Questo sito contribuisce alla audience di

Che ora è

Il mio tempo
solo io lo so misurare.
Le mie ore,
fatte dal passare del giorno
che va verso il buio
e dal buio che mi vede sveglio
mentre torna a farsi luce.
Il mio tempo lo sento
dagli odori che cambiano
dal rumore dei passi della gente,
la fretta di andare
la calma del tornare.
Come un cieco mi affido agli odori,
ai rumori,
come un sordo mi affido alla luce.
Ma come uomo
il mio tempo
lo sopporto
sperso.
Il mio tempo è tempo perso.
Composta venerdì 15 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta

    il richiamo

    Diverso e sbagliato,
    sono una storia dentro ad un corpo,
    una storia stanca di esistere
    di non avere fine.
    Non ho una vita
    fuori da questo corpo.
    Una voce non mia
    parla per me,
    dice le cose che lei pensa io pensi
    o le falsa
    per farmi accettare dagli altri
    attraverso di lei.
    Sono un corpo
    solo perché così
    mi hanno insegnato a chiamarmi.
    Sono quello che un documento dice
    ma solo perché lo dice
    a chi lo vuole sapere.
    Composta giovedì 14 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      L'intervento

      Con una noce ho fatto il desinare,
      ho aperto il guscio
      con la punta di coltello,
      operazione da farsi con prudenza
      si corre il rischio
      di farsi anche del male.
      Il mezzo guscio l'ho spaccato con la mano
      ed ho mangiato ciò che conteneva,
      ho constatato con soddisfazione
      di essermi conquistato con la forza
      il mio mangiare quotidiano.
      Composta giovedì 14 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Buongiorno dal basso

        A me
        il buongiorno lo da una foglia
        che mi cade addosso,
        mi si appiccica in fronte
        umida carezza,
        se va bene,
        altrimenti è il rutto di un ubriaco
        che rientra tardi al suo cartone,
        quello accanto al mio.
        Oppure è un cane
        che piscia e se ne va.
        A me il buongiorno
        lo da chi si volta per non vedere
        mentre anch'io mi volto
        ma per non farmi vedere.
        Ma io
        il buongiorno
        me lo darei anche da solo
        se solo ricordassi cos'è un buon giorno.
        Composta giovedì 14 febbraio 2013
        Vota la poesia: Commenta

          I pro e i contro

          Non ho avuto in dono
          la grazia di un fiore,
          è stata una fortuna,
          forse mi avrebbero subito colto
          e messo in un vaso.
          Non ho mai avuto un lavoro fisso
          meglio così
          magari non mi sarebbe piaciuto.
          Non ho mai trovato chi mi amasse,
          sono stato fortunato,
          forse poi sarei stato tradito.
          Non ho avuto figli,
          meglio così
          forse sarebbero venuti su male.
          Nessuno mi ha mai preso per mano,
          non mi manca,
          forse aveva le mani sporche.
          Non ho mai avuto una pistola
          non ho mai avuto una bomba in mano,
          questo mi manca
          avrei saputo come usarle.
          Composta giovedì 14 febbraio 2013
          Vota la poesia: Commenta