Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Andrea Spartà

Scrittore, nato venerdì 18 novembre 1988 a Patti (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Andrea Spartà

Sogno Vs Realtà

Gli sfondi sono sfocati, i contorni sfumati...
le parole confuse e lontane, i rumori assordanti...
i volti ovunque, gli sguardi ovunque, i pensieri ovunque...
solo alcuni ricordi sono ben nitidi, solo alcuni fotogrammi...
io, lei, il suo sorriso, il suo splendido sorriso...
solo alcuni sentimenti sono ben nitidi, solo alcuni battiti di cuore...
io, lei, la nostra felicità, il nostro splendido mondo...
Come sempre c'era qualcosa di strano, di insolito, di assurdo...
c'era una specie di carnevale in svolgimento... di notte...
degli strani alberi pieni di foglie basse...
facce di persone amiche che giravano per le strade...
sorrisi, spinte, l'esser trascinati via senza sapere perché...
qualcosa di importante da fare, la volontà di raggiungerla...
tutto il piano preparato, tutto il coraggio per attuarlo...
le difficoltà superate quasi come per magia...
ed infine eccola lì, dopo una sgommata con la macchina...
era lì... mi stava aspettando... sorrideva...
No, non era lei, non poteva essere lei... non era umana...
quel viso, quel sorriso, quegli occhi... non erano umani...
una ninfa, una dea, un viaggio dentro il sole... era lei...
Non riuscivo a crederci... il mio piano era perfettamente riuscito...
non sapevo come, non sapevo perché, non sapevo neanche se era merito mio...
sapevo solo che lei era lì, era lì per me, sorrideva per me...
Sorrideva...
Mi abbracciò... mi baciò... mi parlò...
ogni sua parola era una mia parola... ogni pensiero un mio pensiero...
era tutto così perfetto... così divino... così impossibile...
Voleva ciò che io volevo, era convinta di ciò di cui io ero convinto...
e, cosa più importante, aveva scelto me... aveva scelto me...
Aveva scelto me...
Ed era così bella... e parlava così bene... e pensava così perfettamente...
la sua mano, l'adoravo, l'afferrai, com'era calda...
correvamo insieme verso una meta che ormai non ricordo più...
ma non importava... col suo calore la mia mente viaggiava...
Sì, ce l'avevo fatta, ci ero riuscito... l'avevo conquistata... era mia!
Era andato tutto esattamente come avevo calcolato, tutto... tutto...
Non si può descrivere quel momento con delle parole...
sembrerà una frase fatta, ma davvero, non si può...
era qualcosa di troppo grande, troppo profondo...
era una felicità che avrebbe potuto gridare per sempre senza esaurirsi...
era il motivo per cui vivere, il sogno per cui respirare...
era lei... ero io... ed eravamo insieme... eravamo noi...
e poi...
poi mi svegliai...

No! No! Ti prego no!
La luce del sole, mai la odiai come in quell'istante...
No! No! Ti prego no!
La pesantezza del sonno, mai la sentii come in quell'istante...
No! No! Ti prego no!
La disperazione dell'aver perso tutto, mai la provai come in quell'istante...
No! No! Ti prego no!
No!
E invece sì... e invece sì... fottutamente sì...
Tutto era svanito... il suo sorriso era svanito, il suo amore era svanito...
la mia felicità... quella incredibile serenità... svanita... svanita...
Non si può descrivere quel momento con delle parole...
sembrerà una frase fatta, ma davvero, non si può...
era come se un aspirapolvere avesse risucchiato l'anima...
per poi risputarla, fin troppo pulita, un attimo dopo...
Il vuoto, sì, il vuoto fu la prima cosa che sentii...
poi la disperazione, la rabbia, l'impotenza...
Perché? Perché non ci sei più tu al mio fianco?
No, non sono solo neanche nella realtà... ma non è la stessa cosa...
ciò che ho non è ciò che realmente voglio...
ciò che ho non è ciò che realmente sogno...
ciò che ho non è ciò che realmente desidero...
La musica subito mi prende per mano e cerca di consolarmi...
ma l'immagine di quel sorriso infinito non potrà portarlo via...
ma il benessere di quella realtà inventata non potrà portarlo via...
ma quello che provavo con la tua mano nella mia non potrà portarlo via...
niente potrà mai portarti via... niente...

