Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Dusk

Rose

L'ispirazione
Prende spazio
Nella coscienza pronta
Le ore ballano
Davanti e dietro il tempo
Ma mai insieme
Potendo evocare l'eternità
Candida di un attimo
Non aspetterei seduto
In un qualche dove dimenticato
Aspettando l'alba...
Recitiamo noi il sorgere
Di una qualche vita retratta
Su di un quadro oramai impolverato
Edifici dalle mura fredde
Invadono gli spazi esterni
Insufficienti per poter pensare
Ad un minimo sostentamento autonomo
Divoriamo continuamente vite per vivere
Tutto ciò non ha alcun senso
Brillando su di noi le stelle
Formano circoli ben definiti
La cocciutaggine ottusa
Non consente miglioramenti
Interiormente
ci ridedichiamo
A tutto ciò nuovamente.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dusk

    The time

    Nell'immensità strategica del nostro ego
    vaghiamo attonitamente assopiti
    stratosferiche idee
    spazzano via dal cosmo
    granuli argentei di polvere
    incastonate in cesellature morbide
    per poi farsi spazio
    in sontuosi echi perduti
    sogni sbiaditi
    alle prime ore del mattino
    dammi tempo
    il tempo di un attimo
    il tempo di un vortice roseo
    assopiti aspettiamo
    l'infinito.
    Vota la poesia: Commenta