Va pensiero

Si sprigiona il canto del mattino,
il lucherino m'ha svegliata:
e fluttua una luce in gioia sparsa,
un non so che di vivo che rivive,
saltando contro ogni resistenza.

E nel profumo di caffè, tuffo il mio pensiero,
giostrando i bei momenti,
in un variopinto stato di piacere;
le note di sentite cantilene, di pene e di non pene.

Si, lo vedo!, è il frassino che gode e dà la manna:
idilli fra mare e cielo e terra forte.
La favola dei trulli e, poi vedo, senza morir,
la bella vesuviana. Sto davanti a Benedetto e prego.

Va pensiero alla città del Dante: s-chianti in Vinci.
Ecco la Dotta di rosso vestita.
Nella culla di Giulietta, bagnati di musica,
nell'ascoltar il Verdi.
E quella mia, la terra di Virgilio e dell'infelice Rigoletto.
Brilla La Madonnina nel vegliar la Pianura.

Oh!, le Alpi e lo scrosciar del Po appena nato.
Mamma mia!, alba pura in Piazza S. Marco: io,
colombella con la fede al dito, languida come una bava di vento.

Va pensiero, vai sulle verdi speranze,
sulle rose profumate e quelle camune,
balla sul legno e sulle sue fiamme:
sono sculture le ombre delle valli
e nelle foreste trovano dimora.

Osserva, l'anima leggera degli uccelli,
dai loro canti lasciati inebriare
e i pini che non smetton di sperare.
Il monte ha nella sua gola un suono;
lo senti? È lo jodler che raduna gli animali,
ed è tanto energico e, tanto è vitale,
che pare un'esplosione di felicità.
Angelamanuela Tosi
Composta nel giugno 2010
Vota la poesia: Commenta

    Il distacco

    Nell'andar lontano,
    versata al pianto sono
    e di pena che punge,
    mi circondo.

    Fra poco, un altro giorno;
    mi sdraio al gioco
    e le mie dita ridestano,
    per te l'unico suono.

    Svelano le nubi,
    la chiara luna
    che coglie le parole,
    dai tuoi occhi.

    Sarà la pioggia,
    prima di toccar la terra
    disseterà a fondo,
    tutto il mio mondo.
    Angelamanuela Tosi
    Composta nel settembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di