Questo sito contribuisce alla audience di

Nitori oscuri

Come acqua diretta al mare
dolente e esausta
pazza di sé al nulla
scorre la vita;
fuscello di anni seccati
si impiglia riemerge e fluisce
il relitto di essere in balia
delle furie e del tempo
ondeggia tra urti e gorghi
alla deriva vanno fecali
progetti e illusioni
desideri e pazzi voli.
Che abbiamo da guardare
attristati o sgomenti:
sapevamo già tutto!
Breve intervallo
di presenza e di luce
durante il perdurare
ci fu concesso nati vivi.
A che l'urlo disperato
davanti al cavo del vuoto
nell'ultimo recesso
dello spirito coinvolto
nel degrado della carne?
Frammenti, minuzie,
a-valenti atomi bruti
poi più nulla resta
di noi umani sospesi
nell'insieme abolito
di cielo e terra.
Non si può mangiare
un dolce senza consumarlo
vivere senza morire
amare senza soffrire
restare nubili di speranze.
È cosi! Tanto è dato
niente pesa come il niente
e non si possono
stipulare accordi
su inizio e fine
tema e trama
con l'Inconoscibile:
questo è il suo
e il nostro limite.
Passano in un'aria di piombo
continuano a passare come noi
in alto le nuvole senza rumore
dileguate e irraggiunte
nel placido azzurro del cielo.
Vota la poesia: Commenta

    Quando eterea dirompi

    Quando eterea dirompi
    nell'aria che respiro
    dentro di me ti scrivo
    dentro di me ti parlo
    e son calde parole d'amore
    brani dettati dal cuore.
    Narrano di luci fruscianti
    in un'atmosfera senza tempo
    e senza spazio
    di brillii, di fosfori sfrecci
    di inseguimenti e di fughe
    tra passar di notti di giorni
    tra cortei di sogni e visioni;
    raccontano di venti e di sospiri
    tra incanti e disincanti
    di carezze a volti di illusioni.
    E così nel mio profondo
    mi afferri o fuggi via
    vano poi ti inseguo; svanisci
    e non so più dove mi trovo
    dove vado o cosa fare
    se curare o lasciare
    la stanca vita disfarsi
    se all'alba cercarti ancora
    o assopirmi nell'ultra buio.
    Come polla dai miei anfratti
    sgorghi acqua dolce
    e nelle arsure di solitudini
    ti offri per umidire labbra arse
    quanto ti attingo a piene mani
    se mi chino sull'argine pietroso
    mentre rapida vai verso il mare!
    Vota la poesia: Commenta

      Si ve parlo pe' nu mumento

      Si ve parlo pe' nu mumento
      pure si nun ve n'accurgite
      stù core, pòvero viecchio
      appriesso gióvene ve corre,
      si stà abbatuto e strutte
      pur'a ll'erta torna
      e 'nzìsto ve guarda dint'a faccia!
      Comm'a nu vrasiere isso s'appiccia
      e vuje... ncoppo ce sciusciàte!
      Pure si vulite ammmischià'e carte
      so accussì ovèro sti cose
      ca ì rimmango frasturnato
      attuorno ve giro comm'a Terra
      gira attuorno'o Sole
      e si na parola dòce me dìcite
      niente cchiù capisco v'assicuro!
      'Ntramènte facite repiglià sustanza
      a sta vita mia appassita
      na canzóne ca nun sentìte
      "Ve vòglio bene assaje..."
      'nzùccarato nu melione'e vòte
      ve canto core a core.
      Nisciuno abbaglio belle e buono:
      fuoco'e paglia nun è:
      verace è tutto overo!
      Nun se stagne st'àmmore
      ca scórre'a dint'o core!
      Tuccàtelo, tuccàtelo e dìcite:
      è ovèro, sì, sì è isso
      e tu me vuò bene assàje!
      Vota la poesia: Commenta

        Core ca me tiene mente

        Core ca me tiene mente
        e 'a luntàno me spìe e nun parle
        uócchie verde, capille d'oro
        vocca sperùta ca cercate vase
        mo ca attuórne a mme accumparìte
        e mme facite festa e ammuìna
        dìcete ca è ffernuto 'o malietiempo
        'e passata 'a nuttata nera e cupe?
        Pigliàrrà na bon'abbiàta
        sta matenàta ch'è spuntàta
        pè uno ca pà vita spassea
        senza sapè si n'ata carezza
        o nu poco 'e bene le spetta
        primma ca se chiùre 'o destino?
        Che dìcite s'alluma dimàne
        n'atu pìzzeco 'e sole m'attocca
        o surtànto n'atu poco
        vò sfruculià a malasciòrta
        stu pòvero core mio?
        Facìteve cchiù vicino
        facìteme sentì buòno
        chello ca dìcete
        cuntàteme sùlo 'a verità
        ca si arrassusía na buscìa fosse
        ì ne murarrìa sicùro.
        Cèrto ca ce vurrìa crérere
        si vuje franco site
        pecché senza crérere cchiù a niénte
        uno po' addò s'abbìa
        e vuje sapìte ca si torna na lusinga
        sponta n'ata vòta na speranza!
        Ma vuje primm 'e parlà
        ato vulìssivo sapè
        ma che ve pozzo dìcere:
        ogge ve putimmo dì surtànto
        chello ca nun simmo,
        chello ca nun vulimmo
        e tutto chello ca cercammo
        sénza maje truvarlo
        si no ca d'into
        a nu suónno affurtunàto...
        Suónno vuje sìte?
        Sénza prèssa rispùnnite
        a st'òmmo ca niénte sape
        e dìcitelo si sùlo addà campà
        o cumpagnìa lle vulite fà!
        Vota la poesia: Commenta

          Verrà il giorno dopo la notte

          Verrà il giorno dopo la notte
          e io non so se sarò qui o là
          se su un bigio muro scorrerà
          domani ancora la mia ombra
          all'allungo dell'arco del sole.
          Non so più nulla di me
          del mio cuore e della vita
          e tendo a indovinare
          se di essi mi chiedono;
          sulla porta delle attese
          più non c'è più nessuno
          che chieda di entrare
          e non so per quale ragione
          ne tanto arrossisco o apro bocca
          se una donna incontro e mi parla.
          Resto il bersaglio fisso
          per una nera arciera
          che se non arma l'arco
          o sbaglia mira domani
          mi lascerà oculare testimone
          di me stesso, spettatore
          del dissolversi in aria
          di un guscio di soffione,
          di gente che gira in tondo
          a speranze e illusioni.
          Come oggi come ieri
          al monotono rullio delle ore.
          Chi mescola le carte
          e rifà destini è assente
          pure l'oroscopo manca
          e io non so più nulla
          né della luce né del buio.
          Oltre i paletti i recinti e le nubi
          portami via con te vento
          or che come piume son caduti i sogni
          stappata è la vela e franti sono i remi...
          Di essere durare e amare
          svampato il desiderio nulla più
          di umano si inventa la vita:
          la baldracca stanca e impallidita!
          Risucchiami ora vento tra le tue trombe
          smembra i miei atomi e sia polvere:
          a che serve restare fino al tramonto
          e poi attendere il sogghigno delle ombre.
          Vota la poesia: Commenta