La mia storia

La mia storia è quella
che altri e il tempo
hanno sempre scritto per me.
Nacqui un giorno non so
se per caso o per amore,
crebbi piano nelle strade
fra miseria giochi e paure,
l'ansia in corpo di essere grande
si accompagnò all'illusione
di incontrare un giorno amore.
Poi d'un tratto mi scoprii uomo
come arboscello mi feci fusto
misi foglie e diedi frutti.
Guardai il mio animo fiorire
il cuore farsi piu piccolo e
tremare ad ogni emozione
affidarsi a una speranza.
Oggi sono quello di ieri
non cambierò' se sopravvivo
illuso, pazzo ingenuo
allacciato resto ad una donna
rimasta bambina cattiva
che vuole tanto
per niente che dà
che non mi dà niente
per tanto che prende
che allattata al seno
d'amor mai pur cresce
che come gnomone di meridiana
ad un alto sole d'affetto
ombra sulla mia vita proietta
anticipandomi l'ombra dei cipressi
che già da tempo più non temo.
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Orfico fado

    Cigolava, cigolava, cigolava di catene
    il mio solitario passo per la tua strada
    il cuore disperato appena un palpito batteva
    il riverbero della vetrata vidi spento
    più nessun riflesso mi giungeva
    nuda opprimente in alto cava
    infinitamente bruta devastazione
    era la notte mistica tirrena.
    Oh proterva opulente matrona
    a veduta d'amor ventosa mi teneva
    inconscio delle cose cieche e oscure
    che così chiaro scorgo e combatto
    in questa ultrafosa notte serena.
    Reale vuoi che sia la mia morte
    dopo l'ultimo bacio che mi hai dato
    e in atro altro amplesso mi congiunga?
    Non ti posso lasciare senza cuore!
    Canto di pace è il singulto delle mie lagrime:
    la distanza solco che ci divide
    nel futuro che si apre cancella al primo sole:
    saprai che in attendere chi ci ama
    è la gioia più compita che ci resta
    bloccati davanti alla muraglia
    che si deforma in spettrale sfondo.
    Sii ciò che non sei, fai ciò che non vuoi
    viaggiando sotto la cupola del cielo
    si dischiuderà la porta che nasconde
    l'ascoso senso del senso della vita!
    Dilavata di rancura stupisci
    con l'accento che ci incantò
    quando nel cuore dell'altro
    rinvenimmo l'introvabile speranza
    di mutato veder un fisso destino.
    Prima di rabbrividire e sudar freddo,
    perché per ogni vivente è pur sempre
    imminente il gran salto oltre la vita,
    come cera consuma l'invettivo parlare
    calore d'amore che ti sprigioni dal cuore!
    Amarezza staccati dalla terra
    e il tuo pravo feretro annega nell'Ade
    una dolcezza viva ritorni e poi dilaghi
    nel cuore di chi assenzio più non divora!
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      Ognuno fa i suoi viaggi

      Attenta, oltre il vuoto che ti invade,
      questo cuore non veduto ascolta
      prima che sfinito salpi per l'eterno.
      È passata, come parte della nostra vita
      l'ora della tortura e delle acri parole
      or muto e spento è il cratere d'ira
      lontane son ceneri e fuliggini
      sgombro di lapilli l'orizzonte;
      al sicuro in questa tersa aria
      esci dal rifugio e torna al sole.
      Altro e nuovo tempo ti involi
      con altro passo ripulsino le vene
      un ineffabile t'afferri e ti regga.
      Non vedi le divenienti
      case di speranze che si stagliano
      oltre quel che scorgi
      che a tentati strappi
      ancora intatta è la trama
      e che alla pozza semivuota
      altra acqua vi giunge?
      Poche scintille di screzi
      non possono bruciare un ceppo;
      a qual fosti ritorna, amante
      mutata da altro sapere aspettami
      ti raggiungerò a tuo comando.
      Se un alato dal plume ingrigito
      si insacca in una rete e vi resta
      se stanco di volare sceglie dove morire
      non ti impaurire e accoglilo
      qualche cinguettio pur udirai.
      È questo voler essere con te
      in un angolo di luce
      il voto che ancor mi nasce nel petto
      se da pellegrino ti raggiungo
      e hai fede non rifiutarlo
      basta dibattersi tra il qui e là
      tra rinvenimenti di luce
      e tenebre d'orgoglio
      vivere di respiri di oscurità
      qual dèmoni incarnati.
      Di serenità avvampati
      in pace ritroveremo un aspetto
      con cui mostrarci al mondo
      non divisi, ma anima indivisa,
      che compie due destini.
      Non ucciderti né uccidermi
      nello stupore di amare
      troverà un premio il cuore
      prima dell'ultimo schianto
      qualcosa sosterrà due vite.
      Ognuno fa i suoi viaggi:
      chi per i paesi del mondo
      chi nel cuore di un altro
      solo i ciechi di natura
      possono non aver visto nulla.
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Ora che sei venuta

