Scritta da: Anna De Santis

Coriandoli

La mia vita son coriandoli
che ho buttato a piene mani,
con l'ingenuità di un bimbo
che non pensa al suo domani.
C'è stato un tempo,
che era sempre carnevale,
non conoscevo lacrime,
finita è la festa e quel che resta
son solo coriandoli,
ovunque calpestati,
pezzi della mia vita ormai perduti,
li guardo e sto male
ma non riesco a credere
che sia finito il carnevale.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Il glicine che mi portò via un sogno

    L'odore del glicine al balcone,
    ti ricordi nonna,
    avevamo piantato un sogno insieme.
    L'albero cresceva, con me
    e tu invecchiavi.
    Com'è triste novembre,
    il glicine perdeva le sue foglie,
    ti stringevo piano,
    per non farti male,
    e tu in quel letto di dolore
    a malapena mi riconoscevi.
    Eri tornata come prima,
    sembravi una bambina
    che cercava le coccole.
    Anna, chi sei? Mi chiedevi
    dov'è la mia famiglia, e mia figlia?
    Nonna, le rispondevo, è qui
    ti è sempre accanto, ma non capivi.
    Quel morbo ti ha portato via dalla vita,
    ha mandato in tilt la tua mente,
    una condizione umiliante
    per te che tanto dolcemente
    ci hai sempre accuditi.
    Coi sensi assopiti da tante medicine,
    meno male che non hai sentito gran dolore,
    ti sei addormentata piano piano
    chiamandomi per nome,
    stringendo la mia mano.
    Il glicine ad aprile metteva le sue foglie...
    Cominciò a fiorire.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La mia certezza

      Un intesa di sguardi,
      di promesse fraintese,
      di desideri e morbide carezze,
      rubate
      in tempi imposti e segreti posti.
      Solo noi alle nostre voglie
      abbiamo le risposte
      e a quello che la vita ci toglie,
      poco da provare,
      ma intensi attimi d'amore,
      nascosti noi, in luoghi angusti
      e mai nei tempi giusti.
      Verrò a cercarti ancora ed ancora,
      e tu vorrai sempre e sempre le mie carezze,
      amore vivo, dentro questo cuore,
      queste sono le nostre certezze.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La Costa Amalfitana

        'A perla cchiù bella ca all'Italia ce stà,
        è'a costa Amalfitana,
        tutto o munno ca ven e ca và.
        Nu profumo de zagare n'fiore,
        e nell'aria se sent l'ammore
        e tutta la gente alleramente,
        ca stà intu a stu Paravis.
        E lu mare ca iesce e po trase
        da rint a sti rocce,
        ca è blu comm a l'uocchi e na bella creatura,
        e abballan l'onn, ao vient, se chiaman e fronn,
        se sent l'addore int all'aria e cedri e purtuali.
        O sole ca sparge brillanti n'goppa all'acqua d'o mare,
        le barche cu e rezze, addò pesce esce e recresce
        e o nu cant antico e nu vecchio piscatore.
        Nu posto ca è chien e fiur e giardini,
        addò tutt se scorda,
        addò vita s'accorda cu musica e core
        è la costa cchiù bella, è comm a na rosa
        addò l'anema tutta s'apposa.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          L'ultima rosa

          Nel giardino,
          ormai inverno alle porte,
          è tornata a fiorire un'ultima rosa,
          il bocciolo l'aveva riposto
          per mia meraviglia.
          Com'è triste ormai l'albero spoglio
          e senza colori
          ed il verde del prato,
          già spento da un rigido cielo,
          che plumbeo, ormai pioggia minaccia.
          Il mio sguardo si posa di nuovo
          sul fiore vermiglio,
          che timido aprirsi vorrebbe,
          ma il gelo pungente lo fa poi piegare,
          e muore ancor pria di sbocciare.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di