Questo sito contribuisce alla audience di

'A fantasia

Quann' 'a  fantasia
te vene a truvà,
si avveluto
e scuntento te siento,
comm' 'a nu buono amico
essa te stenno 'e mmane
e, cu nu surriso, affussanno
tutt' 'e malincunie
ca pace nun danno
a l'anima toje,
nziemm' ' a essa
luntano te porta
cu 'o penziero zumpettianno
commm’a chillo ‘e nu guaglione
pe' nu cielo chino  'e  stelle
addo stanno tutte 'e cose belle
ca vita annasconno e nun te dà!
"Cammina, cammina
appriesso a me,  vide là
quanta lucente nce stà!"
Vulisse  afferrà chelli cose
ca fanno brillà l'uocchie tuoje
primma ca scumpareno
e te scurdà, pe'  nu  mumento,
'o  scuntento  d' 'o  ccampà!
Sicuro può stà,
priate 'o core pò cantà
fino a quanno essa
te stenne 'a mano!
Ma comme dint' 'a  vita
spisso succede
'o tiempe tuoje è passato,
cu n'ata appuntamento ha pigliato:
t'addà lassà, ma quantu bene
dint’ô prufunno t' ha fatto già!
Vota la poesia: Commenta

    'A malincunia

    Nce stà na cosa c'abbrucia,
    nera comm'a pece
    cchiù azzeccosa d' 'a   colla,
    tosta comm'a na preta,
    coce e luce nun fa, 'a vita,  
    'a  parte ddò lustro nu' ff 'avutà!
    Quanno arriva pe' sfizio se ntalléa,
    s'abbotte e nun se sazia:
    ‘o core tutto, te siente arrusecà!
    Nfame sta sempe appustata!
    Zitto, senza te ne fa addunà,
    s'accosta cu nu passo felpato:
    pàffete, te zompe ncuollo
    e sbattuto  pe' terra te fa truvà!
    Tutte l'ombre passano:
    essa, cucciuta là rimmane!
    Comm'a l'acqua trase
    pe'  tutt' 'e pertuse ca trova
    nfunno scenne, scavà,
    s'annasconno e, fetosa  rimmano!
    Sta cosa ca mette all'anima
    lli ppene, sapite ched'è?
    E' 'a malincunia!
    Avite voglie 'e  nzerrà  'a  porta!
    Si addà  trasì,  
    tuzzulea cchiù forte;
    ustinata se fa sentì!
    Ve chiamma cu cierti strille!
    Santo p' 'a scuraggià
    nun ce ne stanno...
    se nun schiarisce, ll'avit' arrapì!
    Vota la poesia: Commenta

      Si stu core nu juorno...

      Si stu core nu juorno
      pe' na priezza
      cagnasse culore,
      si na matina 'e primmavera
      cantanno e siscanno se mettesso
      annuro quanno esce 'o sole,
      si uocchie affatturate e belle
      cu buscie nun le parlassero,
      si scetannemo nun truvasso
      'e stesse penziere senza speranza,
      si nun truvasso 'o stesso dulore
      s'arapesso pe' n'ora 'o canciello
      'e stu carcere scuro!
      Currenno e zumpettianno
      chi m'acchiappasso cchiù!
      Pe' suspirà manco me fermasso!
      P' 'a mmiria o pe' paura
      ca nun fosse overo, v'assicura
      ca manco v ' 'o dicesso!
      Vota la poesia: Commenta

        Amore, amore

        Amore, amore
        macigno o piuma
        adagiata sul cuore
        voluttà e perdizione
        incrocio di desideri
        rotta per quieta ansa
        sei vita e sei morte!
        Sbocci e rinsecchisci
        tra le stagioni del cuore
        l'animo risorgi e affossi
        illudi e deludi un volto.
        Mai pago, esigente
        prendi dai e fuggi via
        clamori e silenzi
        nelle ore edaci fecondi.
        Limpido un giorno
        tempesta un altro
        tra lenti e assidui flussi
        aduli e rinfranchi
        impaurite speranze.
        Candore, impurità
        mano aperta, pugno
        stupore che candisci
        promessa ti accompagni
        ai passeggeri del mondo.
        Mai voce morta
        sveglio sempre ti ascolto
        e pur nel sonno ti ritrovo!
        Resta quanto puoi
        sulla scena di questa vita
        mia non immortale
        altri palpiti scrivi
        in una compiuta storia:
        su un seccato legno
        un po' di fresco verde
        resti ancora odoroso.
        Vota la poesia: Commenta

          Dall'ultima volta che colsi una rosa

          Dall'ultima volta
          che colsi una rosa
          per barattarla con un bacio
          è passata una vita.
          Allora, le arterie
          mi sarebbero scoppiate
          nel darla in dono ad una donna
          e strapparle dalla bocca un sorriso.
          L'ultima volta
          che morsi delle labbra
          ero un uomo vivo,
          al centro della giostra,
          intorno tutto mi girava
          e non era molto complicato
          esser felice.
          Oggi un ristagno
          è nei miei occhi,
          distante, vuota e senza luce
          mi appare ogni cosa.
          Il percorso planimetrico
          degli anni da vivere
          ho sempre ignorato;
          altri la mia vita
          ridussero in scala
          ne fissarono l'altimetria
          la forma e i confini.
          Eppure, quante volte
          il pantografo dei sogni
          ne tentò un ingrandimento
          sul lucido del cuore!
          Vota la poesia: Commenta