Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: lilyth
Ti vidi,
una strana luce ti accompagnava
accecata ti guardavo
scintillava la mia catena
perché ancora piacevole
era il giogo,
un'ora d'aria mi davi
e a me bastava.
Mi hai nutrito di briciole alimentando la mia fame
illudendo la mia fede
azzittendo il mio cuore
che sottovoce ti urla"liberami da questo inganno, liberami da te...
Angelica Digirolamo
Composta venerdì 18 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: lilyth
    Il mio urlo è muto
    e muta è la tua voce,
    nessun eco produce il mio grido
    nessuna risposta alleggerisce la mia pena,
    stridono i miei denti
    si dimena il mio spirito...
    tutto tace, ed ormai stanca
    trovo pace nel tuo silenzio...
    Angelica Digirolamo
    Composta martedì 18 agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta