Virgilio

Poesie di Andrea Spelta

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Andrea

Ti saluto mentre vai via

Una storia finita,
colpa delle incomprensioni...
Brava, ci sei riuscita
Valgono solo le tue ragioni...

La vera illusione
Di poter essere felice,
uno schiaffo la tua decisione
un peso, come una croce

La supero, ne son convinto
io valgo, non sono finto
tu, donna grande, donna forte
non giocare troppo con la sorte...

Dicono tutti che il destino è scritto,
che la vita ti rende il tuo favore
al tempo opportuno torna tutto,
è la resa dei conti di gioia o di dolore

Alle solite scuse di compassione
alla falsa vittima che sei
a te, che pretendi attenzione
quando non hai mai ascoltato i fatti miei

Povera piccola, donna fragile
la cattiveria non è così dolce,
è più astuta, da serva diventa padrona,
ti manovra e non ti perdona

E in questo gioco di luccicante ipocrisia
io ti saluto mentre vai via...
è vero, sarò solo con me stesso
ma sarò vero, io non sono un compromesso.
Andrea Spelta
Composta sabato 5 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea

    Un uomo non perfetto

    Nulla al caso, è evidente
    Il mio cuore lo sente,
    percepisce un attimo di eterno,
    un faro nel mare di notte
    un'onda che batte

    nel profondo di un dolore
    al centro di uno sconosciuto amore
    senza volto né figura
    una sola anima, la più pura...

    come un fiore regala al
    mondo intero il suo colore,
    le sfumature di un'emozione,
    la magia di una fantastica sensazione

    di leggera malinconia
    che ti segue, come una scia
    lasciata da un vissuto finito
    e forse mai capito,

    mai davvero compreso
    ma di certo non mi sono arreso
    cammino e stringo la mia felicità
    da regalare a chi mi accompagnerà

    nel viaggio del mio essere uomo,
    con l'istinto confuso da una paura
    di un'altra notte scura, illuminata
    dalla luce dell'affetto...

    la luce indispensabile ad un uomo non perfetto.
    Andrea Spelta
    Composta lunedì 5 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea

      Il sogno di una vita

      Amore, il sogno di una vita
      Amore, una forma indefinita,
      una leggerezza dell'essere in due,
      uno scambio di voglie, le mie con le tue
      la malizia che traspare dagli occhi,
      luce vera che emanano quando mi tocchi,
      quando sfiori il mio viso,
      quando mi accenni il tuo sorriso
      vorrei tanto che tu fossi già qui
      ad abbracciarmi e stringermi così
      con il sentimento più puro e raro,
      l'amore e l'affetto più sincero, più caro;
      io, speranzoso, ci voglio credere
      so che potrò finalmente ridere!
      Grazie a te, amore segreto e distante
      So che ti avvicini, lo avverte la mia mente
      E il cuore ritorna a battere nel petto
      Felice finalmente di poter donare tutto il suo affetto.
      Andrea Spelta
      Composta domenica 4 settembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Commenti:
        2
        Scritta da: Andrea

        Il Tuo Vento

        Della vita è risaputo
        Il suo essere imponente,
        non importa quel che è stato
        lei sa essere arrogante

        e così scopri chi c'è intorno,
        vivi emozioni e momenti felici,
        sorridi e vedi bello il mondo
        grazie a chi consideri amici

        Poi si alza quella brezza nera,
        quel vento che porta confusione
        il giorno felice diventa una fredda sera,
        nessuno ne capisce la ragione

        Percepisci un cambiamento,
        qualcosa arriva e qualcosa va,
        lasciando il posto ad un momento
        dove non c'è stabilità

        da qui escono tutte le verità,
        una tempesta di delusioni
        la scoperta delle vere personalità
        della gente a cui ti affezioni

        Gli servi per colmare l'esistenza
        Non hanno per te alcun pensiero
        Per loro conta una presenza,
        non sanno cos'è un amico sincero

        E ti abbandonano, non ti considerano
        Ormai sono fenomeni, sono eroi,
        dimenticandosi cosa dicevano
        nei momenti loro e tuoi

        Tu resti lì, perplesso,
        non trovi una motivazione,
        non capisci cosa sia successo
        per arrivare a quella situazione

        Ci stai male
        Non pensi di meritarlo
        Ma la vita è sincera, non sleale
        E saprà tenerne conto

        Lasciale tutto il suo tempo
        Tu prosegui il tuo cammino
        Che poi al momento giusto
        Arriverà anche il tuo vento

        Che ripagherà i torti subiti,
        è la legge della vita,
        avrai nuovi e veri amici
        e l'ipocrisia sarà punita

        Agli eroi la loro ricompensa
        Una solitudine immensa
        Tanta falsità e poca verità
        Ma a loro piace così...
        Questa è la realtà.
        Andrea Spelta
        Composta martedì 6 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Commenti:
          1
          Scritta da: Andrea

          Il segreto è l'attrazione

          Penso e ci credo
          Sogno, vivo e ne sono convinto
          che ce la faccio, non rinnego
          il tempo di un momento dipinto

          di brutte sensazioni, di cattivi pensieri
          niente emozioni, sono malinconici ricordi di ieri

          Attrazione, una legge fatale
          uno stile di vita
          lo spirito ideale
          per sapere che non è finita
          il segreto è l'attrazione,
          una regola, un'eccezione,
          per credere in noi stessi,
          giocandoci bene tutti i compromessi

          Ringrazio la vita per essere io,
          ringrazio me stesso per credere in me
          non posso fingere, non posso barare
          confondere il mio io con il rumore

          di un vissuto che non posso cancellare
          ma che posso solo ricordare
          con gli occhi di chi ha capito e imparato
          a vincere ogni limitazione del passato
          che fa paura e blocca la via
          verso una rinascita fatta di soddisfazione.
          Andrea Spelta
          Composta lunedì 24 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta