Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis
Er core nun ragiona, se dà
quanno che te lo accorgi,
niente poi fà.

La vita nun t'aspetta va de corsa,
nunte stà a girà

L'omo è un eterno bambinone,
bisogna che lo svezzi,
o rimarrà un cojone.

L'esperienza è quanne vorte,
nun te sei girato e nun te sei riparato, ner culo l'hai pijato.

La donna s'apre e se chiude,
per accoje un seme,
quello che nasce è l'unico amore
nun te illude.

Er sogno raramente diventa realtà,
pe quello che continuo a dormì,
nun me vojio svejà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    La mia vita

    Per orgoglio,
    allora mi sembrava giusto,
    ho imboccato una via tutta in piano,
    senza pensare,
    la mia era un'altra canzone,
    un'altra favola,
    un'altra emozione.
    Son rimasta frenata, fin dentro al cuore,
    ancora,
    dalla troppa fretta.
    Ora in me c'è un vulcano pronto a scoppiare.
    Sto pensando...
    per inerzia sono andata avanti,
    mi è sembrato normale,
    ma dentro mi sentivo morire.
    Non è quello che desideravo,
    e non potevo ammetterlo,
    mi sono seduta, ho pensato...
    mi riprendo la mia vita,
    questa volta la voglio in salita,
    o in caduta libera.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Ti penso

      Toccami ancora
      giocami sempre
      fammi respirare un po' di te.
      Salvami da tutto il male
      provami che vale
      quello che ora sei per me...
      Desiderio, solo se ci penso, affiora
      ora per ora
      sopra la mia pelle odora la mia voglia
      e spoglio la vergogna
      scoprendo di esser donna.
      Femmina coperta
      da una educazione certa
      che ora si dimena sopra questo letto
      e perde il suo possesso
      sull'anima e coscienza
      prevale solo il sesso.
      Continua nel tuo gioco...
      non ti dirò fai presto
      e quando dirò basta

      vorrò ancora ed ancora il resto...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Sempre sempre

        Mi avvicino per sfiorarti come sempre
        per ringraziarti della tua presenza
        un abbraccio da chi sempre ti pensa
        da chi da tanto ti vive accanto
        ti rispetta ed aspetta sempre
        il giusto momento
        senza chiedere altro tempo.
        Mi troverai vicina sempre
        per risollevarti quando ti sei perso
        ed ancora ti dedicherò un verso
        per farti sorridere o commuoverti
        come più ti piace.
        La mia mano solo per donarti pace
        l'emozione di un tramonto
        è un regalo che ti vorrei fare
        non costa niente
        ma se sei triste e non asciughi il pianto
        non lo puoi vedere.
        La mia parola che può risollevarti
        il mio cuore in pena
        che dice di non preoccuparti.
        Sarà Natale tra giorni
        aspetto solo che ritorni
        ci troveremo ancora accanto al fuoco
        sai amore... avrò per te lo stesso sguardo
        lo stesso sorriso, per essere felici basta così poco.
        Vota la poesia: Commenta