Per i fratelli
morti
spenti
trucidati
assassinati
da dietro le scrivanie sicure
io vi odio
da generazioni
Per voi
che portaste e portate
la guerra l'orrore
ho preparato
la lama affilata
Da tempo
ho pensato
laverò l'onta della violenza
nel mare
immane bruciante
Per colui
che non è tornato
per colui
che è stato abbandonato
nella terra devastata
nella terra gialla
nella terra nera
nella terra rossa
Per voi
ho decretato io
il giudizio finale.
Angelo Ricotta
Vota la poesia: Commenta
    Ho visto i cieli falsi
    trascendenza di formule sbagliate
    l'errore del giorno
    m'inseguiva nello spazio
    assoluto della certezza
    Allora tracciavo il movimento
    circolare del mezzo
    fino alla radice dell'esistenza
    l'infinito scandiva
    intervalli interi
    in combinazioni sicure
    ma non vere
    Cercai impossibili vuoti
    irrazionali
    lungo il limite atomico
    Provai
    l'ala leggera
    il baratro
    Ma le sfere colorate sono irreali
    Cosa preferiamo all'alba
    non saprei.
    Angelo Ricotta
    Vota la poesia: Commenta
      Commenti:
      2

      Piove

      Piove ancora sui sentieri fangosi
      sugli orti solitari
      sui verdi melograni
      Piove sulle spoglie pietre
      sulle case dirute
      sulle vigne incolte
      Piove sulle risa gioiose dei bimbi
      sulle mantelline gommate
      sulla scoscesa dei torrenti
      sui nascosti elmetti tedeschi
      Piove sulle poesie ingiallite
      sui vetri scheggiati del tramonto
      sui soffitti screpolati
      Piove sugli amori spezzati
      sulle case abbandonate
      sui laghi silenti
      sulle barche arenate
      Piove sui cuori nudi
      su tombe sconosciute
      sui volti grigi dei padri
      Piove su di noi
      sulle memorie dolorose
      sulle speranze di ieri.
      Vota la poesia: Commenta