Questo sito contribuisce alla audience di

Bocca asciutta, brocca asciutta

Sto qui seduto col mio far niente
a meditare,
da un passato fatto di amori in corso
ad un presente di amori in sorso,
non so che cosa bere ma non importa cosa.

Basta che stordisca
che mi faccia meditare
a modo mio.

Ma non mi pesa più di tanto
l'esser rimasto in amore a bocca asciutta.

Mi basta per star bene
che non rimanga a brocca asciutta.
Composta sabato 11 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta

    Guerra in... civile

    Ed anche se sto di schiena
    le vedo le loro facce,
    eravamo ragazzi insieme.

    Li riconosco tutti
    conosco i loro nomi,
    i loro peccati.

    Li riconosco dal fiato
    che sento sul mio collo,
    dalle parole dette a voce bassa.

    Ma io sono il solo con la faccia al muro
    e loro sono in gruppo.

    E quando faranno bum,
    non lo faranno con il dito,
    come facevamo da bambini.
    Composta sabato 11 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta

      La condanna a Sorte

      Continuavano a colpire,
      tutti addosso
      tutti a lui,
      fra loro anche l'accusante,
      il vero colpevole,
      e colpiva forte.

      Qualcuno cominciò ad avere dubbi,
      ma ormai era tardi
      dovevano eseguire la condanna.

      Quando si accorsero di aver ucciso un innocente,
      tutti in accordo uccisero l'accusante che li aveva resi assassini non giustizieri.

      Poi si guardarono tutti in faccia e dentro di se ognuno scelse di uccidere gli altri,
      scomodi testimoni del fattaccio
      .
      Sono sopravvissuti l'errore che ha portato l'orrore
      ed il giudice che aveva emesso la condanna.
      Composta sabato 11 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta

        Vita dura e senza mezzi

        Salita
        discesa
        precipizio,
        manca il tratto piano per allontanarsi,
        quello da percorrere con la carrozza,
        tragitto da chi se la può permettere,
        la carrozza.

        Noi non siamo ricchi,
        ci arrampichiamo sulla eterna salita
        graffiandoci le mani,
        scivoliamo col culo e precipitiamo col corpo.
        Sempre feriti a morte
        noi deboli,
        dai forti.
        Composta sabato 11 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta