategie,
        ti voglio tanto ma non mi sento,
        devo fermarmi sono ormai stanco
        ma poi ritorna quando tu vuoi.
        Amore vero con tante parole,
        tanto per dire, tanto per fare,
        la sicurezza viene ormai meno,
        non c'è futuro, non c'è speranza,
        poco è l'amore nella mia stanza,
        quando è passato questo momento,
        ognuno esce per conto suo.
        Amore senza troppe pretese,
        ma non si trova, son troppe le offese,
        quante stronzate, tutto finisce
        e in un momento ti ritrovi sola
        guardi il soffitto,
        mentre ti accendi una sigaretta
        con quanta fretta si veste e va via.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Voci nella notte

          Voci del dubbio,
          di paesi persi.
          La luna è lontana.
          Le mani protese, verso questo cielo,
          le stelle contese, da mille desideri.
          Voci d'innocenti,
          saliti come ombre,
          brillano, come stelle cadenti,
          ancora gementi, inghiottiti dall'onde,
          bugiarde, come la speranza,
          uccisi in guerre senza onori.
          Voci pentite,
          di donne represse,
          ingannate da finte promesse,
          coperte da un velo e dalla paura,
          voce silente,
          di bambini senza lacrime,
          che non hanno forza,
          non sentono dolore,
          senza dignità né amore.
          Voci dell'anima,
          che non conviene sentire,
          mentre loro vanno a morire.
          Vota la poesia: Commenta