Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Che ber sogno

L'amore che ber sogno,
quanno che te sveji la mattina
vorresti cantà.
Questi so li primi anni,
quanno che accanto a te
ce vedi un fiore bello, acerbo
e co le curve a posto.
Quanno che passa er tempo,
passano le stagioni,
na mattina te sveji
e te domanni: e mò questa chi è?
Sfatta, cadente pe niente curata,
nun me ricordo più che l'ho sposata.
Cari omini, guardateve allo specchio
puro voi,
dalla cintola in giù
nun val la pena
e sopra è tutto no sfascio.
De tutte le vostre velleità
è rimasto un sogno.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Troppo tardi

    Ti pentirai
    delle parole non dette
    del tempo che non potevi perdere
    di quella rosa che non mi hai mai portato
    di quel bacio mai dato
    di una carezza
    che ti sembrava inutile...
    Tanto io ero lì, come un soprammobile
    tra le cose preziose che non si toccano
    sempre ad aspettarti
    pendevo da ogni tuo respiro
    senza un grazie amore...
    Eppure in ogni modo ho cercato di farti capire
    la mia solitudine.
    Non bastava l'amore dei nostri figli
    il tempo che correva
    e io volevo te, una parola un approvazione.
    Ora mio malgrado ho imparato a vivere
    da sola
    e non lo puoi sopportare
    ora sei tu che mi chiedi aiuto
    ma ho dovuto ripartire da me
    e far finta di non averti conosciuto
    eppure bastava solo un attimo
    tu l'hai perduto...
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Distruggerti ancora

      Ancora in gola
      torna sempre quello che ho distrutto
      vivo la mia rabbia, senza via d'uscita
      vorrei tirarti fuori dalla testa
      e dai pensieri
      ma non riesco ancora, sembra ieri
      ed ho un fuoco dentro che brucia e mi divora.
      Meno male che qui di fronte al mare
      riesco a calmare questo cuore
      Il battito si ferma per un attimo
      e poi riprende col movimento delle onde
      riesco solo a sentire la sua voce
      quando l'acqua si frange sulle sponde.
      Distratta, solo per un momento
      ma mi ritorni più forte dentro
      quando finirà questo tormento
      avrò la forza di buttarti a mare
      affogarti subito, senza salvarti...
      con le parole è semplice
      ma è difficile farlo
      ho scritto sulla sabbia il tuo nome
      che nella mia mente è un tarlo
      più volte ripetuto e poi cancellato
      dov'è che ho sbagliato...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Perché Signore

        Perché Signore chiedi il dolore,
        forse a chi può sopportarlo,
        ci vuoi eroi nel cuore,
        ma siamo umani, con la nostra disperazione,
        non puoi continuamente metterci alla prova,
        qual è la tua soddisfazione?
        Ci prometti una vita tranquilla,
        al di là del mondo,
        ma se in terra già fede vacilla,
        cosa poi ci dobbiamo aspettare.
        Sotto questo cielo di stelle,
        stiamo a guardare,
        a volte cerchiamo te, sempre lo stesso,
        che difenderai noi tutti
        ce lo hai promesso,
        ma in terra chi hai messo a nostra difesa,
        tra fede e amore non c'è più intesa,
        non siamo eroi
        ma ricorda quel che hai detto...
        perché ci fai soffrire, siamo figli tuoi.
        Vota la poesia: Commenta