Ma continuare a pensarci non poterà a nulla...
anzi, sarà solo peggio...
decido di smettere di pensarci e scendo dal letto...
triste, deluso, abbattutto, ma deciso a continuare a vivere...
come ogni giorno, come ogni giorno, come ogni giorno...
Eppure tutta quella mia volontà sparisce poco dopo...
quando nel mondo reale mi immergo... senza saper nuotare bene...
e incontro loro... volti nemici, volti cattivi...
volti che in realtà non sono nulla... sono solo persone...
persone che putroppo già conosco, persone che vedo spesso...
ma sono persone di cui non ho bisogno... persone che non mi servono...
persone che mi aggrediscono, che sputano sentenze senza pensare...
sono persone piene di pregiudizi... persone senza cuore...
persone che non ti chiedono se ti arrendi ma che sparano subito...
persone che mirano coloro che possono distruggere e attaccano...
persone che ti fanno star male, che ti fanno disperare e arrabbiare...
ti fanno gridare, ti fanno stringere i pugni fino a farti male...
ti fanno venire voglia di urlare, di spaccare tutto ciò che hai intorno...
ti fanno desiderare di poter sparire o di poter far sparire...
ma tutti questi sentimenti, tutti questi contrasti interiori, svaniscono...
svaniscono nell'istante in cui capisci che di queste persone... tu...
tu non ne hai bisogno... non ne hai bisogno... non ne hai bisogno...
Esse sono persone finte, vuote, ingrate, cattive, infide, bastarde...
pronte a tradirti, ad esserti nuovamente amiche solo per poi tradirti ancora!
E gridano, scalpitano, strepitano, insultano, tradiscono, giudicano...
ma ogni loro parola ed ogni loro gesto svanisce non appena lo dici:
"Io di voi non ho bisogno... la mia vita non ha bisogno di voi..."
e solo in quel momento, tornando nel reale me stesso, realizzo tutto...
e mi calmo... respiro... analizzo il tutto serenamente...
non ho bisogno di voi, ciò vuol dire che di voi non m'importa nulla...
potete fare, potete dire, potete pensare tutto ciò che volete...
su di me, contro di me, alle mie spalle... non mi importa... non più...
Sicuramente, prima o poi, anche voi troverete qualcuno da amare...
e se avrete fortuna anche lui vi amerà... povero disgraziato...
ma non sarete voi, non sarete realmente voi...
a lui mostrerete una maschera, un costume, un copione...
sarà tutto diverso da ciò che la vostra vita realmente è...
e probabilmente lui non vi conoscerà mai...
ma io, io sì, io lo saprò chi siete realmente...
e vi guarderò, se non avrò di meglio da fare, fare i vostri giochi stupidi...
vi vedrò muovervi sulla vostra scacchiera, tutte insieme e da sole...
tutte dello stesso colore ma senza curarvi l'una dell'altra...
sceglierete la vittima di turno e l'attaccherete in solitaria...
Riuscirete? Cadrete? Verrete catturate? Mangerete?
Non lo so e non mi importa...
perché prima che possiate finire qualsiasi cosa mi sarò già voltato...
e, camminando lento, sarò già sparito nell'oscurità di una nuova via...

Sogno contro realtà... non c'è partita...
ma imparando a lottare potremmo entrare noi in questa sfida...
e vincere, da soli, contro entrambe...
Eppure no, non oggi, ormai è troppo tardi...
è già notte, è già luna, è già stelle, è già pensiero, è già via...
cominceremo domani... sì... domani sarà perfetto...
e fino ad allora, perché non approfittarne?
Lotterò, sì, domani lotterò... più di oggi, più di sempre...
ma fino ad allora, perché non approfittarne?
Coperta fino alle spalle, testa nel cuscino e cuffie nelle orecchie...
basteranno pochi secondi e sarò già partito...
con la speranza che tutto vada come progettato...
con la speranza di rivedere ancora il tuo sorriso...
con la speranza che la tua mano mi riscaldi ancora una volta...
chiudo gli occhi e "chissà che questa notte non ritorni anche a sognare..."
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea Spartà

    Il Silenzio del Mondo

    Stamattina c'era un ragazzo...
    portava uno zainetto sulla spalla destra...
    una piccola valigia nella mano sinistra...
    lettore mp3 in tasca e cuffie nelle orecchie...
    Camminava, quel ragazzo... camminava...
    ed urlava, quel ragazzo... urlava...
    urlava ma nessuno poteva sentirlo... nessuno ci riusciva...
    ed anche il mondo gli urlava contro... ma non lo sentiva...
    solo la musica nella sua mente, nel suo cuore... solo la musica...
    Le strade intorno a lui urlavano... la gente urlava...
    il mondo stesso, con il suo silenzio, gli urlava contro...
    ma quel ragazzo, no, non sentiva...

