Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alido Ramacciani

Autoriparatore, nato lunedì 3 marzo 1952 a Viterbo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Racconti.

Scritta da: Alido Ramacciani
So' cresciuto bevenno acqua de le fontane, ancumincianno da la mattina,
a la Domenica il massimo della libbidine, la mi' ma' ce metteva la frizzina.
Vedevo i granni che bevevino l'aqua, ma ce mettevino pure 'na cosa gialla,
nun capivo ch'era e co' la curiosita' che c'ha 'n fijo, evo dicio d'assaggialla.
Da come parlavino il mi nonno e 'l mi ba' mentre magnavimo ho capito, era vino,
'na sera, la mi mamma doppo cena,eva lasciato il brocchetto sopra 'l tavulino,
nissuno me guardava, io quatto, quatto, a garganella, ho' fatto 'na bocconata,
Ho 'ncuminciato a tossa', nun riuscivo a rispira',la gola mell'eva mezza bruciata.
Però alla fine quanno me so' aripreso,me so' accorto che quel vino era bono,
la mi' Mamma, m' ha fatto na' gran ficcata: “Nun ce prova' più sinnò te sono.
Nun beve critino, l'alcole te fa' male, nun te fà cresce e te brucia la capoccia,
nun pensa' d'esse 'n 'omo, tu se' 'n fijo, pe' fatte male, abbasta qualche goccia”.                
A la mi' ma', pe tigna nun j'ho vuluto da' retta e quanno 'l sabbato  annavo a balla',
l'amici erino peggio de me e io pe' fa' lo splendido, me so' ‘ncuminciato a 'mbriaca',
prima le facevo, solo pe' fa' 'l granne co' le regazze, vince la timidezza e sta' allegro,
poi ha 'ncuminciato a piacemme e nun potevo più fanne a meno, so' onesto nu' le nego.
La mi’ regazza, comunque me voleva bene e me sopportava, speranno che smettevo,
passava 'l tempo, capivo che beva' era la mi' ruvina, ma a smetta nun ce la facevo.
Me so' sposato pensanno che avecce avuto 'na famija m'avrebbe aiutato,
m'accorgevo che nun ero 'n bon marito, evo pensato male, m'ero sbajato.
Lavoravo quanno c'evo tempo e bevevo, la mi' moje se 'ncuminciava a innervosi',
“T'evo dato un pò de tempo, me' so' stufata smette, nun se po' anna' avanti  cusì”.  
ma io oramai vedevo solo biccherini e vino, nu le volevo vede' che me stavo a ruvina',
la mi' moje, le capivo che suffriva, c'evo la capoccia confusa, nun sapevo più che fa'.
I mi’ genitori, m'hanno lasciato tutt'e due, nun erino malati, so' morti de crepacore.
Spesso aripenso a la vita e la mi ma', che fijo so', nun j' ho' portato mai manco 'n fiore,
la peggio cosa, è che al camposanto nun ce vo'; so' sempre imbriaco e me vergogno,
me guardo a lo specchio me fo' propio schifo, c’ho paura che m'apparino pure 'n sogno.
L'amici hanno cercato d'aiutamme come potevino, ma’ la fine m'hanno mollato,
nun me sopportavino più; de tutti, m'era arimasto uno, ma era sempre 'mbriaco.
Qualche volta, che so' un po' lucido aripenso a la mi Ma', a quello che me diceva,            
“Fa' 'l bravo fijo, famme campa' serena, nun te ruvina' la vita,  lascia perda da beva”.
Ho capito, quanno se nasce stronsi ce s'arimane, si nun ce metti la bona volonta',              
oramai ho preso sta' piega, la sera me fo' schifo e giuro de smetta, pe' la mi' ma',
poi la mattina me svejo, c'ho tanta sete, me scordo le promesse che me so' fatto,
a ogni barre che 'ncontro me fermo, me fo' 'n cognacchino e la sera ariso' del gatto.
La mi' moje, pe' nu' muri' m'ha lasciato, è annata a vive a n'altro paese co' n'altr’omo,
aspetto 'n giorno, che nun saro' tanto mbriaco e spero de riusci' a chiedeje perdono.
Prima de muri', vojo da' 'n consijo a chi c'ha tanti problemi: pe' dimentica' nun bevete,
quanno ve passara' la sbornia, v'aritorneranno tutti, col vino e i liguori nu le risolverete.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alido Ramacciani

