Scritta da: Anna De Santis

Splendida rosa (a Laura)

Era un giorno d'aprile,
Laura aprì la finestra al sole,
con la grande voglia di sposare,
quel bianco vestito, poggiato sul letto,
la faceva sognare.
Uno sguardo dolce, un sorriso e l'amore,
ma tutto in una sera, perse il suo coraggio,
il mondo crollò... si avvicinava maggio.
Come fiamma che arde e che sparge la cera,
quella notizia, non gli parve vera,
con grande coraggio, cercò di reagire,
ma come si fà se ti han detto: morire...
eppure in quel letto volevi guarire.
Quella bestia immonda che le carni divora,
perché proprio ora?
E Laura pregava, contando quei giorni,
pensava al vestito che avrebbe indossato,
forte era forte, mai come la morte
che quella bianca rosa, decise di fare sua sposa.
E giunse quel giorno, con grande dolore,
perché sul suo viso c'era un bianco pallore,
accennava un sorriso, in quel letto,
tutt'intorno squallore, era già in Paradiso.
Da una parte l'amore ti stringeva le mani,
dall'altra, la morte che ti aveva rapito,
tu per fortuna, splendida rosa, vestita da sposa,
nel tuo bianco vestito, non avevi capito.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Un piccolo rimpianto

    Non soffrire, vorrei dirmelo ancora ed ancora,
    ma nonostante tutto, rimane un rimpianto... ora
    Se avessi provato... se quel pianto avessi consolato,
    quando ho detto che ti avrei lasciato...
    La mia strada mi ha portato in diversa direzione,
    ma tu non c'eri ancora nei miei pensieri,
    è stato più forte di noi, ed ancora ieri,
    ci siamo innamorati, ed è una cosa vera,
    fatta di parole, di respiri,
    di carezze mancate, di confidenze, di pentimenti,
    di tanti buoni proponimenti
    ma uniti sempre nei sentimenti,
    in un bacio che non ha mai fine.
    Una storia seria, che purtroppo è fatta di rinunce,
    l'amore per chi ama come noi, non sempre vince,
    comunque serve, quella certezza che mi sei vicino,
    a nessuno abbiamo voluto fare male,
    come l'aria però, ti devo respirare,
    ti devo sentire, tanto è forte questo amore
    che la nostra sicurezza è che tu ci sei per me
    come io per te.
    Non posso costringere il cuore,
    ha bisogno di andare,
    sai che vorrei raggiungerti
    ma in un posto dove?
    So che mi aspetti sempre, perdonami amore,
    ma ci sarà finalmente un giorno,
    il modo per poterti amare.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Troppa fretta

      La mia vita ad un certo punto
      mi ha presentato il conto,
      dovevo scegliere,
      i figli, la casa, la famiglia,
      una giornata tranquilla
      o seguire, contro ogni ragione
      la mia passione,
      di scrivere e cantare.
      Purtroppo non ho avuto tempo per pensare,
      il tempo incalzava ed io dovevo andare.
      Troppo in fretta,
      e da un fiume in piena mi son fatta trascinare.
      Ho bruciato tutti i tempi,
      ed a 20 anni ho voluto sposare,
      forse era quello, o forse no,
      ma in quel momento lo dovevo fare,
      contro ogni consiglio,
      e cerca di aspettare...
      Volevo fare tutto in fretta
      e senza esser costretta
      mi son ritrovata ad affrontare
      da sola situazioni incresciose,
      ma non potevo parlare,
      dovevo crescere con loro e ragionare,
      non dare dispiaceri,
      ed ero io a soffrire.
      Avanti, nonostante tutto dovevo andare,
      quel che avevo promesso dovevo mantenere,
      ma a quale prezzo!
      Non era tutto perduto,
      ed ho ritagliato degli spazi,
      e pian piano, ho avuto
      quello che mancava alla mia vita,
      quello che avevo perduto.
      Tardi mi son trovata a seguire la mia passione,
      ma se non lo facevo
      andavo certamente in depressione.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Vorrei averti qui

        Qui vorrei averti ora, senza parlare
        davanti a questo fuoco
        per lasciarmi andare
        alle tue carezze.
        Vorrei gustare piano
        il gusto saporito delle tue labbra
        e vorrei poterti amare
        come tu sai fare
        darti quella pace
        che non abbiamo invece
        perché ci siamo persi.
        Non è mai tardi
        e ci siamo amati
        la voglia di assaggiare
        quel frutto mai colto
        e la passione che ha travolto
        e per sempre sconvolto
        le nostre vite e le certezze.
        Il tempo ci ha ridato
        la gioia di un momento perso e ritrovato
        di un amore folle, mai dimenticato.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di