    Salì sul pullman e partì, quel ragazzo...
    le cuffie non abbandonarono le sue orecchie...
    la musica non abbandonò il suo cuore...
    i pensieri non abbandonarono la sua testa...
    Testa poggiata sul finestrino, qualche goccia che scivola lenta...
    campi, case, amplessi vari che scorrono veloci...
    e musica... tanta musica che urla dentro... sussurandoti le parole migliori!
    Persone mute intorno a quel ragazzo... persone mute...

    Non trovò il suo posto, quel ragazzo, in quel viaggio...
    quel viaggio che qualcuno chiama in un modo, altri in un altro...
    ed altri ancora dicono semplicemente "vita"...
    Eppure aveva cercato, si era sforzato per bene, aveva urlato...
    e nonostante ciò era rimasto in piedi, fuori...
    spettatore di un gioco terribile che qualcuno chiama in un modo...
    altri in un altro... ed altri ancora dicono semplicemente "vita"...
    e guardava, guardava, guardava... senza poter interagire...
    era lì, tra di loro, eppure non percepiva nessuno...
    era lì, tra di loro, eppure nessuno percepiva la sua presenza...
    Cercò, cercò e cercò ancora... cercò così tanto che alla fine si convinse...
    non era vero che non aveva trovato il suo posto...
    bensì il suo posto stesso non esisteva...
    il suo destino era quello di restare lì, in disparte, solo, a guardare...
    ogni tanto metteva una mano avanti...
    ma quei corpi che si avvicinavano a lui li trapassava...
    le urla che gli squarciavano il petto erano muti...
    i suoi sguardi morivano nel nulla...

    Salì sul pullman e partì, quel ragazzo...
    stava tornando indietro, o forse solo più avanti...
    l'importante, in fondo, era andare...
    cuffie nelle orecchie, sempre e comunque, e urla... tante urla...
    Ed eccolo di nuovo a casa...
    zainetto sulla spalla destra... piccola valigia nella mano sinistra...
    lettore mp3 in tasca e cuffie nelle orecchie...
    Non poteva sentire la voce delle persone chiamarlo...
    non poteva sentire la voce del mondo...
    non poteva senire...
    nulla...
    tranne che se stesso...
    tranne che la sua voce...
    tranne che il suo canto...
    e le sue parole, risuonavano in lui e nelle sue orecchie...
    Era lì. Sarebbe rimasto. Sarebbe tornato senza esser mai davvero partito.
    E urlava.
    Ma nessuno poteva sentirlo...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea Spartà

      Essere o Non Essere?

      Sono quello che di notte scrive...
      non sono quello che fa tutto senza pensare...
      Sono quello che si ispira con la luna...
      non sono quello che si attacca a tutto ciò che gli danno...
      Sono quello che vede, sospira e spera...
      non sono quello che lascia ciò che ha senza un motivo valido...
      Sono quello che ha due personalità distinte e uguali...
      non sono quello che conoscerai fino in fondo...
      Sono quello che rilegge ciò che ha scritto e si stupisce...
      non sono quello che finge di essere modesto per compiacere...
      ... parole nuove...

      Sono chi voglio essere e nessun altro...
      Sono chi sono sempre stato e chi sempre sarò...
      Sono chi viene scambiato per un altro...
      Sono chi può farti capire che hai sbagliato...
      Sono chi può farti vedere cos'è l'amore...
      Sono chi può farti sentire cosa vuol dire soffrire...
      Sono chi riuscirà a farti odiare...
      Sono chi sbaglia e non lo ammette mai...
      Sono chi viaggia ma non si muove di un millimetro...
      Sono chi pensa ma non viene capito...
      Sono chi sogna ma non viene visto...
      Sono chi realizza ma non viene concepito...
      Sono chi vuole un abbraccio ma viene deriso...
      Sono chi vede un sorriso ed ama...
      Sono chi sorride sperando di far nascere un altro sorriso...

