Virgilio

Scritta da: Angelo Puglia

Il fumo: agli amici fumatori.

Mo vi scrivo quattro versi,
dato che siete diversi,
no, non froci né ricchioni:
fumatori tosti e buoni,
che fumate notte e giorno
mentre chi vi sta d'intorno
condivide il vizio audace
senza mai trovare pace.
Io fumavo da trent'anni
nelle gioie e negli affanni
respirando con fatica
anche a quella vista antica
(qual?, La rima ve lo dica),
m'illudevo d'esser toro
se ciucciavo una Marlboro,
ma la resa peggiorava
ogni giorno che passava.
Non vi dico dei viaggi
eran incubi selvaggi,
sempre in cerca di un ritiro
per sbafarmi qualche tiro,
poi vietato dappertutto
e qui venne proprio il brutto:
ore e giorni d'agonia
per la sigaretta mia,
non potendo, come adesso,
manco accenderla nel cesso.
Così dissi: caro amico
lascia questo vizio antico
dà una svolta alla tua vita
prima che sia già finita
se finire devi in cenere
sia per Bacco, sia per Venere,
non sprecare soldi e fiato,
non tossire a mozzafiato,
smetti e goditi la vita,
gioca nuova la partita:
così feci e, non vi mento,
ne son sempre più contento:
se vi servono più dati
meditate gli allegati.
Angelo Puglia
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Angelo Puglia

    Terza età, angòra sonno

    Vintiquatt'anni, ajeri te'ncontrai,
    ìo cinquant'otto, no mme scordo mai:
    tu mme guardasti come no uaglione,
    ìo te virietti come na uagliona,
    cco na resedda freshca mme ncantasti,
    paria tutto tanto naturale,
    ca quasi, 'nce penzai ppe no momento,
    te mmitava ppe quarche appuntamento.
    Po'mme venette mmente a la'ntrasatta
    Ch'era na cosa ca no gghìa fatta:
    mme putiv'esse figlia e nepotedda,
    cch'e mme passava ppe le ccelovredda!
    Mm'accorgietti can l'anni so ppassati,
    puro ca ppe sto core sò scordati:
    accussì senza rece nienti chiano chiano
    te salutai strengennote la mano.


    Ancora sogno

    Ventiquattr'anni, t'ho incontrata ieri,
    io cinquant'otto non lo scordo mai,
    tu m'hai guardato come un ragazzo,
    io t'ho guardata come una ragazza,
    con una risatina fresca m'hai incantato,
    sembrava tutto tanto naturale,
    che quasi, ci ho pensato un momento,
    t'invitavo per qualche appuntamento
    Poi mi è venuto in mente all'improvviso
    che era una cosa da non fare:
    potevi essere per me figlia e nipotina,
    che mi passava mai per il cervello,
    mi accorsi che gli anni sono passati
    anche se il cuore li ha dimenticati.
    Così senza dir niente piano piano
    ti ho salutata stringendoti la mano.
    Angelo Puglia
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Angelo Puglia

      Terza età, angòra sonno

      Vintiquatt'anni, ajeri te'ncontrai,
      ìo cinquant'otto, no mme scordo mai:
      tu mme guardasti come no uaglione,
      ìo te virietti come na uagliona,
      cco na resedda freshca mme ncantasti,
      paria tutto tanto naturale,
      ca quasi, 'nce penzai ppe no momento,
      te mmitava ppe quarche appuntamento.
      Po'mme venette mmente a la'ntrasatta
      Ch'era na cosa ca no gghìa fatta:
      mme putiv'esse figlia e nepotedda,
      cch'e mme passava ppe le ccelovredda!
      Mm'accorgietti can l'anni so ppassati,
      puro ca ppe sto core sò scordati:
      accussì senza rece nienti chiano chiano
      te salutai strengennote la mano.

      Traduzione

      Ancora sogno

      Ventiquattr'anni, t'ho incontrata ieri,
      io cinquant'otto non lo scordo mai,
      tu m'hai guardato come un ragazzo,
      io t'ho guardata come una ragazza,
      con una risatina fresca m'hai incantato,
      sembrava tutto tanto naturale,
      che quasi, ci ho pensato un momento,
      t'invitavo per qualche appuntamento
      Poi mi è venuto in mente all'improvviso
      che era una cosa da non fare:
      potevi essere per me figlia e nipotina,
      che mi passava mai per il cervello,
      mi accorsi che gli anni sono passati
      anche se il cuore li ha dimenticati.
      Così senza dir niente piano piano
      ti ho salutata stringendoti la mano.
      Angelo Puglia
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Angelo Puglia

        Emigrazione

        Era re vierno, mme pare, frevaro,
        quanno partisti ppe la prima vota,
        ppe te nne jè n'Germania, emigrato,
        cco ddoie valici nove, re cartone.

