Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis
Er core nun ragiona, se dà
quanno che te lo accorgi,
niente poi fà.

La vita nun t'aspetta va de corsa,
nunte stà a girà

L'omo è un eterno bambinone,
bisogna che lo svezzi,
o rimarrà un cojone.

L'esperienza è quanne vorte,
nun te sei girato e nun te sei riparato, ner culo l'hai pijato.

La donna s'apre e se chiude,
per accoje un seme,
quello che nasce è l'unico amore
nun te illude.

Er sogno raramente diventa realtà,
pe quello che continuo a dormì,
nun me vojio svejà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    La mia vita

    Per orgoglio,
    allora mi sembrava giusto,
    ho imboccato una via tutta in piano,
    senza pensare,
    la mia era un'altra canzone,
    un'altra favola,
    un'altra emozione.
    Son rimasta frenata, fin dentro al cuore,
    ancora,
    dalla troppa fretta.
    Ora in me c'è un vulcano pronto a scoppiare.
    Sto pensando...
    per inerzia sono andata avanti,
    mi è sembrato normale,
    ma dentro mi sentivo morire.
    Non è quello che desideravo,
    e non potevo ammetterlo,
    mi sono seduta, ho pensato...
    mi riprendo la mia vita,
    questa volta la voglio in salita,
    o in caduta libera.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Ti penso

      Toccami ancora
      giocami sempre
      fammi respirare un po' di te.
      Salvami da tutto il male
      provami che vale
      quello che ora sei per me...
      Desiderio, solo se ci penso, affiora
      ora per ora
      sopra la mia pelle odora la mia voglia
      e spoglio la vergogna
      scoprendo di esser donna.
      Femmina coperta
      da una educazione certa
      che ora si dimena sopra questo letto
      e perde il suo possesso
      sull'anima e coscienza
      prevale solo il sesso.
      Continua nel tuo gioco...
      non ti dirò fai presto
      e quando dirò basta

      vorrò ancora ed ancora il resto...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        50 Anni

        Quanno che sei arrivata alla mia età,
        nun te fanno più invidia le piscchelle,
        e te devi da accontentà
        de ciccia e cellulite.
        Lo specchio nun te fà più paura
        perché er mejo l'hai dato, lassa fà,
        la vita t'ha fatto più sicura
        e co la maturità,
        tante so le cose che in rassegna, fai passà:
        quell'amica che t'ha tradito,
        l'amore che t'è passato,
        e quanno c'era er momento nun te sei goduto,
        quarche ruga, er capello bianco,
        te s'è allargato er fianco...
        Ma quanto dalla vita ho avuto,
        e quanto ho dato?
        Nun se po quantificà,
        poi in fonno nun è andata tanto male,
        farò li conti più in là,
        se Dio me dà la forza
        pe st'artri anni che deo campà.
        Vota la poesia: Commenta