      Non sono chi promette e poi non realizza...
      Non sono chi ti tocca e fugge via...
      Non sono chi fa il pazzo passando solo per stupido...
      Non sono chi quando ti guarda non guarda i tuoi occhi...
      Non sono chi riempie di false speranze...
      Non sono chi riesce a vivere senza amare...
      Non sono chi riesce a fingere senza impazzire...
      Non sono chi riesce a guardarti senza tremare...
      Non sono chi dice di amarti e di desiderarti follemente...
      Non sono chi ti riempie di parole belle quanto finte...
      Non sono chi è lontano e presto partirà di nuovo...
      Non sono chi pensa a te e contemporaneamente a mille altre...
      Non sono chi si fissa e non vede anche i tuoi difetti...
      Non sono chi non riesce ad amare anche i tuoi difetti...
      Non sono chi hai accanto... purtroppo...

      Sono quello che a volte fa delle cazzate ma sono evidentemente per te...
      non sono quello agisce senza pensare e ti fa star male...
      Sono quello che vivrebbe anche solo guardandoti per l'eternità...
      non sono quello che riuscirebbe a resistere vedendoti sola e triste...
      Sono quello che ti chiede sempre come stai e approfitta di ogni momento...
      non sono quello ti opprime fino a diventare paranoico ed ossessivo...
      Sono quello che sorride e si sente felice per un tuo squillo...
      non sono quello che si illude stupidamente per ogni minima cosa...
      Sono quello che ogni notte sogna di stare con te ed è felice...
      non sono quello che perde la speranza solo per qualche ferita mortale...
      ... al cuore...

      Sono... sono come una nuvola nera... carica di pioggia...
      e non sono... non sono pioggia... non sono lacrime...
      Sono qualcosa che sta lì... in attesa di un soffio di vento...
      e non sono qualcosa che riuscirà a muoversi da sola...
      Sono pieno di qualcosa che mi tormenta, che mi soffia, che ristagna in me...
      e non sono in grado di lasciarla andare, di perderla, di liberarmi...
      Sono... sono come una nuvola nera... carica di pioggia...
      e non sono... non sono pioggia... non sono lacrime...
      Sono solo quel che mi è concesso essere... o forse qualcosa in più...
      eppure non sono quel che gli altri vorrebbero io fossi... Nessuno...
      e, cosa più importante di tutte, sono vivo...
      ma non sono davvero in vita... non fino a quando resterò lontano...
      ... lontano da te...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Andrea Spartà

        Assurdo

        È assurdo il modo in cui mi sento adesso...
        assurdo il mondo ed il modo in cui sono costretto a vivere...
        assurda l'impossibilità che schiaccia i sogni più belli...
        assurde le canzoni che ho voglia di ascoltare adesso...
        è assurdo il numero delle volte che ho detto "Eh già" aspettando risposta
        ed è assurdo il numero delle volte che lo dirò e che l'ho già detto...
        assurdo ogni pensiero che vola in quella direzione...
        assurda ogni parola che parla di lei...
        assurdo ogni gesto finalizzato per quell'unica meta...

        è assurda la vita in generale...
        assurdo come una ragazza che voglia solo avermi...
        prendermi e chiudermi con lei in camera o in macchina...
        mi lasci completamente indifferente...
        assurdo come il sentire il respiro sul volto di un'altra ragazza...
        l'averla a pochi centimetri dal mio cuore...
        mi paralizzi del tutto... mi faccia venire le palpitazioni...
        sudore freddo, parole seccate in gola e pensieri morti in mente...
        e sarà inutile girare la ruota e provare a comprare una vocale...

        è assurdo come chi ha, non voglia, e chi non voglia, ha...
        sono assurdi i giochi di parole che nascono nella mia testa...
        assurdo il modo di comportarsi della gente...
        assurde le convinzioni che in troppi hanno...
        assurdo che debba sempre ripetere le stesse fottutissime cose...

        è assurda la vita in generale...
        assurdo come una semplice scena di vita quotidiana possa stupirmi...
        assurdo come un semplice gesto possa scatenare in me tutto ciò...
        assurdo come si possa invidiare anche un solo semplice momento...
        Due persone ormai adulte... che reggono una famiglia...
        con i loro difetti, i loro momenti terribili, i loro problemi...
        ma in quel momento... vicino a quel palco... sotto quelle note...
        non esiste nulla, non esiste nient'altro... esistono solo loro due...
        Lei che lo tira giù delicatamente per parlargli all'orecchio...
        lui che l'abbraccia virilmente poggiando una mano sulla sua spalla...
        lei che mette la sua mano su quella di lui...
        sfiorandola, accarezzandola, baciandola, semplicemente essendoci...
        lasciando scorrere il calore da una all'altra, andata e ritorno...
        e poi... e poi basta... e poi tutto...
        Assurda l'invidia che si possa provare verso due persone qualunque...
        assurdo come l'intera vita possa manifestarsi all'interno di un solo gesto!
        Assurda la voglia provo di poter iniziare quella strada...

