Infiorare avrei voluto i nostri giorni

Infiorare avrei voluto i nostri giorni
e il tuo capo infrondare con altri allori,
il denutrito cuore saziare
con bacche di gelso e more
ma... solo accartocciate foglie
e lazzi frutti di seccato legno
oggi appena so darti in dono!
Viene il momento in cui tutto agonizza
e ogni cosa, esangue vacua si scompone,
da roghi morenti che non si avvivano
crepitii più non ascolti e nell'anima
ammalata, che non sa più stare in piedi,
solo silenzio di ceneri sale e rimane.
Altra foce non ha questo mio male
che fiotta con ardita foga
se non l'infinito chiuso del vuoto.
Ma nella fedeltà che non muta,
dall'ammutolito mio fagotto,
per uno stretto forame un filo
di speranze, fluendo a te conduce.
È da questa mia prigionia
che aspetto un gesto tuo,
che pane d'amore mastico adagio
e capriola qualche speranza;
è qui che qualche foglia
ancora riparo trova dal vento;
è in quest'ombra che un sasso
non si arroventa fissato dal sole.
Pur se ambiguo e scialbo
appare il sorriso del domani
e specchio d'acqua
il volto sereno non rifrange,
ignora lo stesso il mugolìo
che da quest'oggi in fuga tu odi;
sfollato da un tuo bacio
il lagno rauco del mio gemito,
inudibile, si allontani via dissolto!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Insurrezioni

    È da molto che spendo
    i miei giorni allo scuro!
    In fuga dal mio rinchiuso,
    come una volta, domani,
    seguirò una rotta solare,
    estranei mi fisseranno
    occhi schivi di donna
    trapassandomi il cuore!
    Ossigenato dai giardini
    dei cortili circostanti,
    invasivo alle narici
    mi raggiungerà l'olezzo
    che si diffonde dai fioriti
    tralci protesi oltre
    le infocate ringhiere.
    L'orma dei miei passi
    su polverosa redola, dirà
    che di lì un uomo è passato.
    Avvisterò qualche sparuto
    passero che, al dispiegarsi
    della mia ombra silente,
    alipede, spiccherà un volo.
    Grigioverde lucertola
    immota in oziosa postazione,
    vedrò poi spaventata svariare
    per il brullo muro crepato
    alla ricerca di un latibolo
    fidato che tutta l'accolga
    riparandola dal rischio
    di un accadimento temuto.
    Domani, una svagata occhiata
    lancerò ai cartelloni ingialliti;
    sedotto dal fragrante richiamo
    di una tazza di caffé spumoso,
    stanco, mi fermerò in un bar
    a contare i gelati che si sciolgono
    tra le mani accaldate di bambini
    avvampati accorsi in frotte
    dal popoloso rione vicino.
    Domani sarà un trasgredire!
    L'innesco di un moto riottoso
    avvierà una covata rivolta,
    capovolgerò le mie malinconie;
    ad un'insurrezione aderirà
    questo cuore orfano di sole
    e di oscurità prigioniero.
    In un mondo di piccole cose,
    un altro sarò per un giorno
    meravigliando me stesso!
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      T'avrei creduta sulla parola

