l'incidente in corsa

le ho viste passare,
le belle parole
ma avevano fretta,
non le ho sapute prendere
ed usare.
L'ho vista passare,
la buona fortuna
era molto impegnata,
non l'ho fermata.
L'ho vista arrivare la signora morte
inseguiva un poveraccio,
gli ho fatto lo sgambetto
per farla cadere,
è caduta,
non ha preso lui,
ma ha preso me.
Alexandre Cuissardes
Composta venerdì 4 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta

    Il lavoro nel tempo

    siamo fermi da tempo
    a cercare di vedere il nostro lato migliore.
    Siamo fermi da tempo per guardarci dentro,
    siamo in corsa tutti per evitare lutti,
    per raccogliere i frutti,
    non essere distrutti,
    e ad ogni pensiero corrisponde un colpo di pala per scavarsi la fossa.
    Alexandre Cuissardes
    Composta venerdì 4 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Solo con gli occhi

      Ha un silenzio
      che racconta solo ciò che si vuol sentire.
      Ha la vita disegnata sul viso
      da una matita vecchia quanto lui,
      spesso punta,
      mai pennello.
      Solchi,
      piccoli fiumi
      che portano ciò che si vuol fare arrivare a noi,
      a quello che col nostro sguardo chiediamo,
      basta sfiorare col dito la fine del solco
      e la risposta si appiccica al nostro dito intelligente.
      Alexandre Cuissardes
      Composta venerdì 4 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di