        è assurda la nuova generazione...
        sono assurdi i nuovi passatempi... le nuove convinzioni...
        assurdi i modi di comportarsi, i modi di fare...
        assurda è la perdita dei valori...
        assurdo il nuovo modo di amare...
        ma soprattutto è assurdo che continui a parlare di cose così assurde...
        ed è assurda la svalutazione che ha ormai acquisito la parola "assurdo"

        è assurda la vita in generale...
        assurdo come la più sfrenata scena passionale non ti trasmetta nulla...
        assurdo come il semplice sfiorare il suo piede ti trasmetta serenità...
        assurdo come una ragazza che ti aspetta nel suo letto non ti attiri...
        assurdo come vorresti passare l'eternità solo a guardarla dormire...
        assurdo come il vestito più sexy e scollato ti apra solo un po' gli occhi...
        assurdo come il suo sorriso ti apra completamente il cuore...
        assurdo come si possa invidiare chi invece dovresti odiare...
        assurdo come la vita ti dia ciò che volevi quando ormai è forse tardi...
        assurdo come tutto viene e tutto va mentre tu resti a guardare...
        assurdo come ogni canzone possa parlare sempre e solo di lei...
        assurdo come lo sguardo possa penetrare così a fondo un'anima...
        assurdo come il cuore riesca a battere così forte senza esplodere...
        assurdo come ogni tua caratteristica possa morire sotto un respiro...
        assurdo come ci si possa disperare per un bacio mancato...
        assurdo come quella stessa immagine torni sempre nella tua mente...
        assurdo come si possa cambiare da un giorno all'altro...
        assurdo come le tue idee possano cambiare da un momento all'altro...
        assurdo come si cerca di pianificare tutta la propria vita...
        assurdo come si crea il discorso più importante della nostra esistenza...
        assurdo come si pensa al futuro basandosi sul passato e sperando solo...
        assurdo come un pensiero di questi possa davvero finire...
        perché di cose assurde come queste... ce ne sono davvero tante...
        tutte assurde... tutte degne di nota... tutte così...
        ma è anche assurdo continuare a scrivere...
        assurdo come provare a raccontare l'infinito...

        Ogni assurdità nasce da un'assurdità...
        il vero problema è quando esse si incontrano e si uniscono...
        formando assurdità ben più grandi di noi stessi...
        Poi entrano i gioco i malintesi, le parole mal dette, i pensieri nascosti
        e ciò che fino ad un momento prima era assurdo...
        diventa incredibile... quindi apocalittico... fino all'annientamento...
        Forse è proprio per questo che diciamo così spesso "assurdo"...
        e caliamo le braccia, e abbassiamo le spalle, e la testa...
        sospiriamo, ci arrendiamo... dietro quella stessa parola...
        Cercare di lottare? Si può fare...
        ma è... assurdo... pensare di poter vincere...
        assurdo il desiderio... assurda la speranza...
        assurdo questo cielo ancora così fortemente azzurro...

        Assurda... la voglia che ho di te...
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Andrea Spartà

          Girandola di Sensazioni

          Il ritorno è sempre qualcosa di bello...
          il ritorno di un pensiero, il ritorno di una voglia irrefrenabile...
          il ritorno di una vecchia canzone, il ritorno del piacere di vivere...
          il ritorno di qualcosa che ti mancava, il ritorno di un sorriso...
          il ritorno è sempre qualcosa di bello?

