Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: A. Cora

Ardito sapore

Attimi
sconfinati
voglie assetate
ferme, al nulla sospese

Innanzi due bocche braccate, labbra
dischiuse d'attesa, pronte al gusto da resa
Soltanto il piacere danzare, in quel flessuoso
ancestrale torpore
Lingue dai sensi accecate, ancora
cercarsi tra loro

Gustando l'un l'altra, in
gocce d'amore, quel
liquefatto
sapore.
Composta mercoledì 20 luglio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: A. Cora

    Abissi

    Dagli abissi
    più scuri degl'occhi
    Dove scorgi il colore del cielo
    dentro la sera, più offuscato
    dal'ombra, calare

    Dai soffi del vento cortesi d'allora
    Della grande onda d'amore, che va oltre il
    confine del cuore, dove lei ancora dimora
    E più non riesci
    a toccare

    Ne cogli quella pura, densa emozione
    che il respiro di quegli anni
    lento sorbiva
    Come vero succo d'amore

    Nel'ascoltarne in silenzio
    il forte rumore dei flutti
    Ancora echeggiare
    nel cuore
    Composta sabato 23 giugno 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: A. Cora
      È magico
      nel gioco
      d'ombra e di sole
      che smorza sorrisi
      e parole

      Scorgere i tuoi occhi
      dentro i miei occhi, smarrirsi
      Come al mattino
      l'aurora

      Il tuo respiro, confuso col mio
      quasi mancare, la gioia dei sensi
      ardire, fino il cielo sfiorare
      Le mani affannate, in quel
      cercare, confuso

      Complici sguardi, tra ciglia
      rinchiusi, nascondersi
      Perché troppo
      nudi.
      Composta giovedì 7 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: A. Cora

        Pagine bianche

        Ciò che
        reca dolore, al
        mio costante osservare
        in piccole o grandi cose
        che vidi negl'occhi
        passare.

        Non è solo, quel raggio di sole
        che abbagliò i miei occhi, né quel
        confuso rumore che udii dentro il cuore
        scoppiare.

        Ma è quel colore speciale, che manca
        alle mie pagine bianche, per colorare
        quel sogno, che ogni uomo
        vorrebbe veder come un fiore
        Per porre infine, il
        suo nome.
        Composta giovedì 4 aprile 2013
        Vota la poesia: Commenta