Questo sito contribuisce alla audience di

Che m'è succiesso

Che m'è succiesso
da quanno mettennemo
na mazz' 'e scopa sott' 'e cosce,
comme si fosse stato nu cavallo,
cu na scimitarra
fatt' 'e cartone rinfurzato
curreva a fa guerra
cu 'e nemico ca steva p'arrivà;
... da quanno m'abbuscaje na preta
ncapo, doppo na secutiata?
Che m'è succiesso
da quanno appuntunato
all'angulo 'e nu vico
apettava tremmanno
ca passasse na guaglione
e 'o core dicesse: -
Mò ca passa
lle facci' 'o surdeglino,
m'accosta e lle dico :
Vuje, mme facito suspirà! -?
Che m'è succiesso
'a quanno na femmena
me mannaje addì ca mme vuleva
e i', gamme chïate,
appuiato restai nfacci'a nu muro
c' 'o core ca sbatteva e tremmava
p' 'a nuvità? Che m'è succiesso
'a quanno addiventato n'ommo,
sturduto d' 'a speranza ca runzea,
mpapucchiato da mille sbarìe
'o tic-tac 'e nu rilorgio
accuminciaje a cuntà
juorne, anne e malincunie?
Che m'è succiesso?
M'è succiesso
ca me so' fatto viecchio!
St'uocchie senza chianto
e stu core tutto curaggio
hanno capito 'a verità!
Mo 'o saccio!
E chi se ne mporta
si me restano 'a sfuglià
sulo poco paggene
primm' 'e nserrà
'o libbro d' 'o destino, c' 'a vita,
passanno comm'o viento
arapette tànto tiempo fà!
Vota la poesia: Commenta

    Non te l'ho detto e non lo sai

    Non te l'ho detto e non lo sai
    ma è da tanto che ad un chiodo
    ho appeso la bici della vita
    e poco mi curo della salute
    del cuore più invecchiato
    ma pur sorpresa non dir nulla
    se di nuovo nel felice risveglio
    del mio sguardo con meraviglia
    riconosci un lampo di cupidigia.
    Se occhi ilari, vogliosi di bagliori,
    rapiti scrutano il fondale di perle
    delle tue pupille, non incolparli!
    È solo con un risoluto affissare
    che azzardo esprimere tutto:
    di parlare, sai, ho dismesso e tutte
    negli occhi compendiate son le parole.
    Interprete attenta del dialogo silente
    tu forse indovini intendi e misuri
    a quale altezza stellare si sia spinto
    un audace e sfacciato immaginare.
    Non vedi l'andirivieni eloquente
    di sorrisi e luccichii che fino a te
    fa spola raggiera ustoria?
    Si dispiega una tenerezza pura
    e tra albali chiarori veleggio sicuro
    cullato da un dolce lieve abbandono;
    un cuore si lancia sulle tracce
    di chi rilascia effluvi di illusioni.
    "Finché c'è vita c'è speranza" si dice!
    E sbalordiamo pure se siamo capaci
    di vibrare un altro colpo di coda
    e fugare la morte: illudiamoci!
    Per una ragione si ha diritto a vivere...
    Che importa se domani o altro giorno
    venturo, sviati, involeremo delusi.
    Vota la poesia: Commenta

