Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alido Ramacciani

Autoriparatore, nato lunedì 3 marzo 1952 a Viterbo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Racconti.

Scritta da: Alido Ramacciani

Io e la vita

Raccontami di me, aiutami a capirmi,
non mentirmi usa parole semplici.
La verità non mi spaventerà.
Se mi riconoscerò,
tutto mi apparirà visibile e chiaro.
Ritroverò la mia strada, nei giorni più cupi.
Ricordami di me stesso bambino,
devo scheggiare i giorni del mostro.
Aiutami a placare la mia arroganza,
la saggezza ripulirà il mio egoismo.
Lo specchio mi ridarà la luce.
Noi siamo complici dei nostri errori,
insieme verremo giudicati.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alido Ramacciani

    Io non sono felice

    Una stanza piena di letti, come fantasmi
    macchine silenziose riposano.
    Un orologio che non segna le ore,
    facce anonime senza espressione,
    prendiamo posto su quei letti freddi, senza parole.
    Non sono felice.

    Aghi di ghiaccio incominciano a pungere,
    braccia come drogati, di gente perbene,
    ruote silenziose, tubi pieni di vita
    iniziano i loro caroselli.
    Non sono felice.

    Profumo di sangue, di persone che vogliono dare,
    io vivo, ti dovrei ringraziare.
    La cattiveria si è impossessata di me,
    ma capisco il bene e il male.
    Non sono felice.

    La vita mi ha rubato la pace, la speranza, la voglia di amare.
    Ho l'amore di persone che amo, ma l'amore cos'è.
    Sono stanco di stare in equilibrio sul filo,
    vorrei solo poter camminare sereno.
    Non sono felice

    tu hai la mia vita, lasciami solo, lasciami andare,
    vorrei venire con te, ma non trovo la strada,
    è piena di nebbia, il destino mi ha tolto la luce.
    Non sono felice.

    La mente confusa non ritrova il pensiero,
    la mia libertà è morta da tempo,
    i miei passi pesanti senza speranza,
    i miei giorni scanditi da una scatola piena di cavi.
    Non sono felice

    se non ci sei tu, non ci sono io,
    sono stufo di esser malato,
    il mio passato non è più qui con me,
    il mio oggi è senza domani,
    non voglio pensare al domani, per me il domani non c'è.
    Non sono felice.

    Sono un'uomo senza futuro,
    ti ho tanto aspettato. Sono stufo: tu sei morto per me.
    Amico tu sei fortunato, hai la mia vita, l'orgoglio di dare.
    Non sono felice.

    La mia croce, ogni giorno cammina con me,
    io devo vivere, ma non vivo per me,
    la mia vita ho dimenticato cos'è.
    Non sono felice.

    Quelle macchine per te sono amiche, non per me.
    Sopra quei letti; la morte aspetta paziente.
    Non ti voglio odiare, non devo odiarti,
    non ti conosco, ma sei nel mio cuore.
    Non sono felice.

    Dei miei aghi non sento il dolore,
    a giorni mi sembra di essere forte,
    ma al mattino apro gli occhi, è solo illusione.
    Non sarò mai più felice.

    La felicità: non ricordo cos'è; è morta con me.
    Fatemi scendere, lasciatemi in pace,
    signore ti prego, ridammi la pace.
    Amico non ti dimenticherò, tu non sei malato,
    prega per me, amen.
    Io sono felice.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alido Ramacciani

      A mio padre

      La mente ignora i tuoi pensieri,
      sfuggendo al controllo della tua intelligenza.
      Le tue gambe circondate da fiumi d'ansia,
      non ritrovano il senso del camminare.
      Il tuo corpo immobile piange di nostalgia.
      I ricordi del correre immobili in un cassetto.
      La morte invisibile, senza colore insegue
      chi tiene alla vita.
      Gli uccelli hanno perso le ali.
      Il vento frustrato respira a fatica.
      I bambini felici e attenti ascoltano le voci
      di chi non ha nulla da dire.
      Superate il vostro futuro,
      rincorrete con forza e passione il presente.
      La giustizia incatena i deboli, che sorridendo
      nascondono le tavole delle leggi.
      Ti chiedo perdono per tutto quello che non ho capito.
      Vota la poesia: Commenta