Che ragione c'è di guardare ancora

Che ragione c'è di guardare ancora
il cielo il mare e le stelle
di correre dietro restie illusioni
e attizzare altro fuoco nel cuore.
Si sbriciola e si accorcia la vita
forse domani sarà tutto compiuto
e non gireremo più intorno al nulla
smidollato è già ogni desiderio
rasa al suolo la speranza
e niente e niente più voglio
della schiuma che si è dissolta.
Mi resta sì il respiro in salita
il ricordo di qualche imbarco
sull'arenata goletta dell'avvenire
la conoscenza acuta della realtà
da cui fui sorpreso e sconfitto
quando una scintilla mi illuminò
e l'animo in salute ammalò
dell'incurabile morbo di vivere.
Possiamo appena solo narrare
deglutire davanti a blindate
vetrine di sogni luccicanti,
pensare di vedere e sentire
ciò che da tanto non ci appartiene:
giovinezza e amore.
Che accade di visibile conforto
oltre lo sgocciolio del tempo
e il tedio del prima e del dopo
il venir del vuoto compimento
senza aver visto mai il pieno!
Passano di gitto figure di seta
sorrisi e fili di luce nello sguardo
anteriore di me che ieri fui la sera
spenti toni poi effonde l'arpa muta
tra le grate della cella buia
in cui sconto la mia condanna
bramando condono di giorni futuri.
Oh il sole irraggiunto... irraggiungibile
che conserva il suo oro sorridente!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Nitori oscuri

    Come acqua diretta al mare
    dolente e esausta
    pazza di sé al nulla
    scorre la vita;
    fuscello di anni seccati
    si impiglia riemerge e fluisce
    il relitto di essere in balia
    delle furie e del tempo
    ondeggia tra urti e gorghi
    alla deriva vanno fecali
    progetti e illusioni
    desideri e pazzi voli.
    Che abbiamo da guardare
    attristati o sgomenti:
    sapevamo già tutto!
    Breve intervallo
    di presenza e di luce
    durante il perdurare
    ci fu concesso nati vivi.
    A che l'urlo disperato
    davanti al cavo del vuoto
    nell'ultimo recesso
    dello spirito coinvolto
    nel degrado della carne?
    Frammenti, minuzie,
    a-valenti atomi bruti
    poi più nulla resta
    di noi umani sospesi
    nell'insieme abolito
    di cielo e terra.
    Non si può mangiare
    un dolce senza consumarlo
    vivere senza morire
    amare senza soffrire
    restare nubili di speranze.
    È cosi! Tanto è dato
    niente pesa come il niente
    e non si possono
    stipulare accordi
    su inizio e fine
    tema e trama
    con l'Inconoscibile:
    questo è il suo
    e il nostro limite.
    Passano in un'aria di piombo
    continuano a passare come noi
    in alto le nuvole senza rumore
    dileguate e irraggiunte
    nel placido azzurro del cielo.
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      Quando eterea dirompi

      Quando eterea dirompi
      nell'aria che respiro
      dentro di me ti scrivo
      dentro di me ti parlo
      e son calde parole d'amore
      brani dettati dal cuore.
      Narrano di luci fruscianti
      in un'atmosfera senza tempo
      e senza spazio
      di brillii, di fosfori sfrecci
      di inseguimenti e di fughe
      tra passar di notti di giorni
      tra cortei di sogni e visioni;
      raccontano di venti e di sospiri
      tra incanti e disincanti
      di carezze a volti di illusioni.
      E così nel mio profondo
      mi afferri o fuggi via
      vano poi ti inseguo; svanisci
      e non so più dove mi trovo
      dove vado o cosa fare
      se curare o lasciare
      la stanca vita disfarsi
      se all'alba cercarti ancora
      o assopirmi nell'ultra buio.
      Come polla dai miei anfratti
      sgorghi acqua dolce
      e nelle arsure di solitudini
      ti offri per umidire labbra arse
      quanto ti attingo a piene mani
      se mi chino sull'argine pietroso
      mentre rapida vai verso il mare!
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Si ve parlo pe' nu mumento

        Si ve parlo pe' nu mumento
        pure si nun ve n'accurgite
        stù core, pòvero viecchio
        appriesso gióvene ve corre,
        si stà abbatuto e strutte
        pur'a ll'erta torna
        e 'nzìsto ve guarda dint'a faccia!
        Comm'a nu vrasiere isso s'appiccia
        e vuje... ncoppo ce sciusciàte!
        Pure si vulite ammmischià'e carte
        so accussì ovèro sti cose
        ca ì rimmango frasturnato
        attuorno ve giro comm'a Terra
        gira attuorno'o Sole
        e si na parola dòce me dìcite
        niente cchiù capisco v'assicuro!
        'Ntramènte facite repiglià sustanza
        a sta vita mia appassita
        na canzóne ca nun sentìte
        "Ve vòglio bene assaje..."
        'nzùccarato nu melione'e vòte
        ve canto core a core.
        Nisciuno abbaglio belle e buono:
        fuoco'e paglia nun è:
        verace è tutto overo!
        Nun se stagne st'àmmore
        ca scórre'a dint'o core!
        Tuccàtelo, tuccàtelo e dìcite:
        è ovèro, sì, sì è isso
        e tu me vuò bene assàje!
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          Core ca me tiene mente

          Core ca me tiene mente
          e 'a luntàno me spìe e nun parle
          uócchie verde, capille d'oro
          vocca sperùta ca cercate vase
          mo ca attuórne a mme accumparìte
          e mme facite festa e ammuìna
          dìcete ca è ffernuto 'o malietiempo
          'e passata 'a nuttata nera e cupe?
          Pigliàrrà na bon'abbiàta
          sta matenàta ch'è spuntàta
          pè uno ca pà vita spassea
          senza sapè si n'ata carezza
          o nu poco 'e bene le spetta
          primma ca se chiùre 'o destino?
          Che dìcite s'alluma dimàne
          n'atu pìzzeco 'e sole m'attocca
          o surtànto n'atu poco
          vò sfruculià a malasciòrta
          stu pòvero core mio?
          Facìteve cchiù vicino
          facìteme sentì buòno
          chello ca dìcete
          cuntàteme sùlo 'a verità
          ca si arrassusía na buscìa fosse
          ì ne murarrìa sicùro.
          Cèrto ca ce vurrìa crérere
          si vuje franco site
          pecché senza crérere cchiù a niénte
          uno po' addò s'abbìa
          e vuje sapìte ca si torna na lusinga
          sponta n'ata vòta na speranza!
          Ma vuje primm 'e parlà
          ato vulìssivo sapè
          ma che ve pozzo dìcere:
          ogge ve putimmo dì surtànto
          chello ca nun simmo,
          chello ca nun vulimmo
          e tutto chello ca cercammo
          sénza maje truvarlo
          si no ca d'into
          a nu suónno affurtunàto...
          Suónno vuje sìte?
          Sénza prèssa rispùnnite
          a st'òmmo ca niénte sape
          e dìcitelo si sùlo addà campà
          o cumpagnìa lle vulite fà!
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di