Questo sito contribuisce alla audience di

E adesso si è calmato
il vento,
non sferza più,
ma il cuore no,
lui urla,
come se fosse fuori da me
in corsa,
in fuga,
e batte forte,
lo sento,
come una bomba.
E la rabbia,
la consigliera di sempre,
mai ascoltata,
temuta,
ma saggia con me,
lei che mi guarda con sdegno,
io che l'ho tradita,
delegando le mie ragioni a terzi,
io che non gli ho permesso di farsi spada.
Si allontana in cerca di un corpo nuovo,
di nuovo lavoro.
Respiro forte,
fermo al muro,
inutile.
Composta mercoledì 20 giugno 2012
Vota la poesia: Commenta