Questo sito contribuisce alla audience di

Porgi la seconda guancia

E come succede quasi sempre
i migliori tacciono,
si arrendono,
diventano spettatori paganti.

Assistono dai bordi della strada
alla corsa dei furbi.

Col bavero alzato,
per nascondere le grinze,
le mani in tasca,
le borse con la poca spesa.

Sono le persone senza più fiato,
quelli che non hanno né il vantaggi dei primi né i diritti dei cosiddetti ultimi.

Sono i penultimi,
quelli ai quali si dice sempre di tornare domani.

Sono Le persone che non vanno più in chiesa
o ci vanno quando le vedono vuote,
"i cristiani con la fede incazzata",
che ormai pregano senza mediazioni di preti,
si assolvono da soli dei pochi peccati e non pregano più per il perdono dei veri peccatori,
sono quelli senza la terza guancia.

Sono le persone che hanno stracciato la tessera di partito.

Quelli che andavano a scuola con i peggiori,
con i furbi che hanno comprato faccia tosta e spregiudicatezza da chi li aveva preceduti e l'hanno utilizzata
per promettere a tutti un futuro migliore
mentre si assicuravano il loro di futuro,
ed il presente di allora
ed hanno sempre mangiato,
lasciando il conto da pagare agli altri,
quelli che hanno rubato e l'hanno fatta franca, facendo condannare ladri di polli.

Quelli dei quali il nostro paese è pieno e le nostre galere vuote.
Composta venerdì 30 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Parlare alle spalle

    Bestemmie in fila,
    punti e virgole dei tuoi lunghi discorsi
    che continuano
    anche se nessuno ti ascolta.

    E quando tutti si allontanano alzi la voce
    per farti sentire
    ma è tempo sprecato.

    Ed in ogni faccia nuova che arriva vedi nuove orecchie per te,
    pronte all'ascolto
    ma ormai fai solo l'eco a te stesso.
    Composta venerdì 30 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Le due facce

      Ad ognuno alla dipartita viene ridata la sua vera faccia,
      non quella che ha tenuto in vita.

      Così vedi distesa la massaia
      con la faccia da usuraia,
      vedi il gran saccente
      che non sapeva niente,
      l'uomo di chiesa
      che si assolve dal rubare
      inginocchiandosi all'altare.

      Il bugiardo
      il delinquente,
      tutti stesi finalmente.

      La vecchia strana col cappello
      ripete sempre il ritornello.

      Al funerale dei defunti
      van gli amici ed i congiunti,
      al funerale dei potenti
      i ruffiani e i deficienti
      ai funerali di partito
      ci va chi non ha capito,
      ma le anime cattive
      sono sempre vive
      qualcun altro troveranno
      per recare nuovo danno.
      Composta domenica 11 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta