27 dicembre 1990

Il mio corpo è la macchina della quale non conosco ne le esigenze,
ne il consumo e l'autonomia.

Lo metto in moto ogni mattina senza chiedergli se ha voglia o no di partire.

A volte pretendo che viaggi anche se non sono in grado di guidare,
gli chiedo di non riposare e di essere pronto a ripartire.

Non ricordo quando lo comprai ne quanto mi costò,
so che non varrà niente quando cercherò di ridarlo indietro.
Alexandre Cuissardes
Composta lunedì 23 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta

    5 gennaio 1991

    Sei nel mio cuore e nel mio tempo,
    sei nel palmo della mia mano/.

    Sei alla mia destra
    quando cammino solo,
    sperando di arrivare.

    Voli con me sugli aerei che prendo ogni notte e mi fanno vedere il mio letto dall'alto,
    sei nel mio corpo quando mi fai l'amore in un angolo buio di un parcheggio sotterraneo,
    ed io socchiudo gli occhi ed accarezzo la tua testa china su di me.
    Alexandre Cuissardes
    Composta lunedì 23 gennaio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di