      Brunice

      Svagando tra aiuole di memorie
      assenzio ti riconosco e ti estirpo
      svampito sogno! Ieri, inganno
      assurto alla ribalta, oggi
      incarnata nel vero, insulto
      ad un cuore alla berlina
      per aver alla luce del sole
      fomentato senili e vaghe illusioni.
      Implume bipede pur mi rammento
      che truccata ad alata
      lontana fuggisti via senza posarti
      un attimo sul parapetto
      di una dischiusa finestra amica!
      Ah quale funesto senso si intende
      levato lo sguardo ad un vuoto cielo
      se assente è ogni vocio di rosignolo
      sullo sfrondato albero della vita!
      Qual riparo, qual lieve conforto
      è dato al viandante smarrito
      sfibrato dal tempo e disilluso
      che percorra l'opaca trafila
      delle ore accidiose del suo vivere!
      Sfatata effige, ambigua parvenza
      sgorbio incolore oggi io ti contemplo
      qual visitatore attento
      ad una affollata mostra di assenze!
      Cuore e tempie requie non trovano
      epicedio è il venir di memorie
      che si perpetua e lancinante irrita
      i precordi di un corpo semivivo!
      Resterai pure tu del tutto senza luce
      e chiaro allora vedrai nel buio;
      estranea e muta un'ombra inquieta
      salirà furtiva per un frangente le scale
      della casa del tuo cuore solingo:
      sulla soglia, la fisserai orba di speranze
      e ti balzeranno al cuore gesti parole
      attacchi di trilli ma sarà vano e tardi.
      Alle prime avvisaglie del nulla
      fatta né oggetto né soggetto,
      né alfa né omega, aspro saprai
      che mai ci è ridato o si ripete
      quanto non abbiamo superbi accolto.
      Che ognuno si dibatta nella sua cella
      e invochi per amor di sé l'iddio del caso
      perché bonario propizi o promuova
      i favori di un possibile domani...
      lo partecipi di qualche baldoria della vita!
      Vota la poesia: Commenta

        Brume autunnali

        Di fogliame denudata,
        brulla la vigna si mostra
        tra le fumanti brume
        di quest'alba novembrina.
        Un passero intirizzito
        sul ramo del cinereo fico
        immobile sosta aspettando
        il primo languido raggio
        di un sole tardivo
        che pigro indugia
        dietro plumbee colline
        Oltre la siepaia
        tra solchi arati,
        un uomo, di ascia armato,
        dirigendo va i suoi passi
        verso la cedua macchia.
        Da silvestre accordo
        blando eco si ode
        del rauco fiume
        che nascosto scorre
        tra remoti filari
        di argentei pioppi
        da folate percosso.
        Del nuovo giorno
        che non ci abbaglia
        nulla si sa
        così come degli abissi del mare
        o della nostra vita.
        Che vi sia una primavera
        o che nelle notti d'estate
        le cicali tengano concerti
        assordanti e il tedio
        nei meriggi assolati
        al vigore dia scacco
        questo è sì certo!
        L'agreste calma
        che il paesaggio crea,
        dolce riparo ai clamori urbani,
        può solo dirci che il tempo
        invano non passa
        che nella radura delle ombre
        ritroveremo i rami secchi
        che labili sostennero
        il fogliame dei nostri giorni!
        Oh se tutto avesse un senso,
        se lo stelo del filo d'erba
        non si piegasse al respiro del vento
        che la speranza anche via porta!
        Vota la poesia: Commenta

          Infiorare avrei voluto i nostri giorni

          Infiorare avrei voluto i nostri giorni
          e il tuo capo infrondare con altri allori,
          il denutrito cuore saziare
          con bacche di gelso e more
          ma... solo accartocciate foglie
          e lazzi frutti di seccato legno
          oggi appena so darti in dono!
          Viene il momento in cui tutto agonizza
          e ogni cosa, esangue vacua si scompone,
          da roghi morenti che non si avvivano
          crepitii più non ascolti e nell'anima
          ammalata, che non sa più stare in piedi,
          solo silenzio di ceneri sale e rimane.
          Altra foce non ha questo mio male
          che fiotta con ardita foga
          se non l'infinito chiuso del vuoto.
          Ma nella fedeltà che non muta,
          dall'ammutolito mio fagotto,
          per uno stretto forame un filo
          di speranze, fluendo a te conduce.
          È da questa mia prigionia
          che aspetto un gesto tuo,
          che pane d'amore mastico adagio
          e capriola qualche speranza;
          è qui che qualche foglia
          ancora riparo trova dal vento;
          è in quest'ombra che un sasso
          non si arroventa fissato dal sole.
          Pur se ambiguo e scialbo
          appare il sorriso del domani
          e specchio d'acqua
          il volto sereno non rifrange,
          ignora lo stesso il mugolìo
          che da quest'oggi in fuga tu odi;
          sfollato da un tuo bacio
          il lagno rauco del mio gemito,
          inudibile, si allontani via dissolto!
          Vota la poesia: Commenta