Questo sito contribuisce alla audience di

Canto della sera

Il rapido giorno è fuggito, la notte agita la sua bandiera
e adduce le stelle. Torme stanche di esseri umani
lasciano il campo e il lavoro, dove erano animali e uccelli
s'attrista ora la solitudine. Come il tempo si consuma!

Il porto s'avvicina sempre più per la barca delle membra.
E come fuggì questo giorno, così in pochi anni
io e tu, e quel che abbiamo, quel che vediamo, finiranno là.
Questa vita mi sembra un campo di corse.

O sommo Dio, non farmi scivolare sulla pista!
Non far che mi sviino né guai, né pompe, né piaceri, né paura!
Davanti e d'appresso mi stia il tuo eterno splendore.

Fa' che l'anima vegli se il corpo stanco s'addorme,
e quando l'ultimo giorno verrà a sera con me,
dalla valle di tenebre sollevami su a te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ma Na

    Nascita di Gesù

    Notte, lucente notte! Notte, più chiara tu del giorno!
    Notte, più splendida del sole, che luce dai alla luce,
    che Dio- luce di luce -elesse alla sua luce,
    notte, trionfante di ogni notte e giorno!
    Gioiosa notte, che metti in fuga tenebre
    e singhiozzi, l'odio portato al mondo,
    le paure, i terrori e orrori atroci.
    Si squarcia il cielo ma non ne cadono fulmini.
    Eccolo in questa, chi fece notte e tempi,
    eccolo carne ed obbediente al tempo:
    la nostra carne e tempo han pegno eterno!
    Il fosco dei dolori, il nero dei peccati,
    il buio della tomba disperde questa notte.
    Notte, più chiara tu del giorno! Notte, lucente notte!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ma Na

      Alle stelle

      Luci che mai son pago di mirare
      come diamanti eternamente ardenti. Voi,
      fiaccole lucenti,
      che la notte e tenebrose nubi
      attraversate;
      voi che i parchi del cielo, come fiori
      adornate.
      Voi, testimoni d'Iddio il dì della
      creazione,
      che solo Dio conosce e commisura,
      che soltanto il Suo verbo chiamò col
      giusto nome
      (noi, ciechi mortali, che cimentarci osiamo!)
      Custodi del piacere, oh quante dolci notti
      ho trascorso, vegliando, a contemplarvi.
      Sentinelle del tempo, quando succederà
      che libero d'affanni e mai di voi
      dimentico,
      sotto di me io vi scruti, voi che col
      vostro lume
      mi avete acceso l'anima e la mente?
      Vota la poesia: Commenta