Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Anna Cottini

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna Cottini

Irene

Non amo il sopravvivere,
ti confidai quel giorno;
adesso ti confesso: è meglio deragliare.
È un nodo, un guazzabuglio,
giuro: non è un imbroglio.
Paura non d'amare la voglia di nascondermi;
nemico da sconfiggere:
pacata ipocrisia che giudica e ferisce
questa passione anomala.
Se sogno le tue mani non è capriccio labile
o tessera di un puzzle
che forma un quadro inutile.
Tu, bizzarro refolo che guizza nella mente,
mi graffi dentro l'anima e mi tormenti il cuore.
E ancora la tua immagine
che penetra sfacciata
in questo giorno liquido.
E mille gocce gelide
sai trasformare in briciole
che baciano la pelle;
ma questi strani brividi sussurrano la voglia
di un'ansia incontenibile:
è il pane del mio vivere.
Irene, io ti amo.
Sei la mia via di fuga, il mio confine infranto,
pugnale nello stomaco.
Irene, io ti amo.
Sei tutto ciò che ingoio:
veleno, amaro, dolce, groviglio nella gola.
Ascolta la nenia complice:
ti prego di concedermi
la fragile illusione di questo strano amore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna Cottini

    Pensiero di donna

    Toccare con gli occhi chiusi
    l'aria stanca della sera,
    confonderla con l'alba
    di un risveglio lontano.
    Tenerti prigioniero
    nell'orlo della gonna,
    cucirlo con il filo
    della seta per cullarti
    sull'onda del mio passo.
    Entrare scalza
    nella tua camicia
    e scivolare piano
    sulla tua pelle chiara.
    Danzare persa in una scena
    e regalarti l'illusione
    di donna solo tua,
    io che ho dentro al cuore
    tanti cuori.
    Cucire il tuo dolore
    nell'orlo della gonna,
    col filo delle spine.
    Confondere il colore
    del mio sangue con il vino
    e illudermi che, ancora,
    l'ombra della sera
    nasconda l'alba
    di un risveglio.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna Cottini

      Questo amore

      Com'è strano questo amore:
      non promesse, né parole,
      in discordia di colori,
      armonie senz'equilibrio.
      Com'è amaro questo amore:
      sa di abbraccio non concluso,
      di un'e-mail senza risposta,
      di una gonna spiegazzata.
      Com'è dolce quest'amore,
      come un sogno immaginato
      ch'è piovuto sui capelli
      come lacrime di stelle.
      Com'è vuoto questo amore:
      sa di amplesso senza odore,
      di un digiuno di tre giorni,
      del corallo che ho perduto.
      Com'è pieno questo amore:
      ha il sapore di un buon vino,
      di due labbra di vaniglia,
      di un corallo ritrovato.
      Com'è strano questo amore,
      fatto d'ali, solo d'ali,
      impalpabile respiro.
      E son certa, senza dubbio,
      non è solo un'illusione:
      è attaccato alla mia pelle,
      nel mio umore, nel mio fiato,
      nel timore di smarrirlo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna Cottini
        Solo i miei passi parlano, verso la vetta.
        Scarponi, zaino, mani ruvide,
        respiro, voglia d'infinito, di ali.
        Il suolo è complice del mio stupore.
        Sono erba attaccata alla roccia,
        sono aria incollata alla nuvola.
        La bocca è arsa, bevo una goccia
        che, lenta, scivola sul viso:
        sapore di sudore e lacrima,
        simbiosi tra terra e spirito.
        Improvviso, l'immenso si espande.
        Ascolto un bisbiglio: la vetta racconta al cielo...
        è quasi melodia o, forse, è preghiera.
        Composta nel agosto 2007
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna Cottini

          Bacio

          Bacio - definizione
          Sospensione di tempo,
          quasi a inebriarsi,
          quasi a librarsi.
          Vedere una forma mai vista,
          ad occhi chiusi.
          Toccare l'"oltre"
          che rapisce e consuma.
          Qualcosa che entra improvviso,
          qualcosa che si lascia incustodito.
          Non percezione di suoni.
          Intuizioni di odori.
          Sapore d'anima svelata,
          di dono, di meraviglia.
          Paura che sia sogno,
          paura di vuoto, dopo.
          Composta nel febbraio 2009
          Vota la poesia: Commenta