Poesie di Andrea Arcari

Studente, nato mercoledì 23 giugno 1993 a Roma (Italia)

Scritta da: Onarts

Luce

Ricordo i tuoi occhi
bruni e lucenti come il volto
di madre terra

celati dalle tue palpebre
talvolta stanche
talvolta socchiuse
come un languido tramonto.

Il tuo viso infantile
le tue labbra dolci,
sottili, lievi e soavi,
tiepide di innocenza

Ricordo il tuo sguardo severo,
il tuo capo chino
e assorto
quando scelsi
di donarmi la solitudine.
Andrea Arcari
Composta sabato 24 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Onarts

    Nostalgia

    Da quando ogni pensiero di te
    è un ritratto dei miei rimpianti
    e ogni tuo ricordo
    è un arpione sulle mie aperte ferite

    Intravedo la tua luminosa aura
    strapparsi lieve dai sogni effimeri
    che ti ricondussero
    temporaneamente cinta a me

    Non attenderai il mio ritorno,
    poiché la solitudine
    non può risparmiarci,
    e neanche il mio amore eterno
    possiede il vigore di
    perdurare all'oblio.
    Andrea Arcari
    Composta giovedì 22 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Onarts

      Abbandono

      Conobbi tempo addietro
      l'amaro sapore delle tue lacrime
      e il pungente calore del tuo odore
      soffocato dalla nuda oscurità,
      quando gemeva con un sospiro
      il tuo spirito inquieto
      di fianco al mio
      nella cieca notte:
      ma ora nulla mi resta
      il tuo cuore
      non rompe più quel silenzio
      e solo il firmamento
      ci riscalda solitari,
      esiliati nel mondo.
      Andrea Arcari
      Composta giovedì 22 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Onarts

        Rinascita

        Piove sulle nostre lacrime,
        ma di noi nulla è più rimasto
        solo l'umido profumo della terra
        ci riporta al mondo
        sbiaditi dal male e dal tempo.
        I fiori tersi su di essa
        ringiovaniti
        da tale pianto penoso,
        sembrano quasi meditare
        nel silenzioso scrosciare,
        e noi stessi incoscienti
        ci perdiamo ancora.
        Andrea Arcari
        Composta giovedì 22 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di