Coltello corda o burrone... l'unica soluzione

Appeso aspetta,
come un cartello aspetta chi lo strappi,
come il pollo al gancio chi lo cucinerà,
come un quadro al muro il giusto estimatore,
come appesa a un filo qualche volta la speranza.

Ma è un uomo,
un uomo che si aspettava giustizia.

Adesso aspetta carabinieri e vigili del fuoco,
ma non ha più fretta.
Alexandre Cuissardes
Composta sabato 17 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Il piacere della penombra, veli, aromi e candele

    Tu sai che il tempo non inganna
    e con sapienza
    nascondi ciò che nel tuo corpo racconta gli anni.

    Maestra d'atmosfere,
    lo fai col gioco dei veli e delle ombre,
    con l'esser solo seminuda,
    il po' che basta.

    E rende l'esperienza,
    sensualità matura.

    E sai che chi ti aspetta
    disteso,
    ad occhi chiusi,
    gode di ciò che dai
    senza vedere come sei.
    Alexandre Cuissardes
    Composta sabato 17 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      A piedi a cena

      Hai comprato un nuovo paio di scarpe,
      ma non sai dove andare.

      Fai due passi,
      ti fermi,
      le guardi,
      ti chiedi perché le hai comprate,
      ti assolvi dicendo che sono loro
      ad averti adescato,
      ad essersi fatte comprare.

      Con la coscienza rassicurata
      compri un po' di pane,
      mortadella e prosciutto,
      a casa ti siedi e consumi la tua cena,
      muovendo i piedi,
      come se camminassi.
      Alexandre Cuissardes
      Composta sabato 17 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta

        Nervi scoperti, corpi coperti, nervi coperti corpi scoperti

        L'un contro l'altro armati
        l'un verso l'altra amati.

        Fuori dal letto armati
        ma dentro il letto amanti.

        Spargimento di bene,
        spargimento di sangue,
        spargimento di miele,
        spargimento di fiele.

        Guerra per far pace,
        pace per poi lottare.

        Farsi del bene
        per poi farsi del male
        per poi farsi del bene...

        Eppure siamo sempre gli stessi,
        siamo io e te.
        Alexandre Cuissardes
        Composta venerdì 16 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di