Questo sito contribuisce alla audience di

Nel nostro cielo

Non più vedrò quel sorriso,
- l'alito freddo di gennaio
appannava i vetri
nell'ombra deserta e silenziosa –
"È notte, non andare sola,
vengo con te".
Ora è notte e sola
cammino tra il sommesso crepitio
delle foglie disseccate d'autunno,
contro il duro nevischio
nel turbine d'inverno
che graffia di lacrime i miei occhi
sull'orma del tuo passo lontano.
Nell'abisso del gelo
cerco il respiro della primavera,
rubato dal silenzio dell'anima.
Ma, come il sole
fulgido risorge all'orizzonte
dal notturno abbraccio delle tenebre,
così risplende ancora
nel tuo sguardo stanco
la tenera luce della gioia
nel ritrovarci,
rosea carezza di nuova aurora
nel nostro cielo.
Vota la poesia: Commenta

    Parole senza ali

    Ad ogni tuo passo che di nuovo
    ti separa dal mio sguardo
    si dibattono nella gola
    parole senza ali,
    senza forza né tempo
    per raggiungerti ancora,
    per chiederti finalmente
    che anche le tue parole,
    legate da un nodo oscuro,
    sciolgano il volo
    come schiera di candide farfalle
    danzanti sulle corolle dischiuse.
    Così continuo a scriverti nel cuore
    questa infinita lettera trapunta
    di parole nascoste come tremule
    gocce stillanti tra i tortuosi anfratti
    in un carsico abisso,
    mentre cerco il respiro della luce
    che apra uno spiraglio
    nel labirinto delle ombre,
    perché il mio amore prigioniero
    fiorisca nel sole.
    Vota la poesia: Commenta

      Quando la sera verrai

      Quando la sera verrai
      con il tuo passo tranquillo,
      unico fra tanti,
      ancora una piccola goccia
      fresca scorrerà nell'arsura
      di questo tempo venato dal rancore.
      Non più passato, non più futuro –
      solo questo presente
      così breve e infinito,
      unico respiro,
      unica tremula luce,
      discesa da remote stelle,
      come onda di dolcezza
      si espande nel silenzio
      del tuo sorriso.
      Vota la poesia: Commenta

        Infinita attesa

        Ancora attendo stasera,
        come è sempre un'attesa
        ogni respiro di vita
        lontano dalla luce del tuo sguardo,
        infinita attesa,
        infinito silenzio
        nell'eterno presente dell'anima.
        Il tuo passo attendo,
        promessa sognata
        di un concorde cammino nel tempo,
        irraggiungibile desiderio.
        Così mi aggrappo
        all'onda infinita che temo
        di chiamare amore
        nella profonda ferita
        della tua assenza,
        come la foglia tremante
        s'affida al soffio caldo del vento,
        cercando l'amato sorriso del sole.
        Vota la poesia: Commenta

          Nostalgia

          Nostalgia della luce
          nel silenzio dell'ombra,
          cerchio di solitudine.
          Le tue labbra serrate
          da lotte amare, sigillo
          ostinato, inconsolabile al mio sguardo.
          I miei occhi stanchi
          nel vigile pensiero di pace
          e di conforto a piaga immendicabile.
          Così ci consuma il desiderio
          d'amore inappagato, forte
          come il dolore, che saldo
          ci unisce nella triste lontananza.
          Vota la poesia: Commenta