La svizzera dentro

Io non l'ho mai capito
l'orologio avuto dalla nascita.
Sempre così fermo nei momenti peggiori
tanto da farli diventare eternità che non ti abbandona,
ed invece come impazzito nel suo correre
da non farti nemmeno accorgere
che era passata un po' di gioia dalle parti della tua vita.
Alexandre Cuissardes
Composta sabato 25 aprile 2015
Vota la poesia: Commenta

    Gli occhi e le mani

    Se chiudo gli occhi
    per smettere di vederti
    in ogni persona che incontro
    mi viene da cercarti con le mani,
    e se le mie mani sentono il nulla
    riapro gli occhi
    e mi accontento anche di immaginarti negli altri che vedo.
    Quanto è diversa la solitudine da te da quella da me.
    Alexandre Cuissardes
    Composta sabato 25 aprile 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di