Questo sito contribuisce alla audience di

I troppi

C ' è chi ogni giorno
si china al lavoro
e si spacca la schiena,
e chi ogni giorno
si inchina a un potente
per tenere la scena.
C'è chi sta in chiesa
e prega,
chi va in giro e frega.
Ci sono uomini con la tonaca
che ascoltano i peccati
e danno il perdono
in cambio di tre ave
e tre gloria.
Ci sono uomini
con la gonna corta e la parrucca
che battono i marciapiedi,
che ascoltano e danno il piacere
in cambio di 50 euro.
Ci sono uomini in divisa
che difendono
uomini divisi
e che dividono.
Di quanti uomini
sono fatti gli uomini.
Uomini senza più certezze,
vinti,
o condannati
da uomini peggiori.
Uomini decisi
che giocano sulla pelle degli indecisi,
uomini pecora ed uomini lupo.
Uomini senza donne
perché
altri uomini hanno troppe donne
e uomini che fanno danni.
Uomini disonesti
che colpiscono gli onesti
ed uomini persi
perché hanno perso,
uomini
che dormono in alberghi a 5 stelle
con i soldi rubati
ad uomini che dormono nelle stalle.
Ci sono uomini che sono uomini
solo perché lo dice il documento
ma sono mostri per il comportamento.
Ed hanno vinto.
Composta venerdì 15 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta

    La fine

    Scorta alla corte,
    la corte si muove con scorta.
    Protegge il più forte
    la gente di scorta.
    Scorta che scorta,
    e per mestiere
    si scorda chi scorta.
    Cammina la scorta,
    scorta spesso lo scarto.
    Accompagna il peggiore
    la gente di scorta.
    Scarto con scorta,
    scorta di carta.
    Ma è corta la scorta
    perché è lunga la fila
    della gente in rivolta.
    E sconvolta,
    ha paura stavolta
    la corte
    non più protetta da scorta.
    Composta venerdì 15 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      il sogno di mezzogiorno

      C'è un segreto
      appoggiato al muro,
      dietro ai cartoni messi per ritto.
      In questa stanza
      sta per succedere qualcosa
      che deve restare segreta.
      Una mano toglie i cartoni.
      Sfugge alla presa
      una pagina scritta,
      è lì per terra,
      io con il piede la spingo di lato.
      C'è una ragazza che la vuole leggere,
      non vedo il viso della ragazza,
      si volta verso di me
      ma i capelli le coprono la faccia,
      il mio piede resiste,
      copre un segreto
      un segreto di stato.
      Composta venerdì 15 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta