Area Riservata

Il 2 ottobre è la FESTA DEI NONNI! Leggi le migliori frasi, pensieri e poesie dedicate al mondo dei nonni. Tutto quello che gli utenti hanno dedicato alla festa dei nonni lo trovi qui.

Poesie di Angelo Bozza

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

La scheda di Angelo Bozza


poesia postata da: Angelo Bozza, in Poesie (Poesie personali)

Nuda...

Nuda e immersa...
come in un liquido amniotico
sento rinascere in me la vita.
Finalmente libera dalle vesti dell'ipocrisia
della cattiveria e della futilità della gente.
Coperta da un velo
leggero e trasparente
le mie forme appaiono vergini
allo sguardo di chi
deve guardarmi
senza giudicare
ma ascoltare la mia anima
il cuore e la mente.
Solo così forse
mi potrà riconquistare.
-- Angelo Bozza (scheda)
Composta
lunedì 16 agosto 2010


poesia postata da: Angelo Bozza, in Poesie (Poesie personali)

Sorella morte

Sorella morte io... ti prego.

Non ho paura di te sorella morte,
lo so che tu sei l'ultima mia sorte.
Tutti ti dipingono paurosa,
ma forse nella tua vita eri una rosa.
Forse avrai avuto anche tu figli da amare
e anche loro avrai condotto da Dio all'altare
fai allora che anche i miei io veda crescere
e un po' i nipotini pascere.
Dio ha voluto darti questo peso
e se vieni da me non mi sento certo offeso.
Ti rivolgo solo una piccola preghiera
non venirmi a prendere la sera
vieni dopo l'alba al sorgere del mondo
in modo che io venga con te
non col buio
ma con la luce fino in fondo.
Composta
domenica 3 giugno 2007
Ha partecipato al concorso
Come un granello di Sabbia

poesia postata da: Angelo Bozza, in Poesie (Poesie personali)

Il vento e la tempesta

Lungi da me l'idea di soffrire ancora per amore,
lungi da me l'idea di farti soffrire per amore,

Tu che sei un alito di vento,
giunto nella mia vita in un momento.

Io vela controvento,
che si strappa nel tormento
e alla fine della tempesta
tutto o nulla resta.

Di te voglio o vorrei scordare ogni momento
ma è qui che l'emozione prende il sopravvento.

Perché dimenticare ciò che non ho mai avuto,
se non nel pensiero
quello che sono è uguale a quello che ero.

Non è cambiato niente
perché allora il mio cuore urla
e batte contro la tempesta della passione?

Perché squarcia vele e apre il mare?
Quel mare di percezioni e di grande desiderio...
che scatena il putiferio.

Dio dimmi perché,
forse l'ho voluto io
per riprovare sensazioni
ormai assopite,
per ricordare cosa si provasse.

Ma non ricordavo cosa fosse
rivivere tutto in un momento
un così forte sentimento.

Dio ti prego... aiutami in questo mistero
vorrei tanto non essere sincero
ma so solo che io l'amo
e qui non posso negare il vero.

Chiese il vento alla tempesta:
fa si che la tua ira... non sia funesta.
-- Angelo Bozza (scheda)
Composta
venerdì 1 giugno 2007

poesia postata da: Angelo Bozza, in Poesie (Poesie personali)

Il potere di uno sguardo

Uno sguardo più è semplice e più ti confonde.
Uno sguardo è capace di farti sbollire la rabbia.
Uno sguardo a volte evita che si pronuncino parole inutili.
Uno sguardo ti può far commuovere.
Uno sguardo ti lusinga.
Uno sguardo ti ammonisce.
Uno sguardo ti rapisce.
Uno sguardo può penetrare la tua anima.
Uno sguardo fa capire quanto ama.
Uno sguardo fa capire quanto odia.
Uno sguardo può provare la tua innocenza.
Uno sguardo può provare la tua colpevolezza.
Uno sguardo mostra il tuo coraggio.
Uno sguardo mostra quanto sei vigliacco
Uno sguardo mostra la tua umiltà.
Uno sguardo può uccidere.
Uno sguardo ti può far rivivere.
Uno sguardo decide l'inizio di un amore.
Uno sguardo ne decreta la fine.
Uno sguardo ti fa capire se si ama un altro/a
Quando uno sguardo si alza l'altro si abbassa.
Quando uno sguardo si abbassa l'altro si alza.
Ma quando due sguardi si incontrano e si fissano senza
distogliersi l'uno dall'altro e non per sfidarsi
vuol dire che la loro anima è pura e nulla potrà
intaccarli.
-- Angelo Bozza (scheda)
Composta
giovedì 1 novembre 2007
Ha partecipato al concorso
Come un granello di Sabbia

poesia postata da: Angelo Bozza, in Poesie (Poesie personali)

La notte

La notte del tutto, la notte del niente,
fa rider, scherzare, o dormire la gente.
Bimbi che sognan nel vero le fiabe,
lui condottiero di mille crociate,
con mille draghi la spada e le streghe,
lei con il principe il bacio e le fate.
Gli adulti apron gli occhi e guardan il soffitto,
con sguardo fisso di chi è sconfitto.
Chi invece lo gira... chi tira un sospiro,
chi dorme all'aperto, chi ha in testa un pensiero.
Chi corre con l'auto, chi traccia un sentiero,
chi ormai ubriaco in strada è sparviero.
Chi sogna il suo amore, chi urla terrore,
chi pensa a tutt'altro per tutte le ore.
Chi pieno d'amore guarda le stelle,
chi pieno di astio, odia anche quelle.
Chi nella notte vorrebbe gioire,
chi nella notte vorrebbe morire.
Chi chiude gli occhi sognando una svolta,
chi chiude gli occhi per l'ultima volta.
Chi nella notte impaurito si desta,
chi a quell'ora è ancora a una festa.
La notte si dice che porta consiglio,
ma a volte pensando ci porta scompiglio,
ma ogni umano che a letto va a sera,
cerca... un bel sogno, almeno... si spera.
-- Angelo Bozza (scheda)
Composta
martedì 23 ottobre 2007