'O viento

'A do pruvene stu lebèccio
ca friddo spira e chiacchiareja
'o pentone 'e sti vie sulitarie?
Arraggiato e nzisto, appriesso
se porta tutto chello ca trova,
p' 'e senche trase d'int'e vasce,
fronne secche e carte abbandunate
sorchia e sperde pe' l'aria.
Arrecietto nun trovano
chiantulelle appena chiantato,
'e rammere tremmulejano scujetate,
d ' 'a albere scippa fronne a palate.
Luntano addò sta 'o mare
l'onne se fanno argentate,
cu nu rummore cupo e surdo,
arrivate ncopp'e scoglie,
spumma e schizzi a cchiù nun dico
menano p' 'e l'aria.
Viento fatto lièggio,
nun frangere sti barche spaventate,
srareca 'a paura 'a dint'o core
d ' 'a gente miezz 'o mare!
Ferma stu scioscia scioscia
ca capricciuso nun dà pace,
abbrucato e senza ammuine
cunzegnato a 'o Pataterno
ca cchisà d ' 'a dò t'ha mannato!
Oje viento, cchiù nun te sento..
Addò ti si annacuso?
Tutto mo s'è accujetato!
Overo 'e perso 'o sciato?
E allora statto buono scrianzato,
ce sentimmo n'ata jurnata!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Ncrucianno 'a morte

    Mmiezz'a via cammenanno
    quanta vote, senza vulerlo,
    l'uocchie ncopp'a nu manifesto
    burdate 'a lutto sò cadute!
    Do' dèceduto, sbiadito
    nun nomme scunusciuto
    appena se leggeva.
    Cu 'o core,
    senza dicere niente a nusciuno,
    spisso po' aggio pensato:
    Comm 'a n'amico fedele,
    d ' 'a matina a' sera,  
    aspettanno d'int'a l'ombra,
    pronta pe' ce abbraccià,
    senza parlà, da che munno
    è munno, 'a morte ce accunpagna!
    Sempe a l'erta, maje stanca,
    comm'a na sentinella essa ce spia
    e vede chello ca facimmo!
    Na distrazione, na malatia
    so tutto occasione bone
    pe' ce correre ncuntro
    e ce carrià…. all'atu munno!
    Quanno all'appuntamento
    puntuale s'appresenta
    avvellutata comm'a na sposa
    e ce piglia sott 'o vraccio,
    vestute 'e niro, festa le facimmo :
    sciure, musica, cerròggene,
    corteo, marmo e lacreme d'alta qualità
    per essa sò sempe pronte.
    Nu juorno addò uno
    nu juorno addò nato
    sempe trova che ffà
    e maje,  'a spasso stà!
    Àneme, senza sciato,
    trasporta in quantità!
    A' mità autunno,
    quann'a malincunia,
    piglia pure a ' lu tiempo,
    pe' st'impegno custanto
    ca essa teno pe' tutto l'anno,
    ggente 'e tutto specie,
    buone e malamente,
    addulurata ma devota
    â casa soje và a visità!
    'A casa soje?
    E chi nun 'a cunosce!
    'A casa soje
    è addò stanno chillo
    ca cchiù nun ce stanno,
    là, addò 'a poco,
    mpruvvisamento
    nu juorno scarugnato
    pure papà mio se ne juto!
    Parlà d 'a morte pe' chi è vivo,
    arricurdarse  'e tutto chello
    c'avimmo perduto,
    na bella cosa nun è,
    e, si a Essa ce penzammo buono
    'a pella s'arriccia
    e dint'a nu mumento
    tutta 'a vita se fa scura!
    Siente all'ora,
    ch'hai abbisogno 'e luce
    e accussì a lu surriso
    e 'a carezza d' 'a speranza
    'o core corre e se cunsegna
    pe' putè cu ànemo e curaggio
    affruntà chello ca primmo
    o doppo puro l'aspetta!
    Ah 'a ggente, 'a ggente
    ca smania e se ammuïna,
    ca fa finta e nun sapè
    ca nterra o d'int'a na cappella,
    cunsignato a nu scunusciuto,
    comme si non fossemo maje stato
    abbandunato d' 'a vita
    lasciate po' venimmo!
    Doppe tantu tiempo
    chi maje cercarrà nutizie 'e nuje,
    che rumarrà maje
    d' 'a superbia e d' 'a mmiria nosta
    quanno passata 'a chianozza
    d 'ô tiempo, metuto d' 'a fauce
    d' a morte, polvere tutt'aguale
    l'Eterno nce arriduce!
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      'A Vita

