Poesie di Anna D'Urso

Nato mercoledì 17 febbraio 1965 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna D'Urso

Notte

Questa notte,
libera da pensieri,
calma come il mare di primavera,
soffice come una nuvola,
triste come una panchina vuota,
selvaggia come il mio cuore,
spenta come questo amore,
scalfita come il marmo di uno scultore,
rosea come le guance di un bambino,
innocente come il nostro destino,
umile come quello che provo,
unica come il tuo sorriso,
lenta come il fiume di un domani migliore.
Anna D'Urso
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna D'Urso

    Attimi

    E scivola tra le pagine del tempo,
    sfogliando attimi di vita,
    porzioni di una torta mai finita
    che il giorno ha macerato nel vento.
    Nel corpo socchiuso di un uomo confuso,
    prendo l'essenza del tuo profumo,
    ne faccio la storia del mio passato,
    un divenire di un mondo inquinato.
    È carta straccia quella che vedo,
    nel vento soffia la vita che cedo,
    non sei più nessuno,
    non senti più nulla,
    solo nel cuore qualcosa traballa...
    e vorresti che la tua vita fosse una stella...
    Anna D'Urso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso

      Pezzi della vita

      Ricucio lentamente le ferite,
      dal tempo e dal silenzio lacerate,
      combino i lembi del mio cuore
      appallottolato dentro il tuo nome.
      Ricucio i pezzi del passato
      orlato di malinconia,
      per sempre tu te ne sei andato
      lasciando la mia vita in mezzo ad una via.
      Rimetto assieme i nostri giorni
      sperando che in cuor mio tu ritorni,
      e metto il filo dentro l'ago
      che ha punto tante volte il mio dito.
      Adesso che il restauro è finito
      non ha la forma che ho sperato,
      ma altro non so fare, che ve lo dico,
      se quel che era, ora non è tornato...
      Anna D'Urso
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna D'Urso

        La clessidra

        Giro quella clessidra tra le dita,
        contemplo la sabbia all'interno,
        è un po' secca,
        i suoi colori si sono un po' spenti,
        soffre,
        odia chi l'ha intrappolata,
        lei rivuole il mare,
        l'aria di un tramonto,
        il suono delle conchiglie,
        lei ha bisogno di volare...
        Rompo il vetro e la lascio andare...
        Seguirò il tuo cammino fino al mare.
        Anna D'Urso
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di