          Quando l'attesa è troppo lungo e troppo attesa...
          sminuisce il valore di ciò che attendevamo...
          e quest'ultimo, così, non è mai bello come ci aspettavamo...
          non ci darà mai tutta la soddisfazione desiderata...
          non appagerà mai il dolore di tutta quella attesa...

          e sentirai... sentirai tante cose... le sentirai tutte insieme...
          si accavalleranno, una sull'altra, fino a quando non le riconoscerai più...
          non saprai distinguerle, non saprai vederle, non saprai toccarle...
          griderai la tua volontà, farai a pezzi chi troverai davanti...
          ma ciò che davvero vuoi, ciò che desideri... sparirà davanti ai tuoi

          occhi...

          e vedrai l'odore di un cielo infinito che è dentro di te e non sopra...
          toccherai il colore di un sentimento che credevi morto e invece sospira...
          assaggerai un panorama fatto di stelle perse nell'oscurità del mare...
          sfiorerai il dolore con un sorriso sfiancato da un ricordo sfocato...
          morirai nell'avverarsi di un sogno che non è più sogno...
          brucerai in un'anima che non ti appartiene, per un cuore non più tuo...
          spererai nel respiro di un battito perpetuo che finirà...
          sognerai in uno sguardo illuminato che non ha luce...
          piangerai la morte di te stesso nella passione che non hai mai vissuto...

          Nel sentire, nel vedere, nel provare... io ci sarò...
          Nel parlare, nell'amare, nello sfiorare... tu ci sarai...
          Nel pensare, nello sperare, nell'amare... io ci sarò...
          Nel sognare, nell'insistere, nello sbagliare... tu ci sarai...
          Nel sorridere, nell'esser felici, nel volare... noi ci saremo...

          Prendere una decisione, deciderla, decidere di deciderla...
          per poi svilupparla, ampliarla, tenerla, completarla...
          avere il coraggio, avere la convinzione, avere qualcosa da avere...
          sperare di sperare di sognare un sogno sognato...
          in un giro di parole vuote e inutili che prendono significato per magia...
          la magia di chi le sa leggere, di chi le sa ascoltare...
          la magia di chi ha provato quel che hanno provato le parole...
          un sogno sperato di coraggio e convinzione, tradotto in parole...

          Impegare tutta una vita... ma per cosa?
          Pianificare ogni mossa, ogni decisione, ogni respiro... ma per chi?
          Passare ogni giorno con la convinzione della giusta attesa... ma di chi?
          Spiccare voli poetici invisibili di un amore platonico... ma per cosa?

          Non dormirò, non sognerò, non aspetterò...
          farò solo quello che la vita mi suggerisce di fare...
          andrò dove vorrò andare, starò con chi vorrò stare...
          il divenire è in ogni cosa, e ogni cosa la muta...
          ogni cosa quindi non rimane mai uguale ad ogni cosa che c'era prima...
          varia, e quel suo variare ti influenzerà...
          te, le tue azioni, la tua vita, persino il tuo pensare...
          sarà tutto soggetto a quello stesso divenire...
          a quella stessa trasformazione, a quella stessa influenza...
          e tutto potrebbe finire senza che tu te ne accorga...
          e tutto potrebbe finire senza mai essere realmente iniziato...
          e tutto potrebbe non esistere, ed essere solo una finzione immaginaria...
          e tutto potrebbe non esistere, e potresti non esistere tu...

          Mi sforzerò di raggiungere il mio obiettivo, la mia decisione...
          proverò a cambiare per cambiare il mio futuro, partendo dal presente...
          mi impegnerò in quel che farò, solo per il momento in cui lo farò...
          senza pensare al dopo, senza pensare a chi...
          pensando bensì piuttosto alla vita... bensì piuttosto...

          e sfiorerò una cascata luminosa di stelle infinite...
          e cadrò in una visione profumata di petali rossi...
          e volerò nel colore del tuo sapore inventato...
          e vivrò in qualcosa che dovrebbe essere te, ma che non lo è...
          e non saprai mai nulla, non vedrai mai nulla...
          non sentirai, non toccherai, non gusterai...
          e lascerai a me tutti i problemi, tutte le noie...
          lascerai ciò che non ti serve, lascerai il sacco dei tuoi guai...
          e chissà se tra quelle cose non ci sarò anch'io...
          abbandonato, per sbaglio, senza accorgertene, in un angolo...

          Nuvola, sole, stella cadente... desiderio...
          Pioggia, lacrima, mare... sogno...
          Luna, oscurità, orizzonte... notte...
          Pensiero, anima, cuore, speranza, desiderio, sogno, notte...
          Io... con te... senza te...
          ed allora non sarò io... non saremo noi...
          ed il brutto di un ritorno è il sapere che non ritornerà...
          Vota la poesia: Commenta