    'l pensionato illuso

    Doppo 'na vita de lavoro, so' annato 'n pensione,
    ho comprato 'n pezzetto de terra, co la liquidazzione.  
    Ma subbito me sò accorto; nun era facile fà 'l villano,
    allora ho, cercato 'n esperto che me dasse 'na mano.
    Ho capito subbito, che nun era 'n mestiere facile pe' gnente,  
    quello che simentavo me se seccava, me sintivo 'n dificente.                                                                              
    “Fà 'na cosa facile, m'ha detto 'n amico;  mette le patate”,
    l' hò messe co' tutto 'l core, ma gnente, nun s'ò nate.
    Allora ho diciso, forse era mejo de fa' l'allevatore,
    subbito ho comprato dell'agnelle ch'erino 'n amore.
    Hanno fatto presto ha cresce e a diventà granni,
    spesso me fuggivino e annavino ‘ngiro a fa' danni.  
    Un giorno, s’abbrancarono co' quelle del mi’ vicino,
    emo subbito cercato de capalle, ma era 'n casino,
    tutto 'l giorno a curreje dietro; sensa  riuscille a capà,
    allora decisimo, de lascialle insieme e fa' 'na socetà.
    M'ero illuso, che sarebbe stato più facile fa' 'l pecoraro
    era pegggio de quanno da regazzotto, facevo 'l vaccaro .
    D'inverno solo vento, freddo e mollature, pe' pochi litri delatte,
    d' estate 'l sole, che si nun trovavi 'n ombra rischiavi d' alluccatte.
    Arrivavo a casa ch'ero finito,nun c'evo voja manco de magnà,
    la notte durmivo male, ma al canto del gallo m'evo da rialsà.
    Allora ho preso 'na dicisione; nu' le posso salvà io 'l monno,
    vennuto pecore e terra e me so' messo a fà 'l vacabbonno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alido Ramacciani

      La carta de credito

      'L sei settembre è 'l compleanno del mi' nipote Sebastiano,
      voleva 'na chitarra: va be', domane partimo e le compramo;
      nun erino manco le sette, quanno a 'ncuminciato telefona',
      damme 'l tempo d'alsamme, de vestimme e te vengo a pija'.
      Semo annati diretti a vede’‘n negozio de strumenti musicali,
      l’ha guardate pe’ ‘n’ora bona, je sembravino tutte uguali,                                
      alleluia finarmente s’è diciso: “ A no’ me piace quella “,
      Sebbastia’ s’e sicuro: ha scelto bene, è propio bella.
      Pijamo questa e via, tanto ha’ da esse contento solo tu,    
      vabbe’ tiro fora ‘l portafojo e pago, cusi’ nun ce penso più.
      Quanno il mi’ nipote ha visto che pagavo co’i contanti:
      “ma tu nun c’hai la carta, oramai ce l’hanno tutti quanti,
      a nonno dimme, come campi sensa la carta de credito”,
      fo’ tanto bene, quanno nun c’ho i soldi lascio ‘l debbito.
      Guarda regazzì’, che nun'hanno scoperto l'aqqua calla,
      ero ‘n fijo, e la mì mamma m'eva gia 'nsegnato a usalla,
      solo che allora solo a noi poretti ce l’evino rilasciata,
      c’eva trenta paggine, era come ‘na carta prepagata.      
      Quanno la tu bisnonna me le dava p’annà a fa’ la spesa,
      sta’ tranquillo che a fine mese c’era sempre ,na sorpresa.
      Peggio de ‘na banca, c’erino sempre l’interessi da paga’,
      perchè i conti nun tornavino mai e tu nun t’evi da lamenta’,                          
      nu’ stavimo tutti zitti, c’era qualched’uno che se ‘ncazzava,
      allora il bottegaio, da gran fijo de ‘na pagnotta, je le ritirava.
      Diventava ‘n grosso problema, pe’ pote’ magna’ tutti i mesi,
      sensa carta de credito, t’evi da contenta’, de’ cicoria e ceci,
      pe’ fortuna, che que’ galantommini so’ trapassati tutti quanti:
      ricordete Sebastia’ adesso semo fortunati’, ce so’ altri Santi.
      Nun è però che ‘l monno l’ha cambiato ‘na carta de credito,
      se’ ‘n poro discrazziato, ha’ da’ muri’, nissuno move ‘n dito.
      Prima pe avecce la carta de credito, evi da esse propio n’ poretto,
      adesso ‘nvece nun te le danno si nun se’  ricco: è cambiato tutto.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alido Ramacciani