      'A vita
      Mpapucchiato d' 'a speranza
      'e dimane l'ommo parla,
      senza arricietto e cu mille smanie
      scetanneso ogni matina
      fa discorse pè tutt' 'a vita;
      appriesso a lli staggione
      cu'o core'ncantato
      se ne va annamurato
      a spasso p' 'o munno,
      si mentre corre o passea
      pè suspirà se ferma,
      nfilato'o filo d' 'a fantasia,
      si nun arricama suonne
      cose o arrepezza pruggetto.
      Maje cuntento, maje sazio,
      si spenn' 'a putega d' 'a vanità,
      'e cose s'arrobbe cu l'uocchie:
      'a meglia rrobb' 'a vò p'isso!
      Si s'affiata cu na femmena,
      s'accatta figlie ca danno penziere.
      Saglie, scenno,
      corre mmiezzo all'anne
      ca passano fujenno;
      cu na smania d'alleria
      pe'luntano part' 'e pressa
      affruntann'a vita;
      cu curaggio aspetta,
      ca chissà, si pè na vota
      nu suonno suoje s'avvera!
      Nu bello juorno,
      a ntrasatto, senza sciato
      annanz' ' a na sagliuta,
      a quatt'uocchie, po' c'appura?
      Appura ca'na fronna secca
      è addeventato! Nu filo'e vita
      appena l'rummane!
      Senza parlà, appucundruto
      s'arritira dint'a n'angulo scuro
      e, pigliannes'a vita comme veno,
      là, aspetta ca nu colpo'e viento,
      senza scrupulo e pietà,
      luntano s' 'o porta
      dint'a nu fuosse cupo!
      Comm'a tutto chesto
      'e vvote aggio pensato!
      Mo'o saccio, o'veco, 'o sento
      ca tutt'o rummore da vita,
      mo pe'uno, mo pè n'ato,
      sulo silenzio po' addiventa;
      sciuè sciuè, a vita s'accucciuleja
      comm'a nu cane ca s'arretira
      doppo tanta abbajo,
      tale e quale a'o rummore
      'e na banda ca scassea
      d'int'a strada'e nu paese,
      ca quann'a sunat' 'o gran finale,
      moggia moggia, zitto zitto,
      s'alluntana e, cchiù nun sona!
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Si dispera e pesticcia il bambino

        Si dispera e pesticcia il bambino
        il palloncino appena ricevuto in dono
        sfuggitogli dalle dita è volato via
        -di che colore era? - ancora si chiede.
        Attaccate ad un filo, transienti
        quante cose in un niente
        la vita con uno strappo ci sottrae.
        Pulsa il tempo e complotta sparizioni,
        del pensiero dell'attimo prima
        nulla ci resta, non una minima traccia
        persiste sui sedimenti del ricordo,
        molti estinti annovera la memoria
        allo scroscio dei giorni e delle ore,
        silenzi di sincope s'immillano
        al muto distaccarti da ombre.
        Si buccina che nessun possesso
        sia sicuro, che ogni certezza sia momentanea
        che la speranza fugga prima di essere degustata
        che l'illusione sia piuma al vento.
        Finché si può, tra fiotti si galleggia
        un vortice, poi, inesorabile, nient'altro.
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          Se è in bianco e nero e non a colori

          Se è in bianco e nero
          e non a colori che ti ho ritratta
          sul frontespizio da quattro soldi
          della silloge che ti ho dedicato
          che importa: acceso e smagliante
          il tuo sorriso per me mai muta:
          mirando la donna amata,
          rapido giunge e riparte
          fischiettando e svaporando
          sempre un treno
          strapieno di emozioni!
          Magnificata dal cuore,
          solare e bella più che mai
          incessante in me amor t'effonde
          nessun spessore ci separa:
          la tua pelle è la mia. Anime fuse
          in uno stesso corpo chi può disunirle!
          Lievitate e alate, in volo
          su nel cielo azzurro
          se abbiano insieme un peso
          poi è ancora da vedersi!
          Amore, ultima corda della mia cetra
          bisogna pure che ti persuada del tutto
          che non nel sonniloquio
          ma è nel giorno che sei il mio pensiero,
          il mio necessario, il fuso su cui avvolgo
          la speranza, la mano che allontana
          le forbici di Atropo dall'invisibile filo
          a cui tremante è sospesa ogni vita
          la gattona senza unghie con occhi dolci
          che accarezzo e invispita mi fa le fusa.
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di