Scritta da: Anna De Santis

Le scarpe strette

C'era na vorta un tipo morto strano,
annava a spasso tutto sbilenco,
con na bisaccia e n'ombrella in mano.
Tutto dolorante, piano camminava,
e spesso se fermava pe la via,
la gente lo vedeva e na monetina jè dava,
perché porello grande pena faceva.
A tutti sorrideva, ma se vedeva che nun ce la faceva.
Un giorno da sopra un barcone,
na signora se affaccia e lo chiama,
viè qua che te riposi, te lavi e magni,
sempre quarcosa ce quadagni,
viè su che con un ber vestito
e n'antro paro de scarpe te ce cagni.
Mia cara signora, disse er poverello,
le scarpe mie so la mia consolazione,
so strette e vecchie e me fanno soffrì,
ma quanno che me le levo a sera,
visto che nun c'è pe me nessuna considerazione,
posso anch'io tirà un sospiro de sollievo...
e pur'io me prendo er mio momento de soddisfazione.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Preda mai!

    Preda mai sarò,
    sventrata, dilaniata,
    né spargerai il mio sangue,
    son pantera, cacciatrice e fiera,
    confusa nella notte, nera,
    quì dovrai passare,
    e ti ghermirò
    succhiandoti il cuore.
    Giochero col tuo corpo ancor caldo
    e ti sbranerò, leccando le ferite.
    Ti sentirò guaire,
    mi pregherai di finire,
    ma ancora ed ancora mi sazierai,
    finché morte avrai.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Lasciatemi divertire

      Ogni tanto lasciatemi divertire
      tanto con le parole che con l'ardire.
      Spero qualcuno riesca a capire
      se dico il vero o nò,
      alle poesie i segreti lascio custodire
      le speranze e i desideri,
      le voglie mancate
      delle mie noiose giornate,
      i miei tanti forse, chissà però,
      i miei no... detti con riserva,
      quando ancora l'anima acerba.
      Ora in maturità
      con l'esperienza di ques'età,
      avrei risposto ma sì, ma và...
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Dal dottore

        Signorina si spogli,
        si guardi allo specchio
        c'è qui la bilancia
        si pesi... si pesi.
        Il corpetto non tiene più il seno
        le forme straripano un po',
        un tempo la vita era ben delineata,
        come mai non si è più controllata?
        Ormai i miei amanti
        disertan l'alcova
        e senza far caso ai loro commenti...
        sbagliavo.
        Ora giudichi lei:
        preferisce un bel piatto di pasta
        o una notte di sesso?
        Questo o quello comunque è un piacere.
        Su ci pensi un po' su, qualche chilo togliamo,
        un massaggio qua e là
        e si torna all'antica beltà.
        Il mio medico è stato sincero,
        ma il consiglio non basta,
        io vorrei ritornar ad esser bella,
        ma davanti a un buon piatto di pasta.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di