        Italia mia perdonice

        So' nato ‘mmezzo a la macchia, appena fori ho subbito rispirato,
        allora nun me so’ reso conto, ch'era  l'aria che tu m'evi regalato.
        Ho 'mparato a cammina' su i tu' sentieri e quarche volta me reggevi,
        ho ‘ncuminciato a curre e a gioca', te guardavo eri bella, me piacevi,
        quarche vorta te campestavo, te roppevo, te sporcavo e facevo casino,                                                                                  
        tu me volevi bene, capivi, me perdonavi, infonno ero solo un regazzino.
        Emo fatto, un bel pezzo de strada 'nsieme e 'ntanto io crescevo,
        per me eri la mi' seconda mamma e spesso a la notte te sognavo.  
        Pe' anni emo campato su le tu spalle, te usavimo come 'na serra,              
        bevevimo le tu' acque cristalline e magnavimo i frutti de la tu terra.
        Poi semo diventati troppi e quello che c'evimo, nun ce bastava più,
        emo cuminciato a violentatte e pe facce perdona' pregavimo Gesù.
        Te tajavimo i capelli, no pe fatte bella, ma rendece più facile campa',
        ce serviva da scallacce, fa' le strade e tutte le pianure pe' simenta'.
        Un pazzo, ha pensato de fa' 'na guerra e t'ha fatto ‘empi' de bombe,
        c'erino a cusì tante buche, che se nun ce capivi, sembravino tombe.
        Ma 'n poco tempo e co' coraggio, te se' aripresa tutto il tu' splendore,
        se' aritornata, quella de quanno ero fijo e te volevo bene de tutto core,
        piena de fiori profumati, il sole che t' illuminava il muso; quant'eri bella,
        tutta fasciata d'aqua e de natura, 'l vento tra i capelli; 'na fotomodella.
        Nessuno de noi ha capito, che a cusi’, tu eri la nostra gran ricchezza,
        nissuno s'accorgeva, che ogni giorno facevimo 'na nova sciocchezza,
        asciuga' i laghi e i tu fiumi nun ce semo riusciti, allora l'emo colorati.
        co' tutto quel veleno, che jemo buttato addosso, so' morti pure i prati,
        l'insetti e l'ucelli, hanno preso baracca e burattini e cambiato paese,
        prima e poi, s'accorgeremo che piacere jemo fatto, a nostre  spese.
        E' rivato il bumme economico, emo aperto mille fabbriche pe' lavora',
        cimigniere, machine a josa, fumo, veleni e tu tutto 'l giorno a tossa'.  
        La tu storia va' dall'omo primitivo ha Roma, da Garibaldi a l'eroi del piave,              
        stamo a scorda' la tu gloria e 'l tu passato more, man mano, che piove.                          
        Tu s'e' veramente troppo bona, nun capiscio come fai a sopportacce,
        ma cusì nun po' dura', nun capimo, che la tomba stamo a  scavacce.
        Si nun aprimo l'occhi e 'l cervello, facenno a cusì, presto tu s'ara' morta,            
        nun s'accorgemo, che già tu se' 'n agonia; la vita ce stà a chiuda la porta.
        Guardanno bene, l'altri nun è che stanno poi tanto mejo de noi; so sicuro,              
        ma tu ce voi troppo bene,  ce sopporti, se no ce cacceresti a calci 'n culo.
        Semo cusì cechi, stronsi, egoisti; nun vedemo come te stamo a tratta',
        Italia, Dio mio come t'emo ridotto, nun credo che ce potrai mai perdona'.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alido Ramacciani

          Estate luce ombra

          I vagiti di una pioggia di luce.
          Il grano dorato, impaziente aspetta la falce.
          I girasoli in spiagge roventi, inseguono l'aurora
          disegnando cerchi infiniti.
          Fiumi velati rallentano i loro battiti, scemando la loro ansia.
          Una cicogna in cerca di pace,
          una cavalletta sfugge alla sua ombra.
          Strade roventi, sfumate da fantasmi immobili.
          La primavera piange di nostalgia.
          Lasciaci il vento sulla pelle,
          o il nostro sorriso senza ideali, non ritroverà la cometa.
          L'azzurro solare del cielo,
          riempirà d'amore le nostre coscienze.
          Una stupenda natura declamerà i suoi versi,
          ci ritroveremo sereni in questo grande teatro.
          I rintocchi ovattati della luna scandiranno i nostri giorni.
          Sogni luminosi sgretoleranno, le insidie delle nostre menti.
          Lasciando alla vita, il senso delle nostre vite.
          Vota la poesia: Commenta