Scritta da: Anna De Santis

Persa in te...

Dove sono e cosa sono
non riconosco più la voce
i miei tratti sono diventati luce
quella che m'illumina quando incontra il tuo sguardo
ogni giorno ringrazio il momento che ti ho dato un bacio
ringrazio l'attimo che ho respirato con te la stessa aria
senza quel per caso non ti avrei incontrato
ora sono persa nei tuoi gesti
nelle pieghe del tuo viso
che ho imparato a memoria
i tuoi capelli diventati bianchi insieme ai miei
ed è un miracolo ancora che ci lega e ci tiene stretti
e non solo in un fisico abbraccio
ci lega la complicità di sempre ed una passione immensa
prima arrivava solo l'emozione di un amplesso
ora basta solo l'intenzione ed è forse anche di più lo stesso.
Banale chiamarlo solo amore...
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Dove mai...

    Sogno il tuo viso e scorro con le mani i contorni
    della tua pelle
    aspettando che torni qui tra le mie braccia.
    Mi distrugge il pensiero
    dove mai sarai
    forse con lei e lì sulle sue labbra
    sul suo corpo
    dolcemente ti abbandonerai
    la chiamerai amore, per non sbagliare
    ed io intanto sto male
    nello specchio vedo la mia rabbia
    ed accarezzo te, nella nebbia
    che avvolge gli occhi in un velo di lacrime e follia.
    Maledetta gelosia
    che più cresce e più mi fa sua
    mi fa andare il cuore a mille
    ed il desiderio di te, cresce
    dove mai...
    ti verrò a cercare
    non posso più resistere
    questa pazzia più forte mi fa sentire
    e accresce il mio godere.
    Anna De Santis
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Ti accorgi alla fine che era un estraneo

      Non te ne sei mai accorta
      presa dalla vita che correva,
      il tuo cuore, la tua mente dove era,
      eppure ci credeva...
      mentre tu andavi avanti,
      tutto il resto con lui si fermava.
      La passione dei primi anni
      pian piano come nebbia diradava,
      tutto quello che c'era da vedere riconsegnava
      lucidi ricordi, e logico presente
      occhi lucidi che qualche lacrima bagnava.
      Ora siamo soli,
      io sono cresciuta nel mio amore,
      per i miei figli, per la famiglia
      e con il cuore,
      ma ho trovato te addormentato,
      sei proprio come ti ho lasciato.
      Cosa posso fare per farti capire...
      scusa ma qualche volta mi pento
      per averti così tanto amato.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Preghiera

        Aiutami signore ad aver cuore,
        seppur nella tempesta, a tener duro,
        sono una tua creatura,
        il mio animo è puro
        ma la rabbia è forte,
        saprò sfidar la morte?
        Combatterò, non avrò paura,
        ma tu accompagnami in questa avventura,
        non andar lontano, stringi la mia mano.
        Mi affiderò a te, sentirò il tuo calore,
        nelle tue parole, la tranquillità per quest'anima in pena,
        mi addormenterò confidando nel tuo amore.
        Questa mia preghiera, signore
        sovente la sentirai quando avrò bisogno,
        son certa, avrai posto anche per me, nel tuo immenso cuore.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Rimarrebbe er mejo

          So annata sulla spiaggia
          pe parlà cor mare,
          jò detto: viemme dietro
          che c'avemo un lavoro da fà.
          L'ho pregato nun nego
          ma poi sentite le ragioni,
          m'ha seguito.
          Dovemo fa sparì parecchie cose
          tu me poi dà na mano.
          Ben poco rimarrebbe sulla tera
          "pronta risposta"
          forse quarche fiore quà e là,
          na casetta piena de bontà,
          co l'acqua vorrei lavà
          tutte le cose nere, butta via le parole
          che ce fanno impiccià.
          Le guere, la fame, le malattie
          tutte co l'acqua devono da annà.
          Bisogna affogà morte persone
          lassà solo quelle bone.
          Troppo dovrebbe da copri sto mare,
          forse che l'acqua nun basta,
          e se quarcosa resta,
          lassamo er core, la fiducia, la speranza
          la gioia della vita, la costanza.
          Pe vede quer che è rimasto,
          che nun è stato scerto, né pagato,
          né tantomeno raccomandato,
          rimarrebbe er mejo lassa fà.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di