        Pigliasti la curriera la matina,
        putiano esse le cinco o le ssei,
        io te nc'accompagnai e nno ssapia,
        quanto cangiava dda la vita mia.

        Saglisti tanto giovene e pulito,
        cco lo vistito accattato a lo Vaddo,
        forsi a Salierno, manco mme ricordo,
        apposta ppe pparte, ppe gghiè a ffatià.

        Tinivi nafacci cco ppoco sorrisi,
        ca n'accovava la malinconia,
        ppe mme e ppe mmamma certo facisti
        sfuorzi tremendi ppe te controllà.

        Ricisti: " Io parto, ma mo tu si l'ome
        ca tutta la casa adda fa respettà,
        a mammata aiuta e prutieggi a chir'ati
        ca mo tieni tu la responsabilità".

        E io ruric'anni tinia sulamente
        E pigliai tutto cco simplicità,
        sapia ca tornavi, ma no ssapia quanno,
        viria ca partivi, mano mme paria

        ca forsi rurava ppe n'eternità:
        partiano tutti, amici e parienti,
        era na cosa perfino normale
        e no mm'addonai ch'era troppo ppe mme.

        E prima re saglie mme risti no vaso
        E na vinti lire ppe mme conzolà,
        e mmamma, chiangenno, abbrazzasti cco mico
        recenno "ve penzo, non te preoccupà".

        Passaro li juorni, passaro li misi,
        venette l'estate e nno ssaccio ppecché
        tinia sempe mmano chere vvinti lire
        e nn'avìa lo coraggio re mme nc'accattà

        na cosa quarsiesi, no bbello gelato,
        na carameddozza o n'ata bontà:
        pirdietti a la fine sto povero sordo
        ca n'avia valore ca come ricordo.

        Passanno lo tiempo capietti lo fatto
        Ca te nn'ieri juto ppe sempe ppe mme,
        capietti ca ormai mannavi li sordi,
        ma quanno tornavi, tornavi ppe ppoco,

        scrivivi le lettre cco bbasi e saluti,
        contavi la vita stantata e patuta,
        e mentre criscìa cco nnonna e cco mmamma
        penzai tanta vote ca chera partenza
        avia miso fine a la'nfanzia ppe mme.

        Traduzione
        Emigrazione
        Era d'inverno, mi sembra, febbraio
        quando partisti per la prima volta
        per andartene in Germania, emigrato
        con due valige nuove, di cartone.

        Prendesti la corriera la mattina,
        potevano essere le cinque o le sei,
        io ti ci accompagnai e non sapevo
        quanto cambiava là la mia vita.

        Salisti tanto giovane e carino
        Con il vestito comprato a Vallo,
        forse a Salerno, neanche mi ricordo,
        appositamente per partire, per andare a lavorare.
        Avevi una faccia con pochi sorrisi
        Che non nascondeva la malinconia,
        per me e per mamma certo facesti
        sforzi tremendi per controllarti.

        Dicesti: "Io parto, ma ora sei tu l'uomo
        che deve far rispettare tutta la casa,
        aiuta tua madre e proteggi gli altri,
        chè adesso è tua la responsabilità.

        Ed io avevo soltanto dodici anni
        E presi tutto con semplicità,
        sapevo che tornavi, ma non sapevo quando,
        vedevo che partivi, ma non mi sembrava
        che forse durava per l'eternità:
        partivano tutti, amici e parenti,
        era persino una cosa normale
        e non mi accorsi che era troppo per me.

        E prima si salire mi desti un bacio
        e una moneta da 20 lire per consolarmi,
        e piangendo abbracciasti me con mamma
        dicendo"vi penso, non ti preoccupare".

        Passarono i giorni, passarono i mesi,
        venne l'estate e non so perché
        tenevo sempre in mano quelle 20 lire
        e non avevo il coraggio di comprarmici

        una cosa qualsiasi, un bel gelato,
        una caramellina o un'altra bontà:
        alla fine persi quel povero soldo
        che non aveve valore che come ricordo.

        Passando il tempo capii il fatto
        Che te ne eri andato per sempre per me
        Capii che ormai mandavi i soldi
        Ma quando ritornavi, era per poco,

        scrivevi le lettere con baci e saluti,
        raccontavi le vita stentata e dolorosa,
        e mentre crescevo con nonna e con mamma
        pensai tante volte che quella partenza
        aveva messo fine alla mia infanzia.
        Angelo Puglia
        Vota la poesia: Commenta