      T'avrei creduta sulla parola
      se solo mi avessi detto:
      - Non voglio che tu vada via! -
      È da inenarrabile tempo
      che, esiliato dal tuo cuore,
      di te più non ho cercato notizie.
      Nel vuoto che mi lasciasti
      come avrei potuto?
      Al di là dello squarcio
      raro di un ricordo,
      affiorò, di tanto in tanto,
      il periscopio della nostalgia
      per scrutare sull'orizzonte
      delle cose perdute
      una labile scia da te lasciata.
      Quante volte nel silenzio
      l'orecchio tesi all'eco
      del frangente della tua vita!
      Scancellata, in modo
      definitivo dal mio taccuino
      ogni antica annotazione
      che ti riguardasse,
      a chi chiedeva dove tu fossi,
      o se per doloroso rammentare
      correvo a te remota,
      io non seppi dire se oltre la fitta
      cortina dietro cui eri scomparsa
      probabilmente ancora ti aggiravi.
      Per affermare che
      tu sia di certo svanita
      non ho prove adeguate,
      in un impensato angolo
      del mondo, tu sarai!
      Talvolta avrai pensato
      al ragazzo con la motoretta
      che tremante arretrò
      al suo primo bacio,
      ti sarai chiesta
      se questo rinsecchito
      flabello di canna,
      agli assalti delle folate
      oggi ancora resista.
      Si, sono qui,
      risparmiato dal turbine,
      a vangare nella memoria
      le ignite zolle di un amore
      che apparso alato ratto fuggì
      privando le mie pupille
      di esistenziali guizzi di luce.
      Resati irreperibile quaggiù,
      nell'aldilà, in cui so che credi,
      forse ti rintraccerò nel mezzo
      di un folto nugolo di ombre,
      per riannodare un filo doppio
      da te, senza pietà reciso.
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        'A vita è comm'a na rosa

        'A vita è comm'a na rosa
        sulo spine rimmaneno
        quanno s'è sfrunnata!
        Prumesse fatte,
        buscie giurate e suspirate
        parole d'ammore
        nun se po' cuntà
        comme se svampano
        appena murmuriate.
        Passa ambressa 'a giuventù,
        si cunsuma in un'andata
        senza ritorno,
        perse 'e scelle
        ne accusi il colpo e cala 'a capa!
        Cu l'anno ca passeno fujenno
        po' se arrevota 'o tiempo,
        si sventure e stiente te fanno 'a posta
        in caduta libera t'affierro
        'a na speranza ca cchiù nun cride
        Se te capita 'e te guardà
        dint"o specchio
        n'ata faccia tu vide
        e pienzo 'a comme si cagnate
        a quanta vote 'a vita t'acciso
        e nun te ne si addunato.
        Tutto more, sulo 'a morte
        rimmane sempe viva!
        Comm'a essa
        vulisso essere eterno
        pè apparà 'e cunto c"o campà
        ma te si scitato appena
        nun è dato manco nu respiro
        ca già te ne si gghiuto!
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          ..Certo ca te voglio bene!

          Quanno pe’ rispirà nu poco d'ammore
          cianciuso t’addumando si me vuò bene
          riffe e raffa, sùbbeto me dice:
          -  Certo ca te voglio bene! -
          Tanta vote me pare overo
          e pe' nu poco s'accujeta stu core
          ca nun sape maje che le succedo.
          Ma saccio pure ca l‘ammore
          - l’ammore cu l’A maiuscola -
          è nata cosa,  ca na buscìa,
          scanagliata, nun pò tenè forza!
          Si uno all’impruvviso
          d’into a l’uocchje  a n'ato spia
          chi  nun è sincero se tradisce
          e  s’è vede ‘e cose po’ comme songo.
          Nu sentimento, na smania ca trascina
          si vullejano nun se ponno ammutulì;  
          finte, si vulessero ‘nbruglià nu core
          nun se ponno vestere ‘e passione
          troppo stritto fossero chille panne:
          o’ bianco, 'o griggio do' core
          nun si pònno maje avutà a russo!
          E accussì i' te resto vicino
          senza sapè si è juorno o notte
          si chello ca pienze e io nun tocco
          si chello ca tu pe' mme siente
          e nun me dice è ammore
          o n’ata cosa ca forse l’assumiglia.
          Fossero st'uocchie  mieje
          ancora cchiù chiuso
          o i' nun ce vedesso buono:
          chiù s'assicurasso stu core!
          Se tu mme dice ' a verità o na buscìa
          chi  ‘o  po’ dicere: tu sulo 'o saje.
          Tu sulo 'o saje si sti penziere
          ca spòntene d'int'o scuro so male penziere
          ca sulo nu mumento svuntuleja,
          si è sulo p' 'a  paura 'e te perdere
          ca mm' arriduco scemo accussì.
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di