La grazzia

Levasti tu, Simone Cireneo
da chelle spalle sante del Signore
glio duro legno, che faceva reo
i deva agli'ome piso i disonore.
Levagli puro a n chisto crocione
che da quatt'agni, prima che c'intorza,
tenemo stiso 'n cima aglio groppone
Simone, bia tu po' f sta forza!
Aggiusta tutto, 'n ci lass agl'inferno;
addopra la ricetta pi potente
teta cur sta croci d Piperno,
Grazzia Sim, te s riconoscente.
Angelo Di Giorgio
Vota la poesia: Commenta

    La sepponta

    'No filo della luci, frabottenne
    aglio pale che steva sott'a isso
    ci disse forte, mentre 'ntrettechenne
    da 'n cima gli guardava sempre fisso:
    "Dimme 'na cica, arapri le lanterne
    'st gnorantone, ancora 'n si convinto
    ca s chiglio che te faccio scerne,
    ca bia lo scuro le so vinto?
    Glio pale aresponnivo: "Te raggione,
    ma 'n si penzato accome faciaristi
    se non ci stesse ine, sto fregnone.
    P'areggete and t'appoggiaristi?
    Allora f glio bbono, 'n t'avantane,
    non te f crede a certi mammalucchi
    se nn te faccio subbito sgonfiane,
    te levo la sepponta i tu te scrucchi".
    Angelo Di Giorgio
    Vota la poesia: Commenta
      Commenti:
      2

      S Passato

      Bruttaccio irto e meso sburdellato
      con gli zinale fino
      agli mbellicolo
      strigliava correnne p gli vicolo
      "S passato!"
      Ine c'i addommanai sine e a quale scola?
      "Nseconda alimentare s passato"
      Me se levavo n'tratto la parola
      e pensai poro padre disgraziato.
      La madre s ncontrato aglio montone
      ci dissi gli mammoccio
      trascurato
      m'arispose non me f mpressione
      glio padre c' passao
      doppo spusato.
      Angelo Di Giorgio
      Vota la poesia: Commenta