Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alice Bono

Nato lunedì 15 settembre 1980
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Alin

parole a perdersi

Ricordi propri che diventano pubblici,
parole ripetute che si giudicano errori,
sentimenti privati e poi condivisi
il passato ha una falla,
e qualcosa vi è rimasto incastrato.
Vi è rimasta l'illusione di aver conosciuto,
l'ombra della sicurezza di aver capito.
Vi è rimasto il desiderio del lieto fine
e la consapevolezza di quanto la realtà
possa diventare illusoria.
Vi è rimasta una pedina caduta a terra,
dimenticata da un gioco in cui ha perso.
Vi è rimasto il pensiero di quel che è trascorso
Vi è rimasto il sapore di quel si è perso.
Ed ora la falla si sta richiudendo,
e come un buco nero attira a se tutto,
tutto quello che vi era rimasto intorno,
ora sparisce nel vuoto e non lascia
nulla, tranne che il presente che ancora
ricorda che qualcosa c'è stato,
che qualcosa ha vissuto.

La ragione è solo consapevolezza,
che non lascia ne vinti ne vincitori,
che non lascia premi ne punizioni,
che non lascia nulla, se non se stessa.
Composta giovedì 27 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alin

    Aggredisci ma non reagisci

    Ti guardavo
    e vedevo riflesse nei tuoi occhi le mie stesse paure.
    Affondavo nell'abisso che hai nel cuore, tentando di aggrapparmi alla speranza di salvarmi.
    Ci ho provato a colmare quello spazio,
    ma sorrisi e carezze non sono bastati.
    Non sono bastate le parole di conforto e l'appoggio,
    neanche la rabbia che ho dovuto impugnare.
    La difesa è scattata perché il tuo dolore aggredisce,
    come fosse il tuo cuore una tigre in un circo.
    Nata in cattività ma con l'istinto animale,
    ed il cuore senza radici che sogna la terra d'origine.
    Colpi di frusta se non segui il percorso, ed un mondo
    che sta all'esterno e al tuo triste spettacolo ride.
    Mi aggredisci, ma non reagisci.
    L'amore che dici di provare non è abbastanza forte
    da rompere le tue catene.
    Io sono oltre la gabbia e non rido allo spettacolo programmato che tu stesso odi.
    Scappa... e usciamo da questo circo,
    o per noi questa è la fine.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alin

      Fidati

      Fidati di te stesso prima che degli altri,
      e se poi ti inganni fa lo stesso,
      non ci starai male per colpa d'altri.

      Fidati di te stesso anche se hai paura,
      perché la forza che hai dentro non sia nascosta da delle mura.

      Fidati di te stesso ma abbi sempre rispetto
      quando discuti con qualcuno anche tu potresti essere in difetto.

      Sii sempre obiettivo, che è la cosa migliore.
      Anche quando a salvarsi potrebbe essere il tuo nemico peggiore.

      Perché la ragione non ha preferenze di razza o di sorte,
      non è il potere a far pesare la bilancia dalla sua parte.

      Se ti senti smarrito o anche solo afflitto
      fidati di te stesso, e non scappare dalle situazioni,
      fallo per chi hai dentro, per la forza nel cuore.

      Fidati di te stesso, con o senza presunzione,
      ma fallo con l'umiltà di chi sa donare l'amore.

      Fidati degli altri, ma fallo solamente
      quando te stesso è più importante,
      perché c'è chi gioca con la mente...
      Composta sabato 28 luglio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alin

        Verità nella paura

        Il caso produce schemi molto più precisi
        di quanto non lo siano i nostri progetti.
        A volte basta seguire un istinto per mettere ordine.
        A volte, fermarsi a una tappa,
        ci fa pensare di aver trovato stabilità
        ma è solo paura,
        paura di andare avanti,
        paura di restare soli con noi stessi,
        nel mezzo di una vita che non ci apparterrà mai.
        Ma, il traguardo è alla fine della gara, sempre.
        L'unica tappa in cui possiamo fermarci...
        Composta sabato 19 febbraio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alin

          Attrazione

          Legati da una fune di cui abbiamo in mano le estremità
          e mentre tiriamo più forte per stringerci ancora,
          nascondiamo la mano dietro la schiena
          perché non si veda chi dei due ci mette più forza.
          Parli molto ma non di te, non di noi,
          per questo smetto di tirare,
          per sentire con quanta forza
          tu ti stia spingendo verso di me.
          Perché non riesco a sentirti se non
          attraverso il tuo corpo.
          Siamo legati, ma non ne parliamo
          è meglio così...
          eppure...

          ti sento.
          Vota la poesia: Commenta