        Benvenuta
        nella stanza del mio cuore
        ebbrezza serale:
        lungo e faticoso è stato il giorno
        aspra l'arsura dell'anima
        seccati or tu vedi i sogni
        bruciate le illusioni.
        Vieni soffio leno, vieni
        rinfresca la mia vita
        dàlle altro respiro
        dilatane i confini
        sfiorala suadente
        di serenità ristorala
        se ancor prossimo è un pianto
        tacitane i singulti
        rapiscila prima che si strugga!
        Nel tuo aereo storno
        di frescura accoglila
        in alto senza turbini innalzala
        ... sia pure il nulla dopo.
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          Pe' chi nun 'o ssape.

          Da quanno 'o core na fèmmena  
          me cunsuma e nun me dà pace
          chello ca d''a matina a' sera
          vulesso e me passa pa' capa  
          è ca  'e sùbbeto 'a morte
          venesso a me piglià.
          Si, oje morte, fa ambressa
          viene nun me fa  aspettà
          assaje stanco so 'e campà:
          nzerra st'uocchje  e pigliàte
          sta vita ca nun saccio che ne fà!
          N'ammore ca m'accumpagnasso
          pa' vecchiaia a essa cercajo;
          'a mmescafrancesca, senza cuscienza,
          d'int'a nu suonne sunnato
          fauza cu prumesse m'arravugliaje:
          'a cartera  sapeva buono 'o juoco
          cu l'asse d'o spuglià futteva
          a tutte chillo ca 'ncuntrava
          l'arte  d' 'o mbruglià fino cunuscevo!
          -E' a sta sempe cu mme!-  
          cuffianno nu juorno me decetto
          senza nu muzzeco 'e bene
          e i' povero scemo lle credetto
          truvanno nu mutivo pe' campà;
          'a bona pella p''o lietto
          fatto 'e fatte suoje
          dànno 'a nnummenata 'a 'e figlje
          -ca sanno sulo scamazzà chi lle fa bene-
          mmentaje 'na buscìa
          e cu 'na vutat''e mente
          'a vita mia d'int'a niente arrevutaje:
          senza ragione e senza scuorno
          annuro e svestute 'e speranze
          miezz' 'a via me sbatteva
          comme si i' nisciuno  fosse stato.
          Si uno arrobba va carcerato
          ma chi t'arrobba 'o core
          cu na prumessa ca nun mantene
          o pe' p'ingiaria arrecoglia
          sulo pe' nu sfizio suoie
          che pena pò addà scuntà?
          Comme se po' cuntà
          chello c'aggio patuto
          'a purcaria a tradimento
          fatta 'a uno comme a mme
          'o dulore ca 'a famiglia mia
          aggio dato e pure m'a purdunato.
          Mprusato nun voglio campà,
          accussì: nun pozzo cchiù campà!
          Morte viene mò
          nun me fa cchiù aspettà
          nun me fa fesso pure tu
          dicennemo: -Trica n'atu poco
          ca ancora a tiene 'na speranza
          'nu mutivo pe' campà
          ca dimano n'ata luce ce po' stà!-
          Famme cuntento, damme pace:
          a sti mariuole 'e bene e dignità
          nun me fa cchiu' pensà
          all'ombra d' 'a croce, morte
          pe' sempe, famme arrepusà!
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di