Questo sito contribuisce alla audience di

San Bartolomeo in pantano

La figlia
lenta discese al mare,
mise le gambe in acqua,
poi tutto il corpo,
sparì.
La madre
lenta discese in chiesa,
mise i ginocchi
a terra e pregò,
sparì.
Il padre
lento si inoltrò nel bosco
perso nei suoi pensieri,
cadde più volte a terra,
sparì.
Il fulmine
forte arrivò dall'alto
e si scagliò,
mise in ginocchio tutti,
fece affogare tutti,
fece impazzire tutti
e rimase,
a sorvegliare il nulla.
Composta mercoledì 1 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta

    fuori ad aspettarli

    Fuori non ne parlano,
    non fanno commenti,
    in pochi conoscono i veri motivi
    ma hanno interesse a tacere.  
    Nessun rispetto per chi ha delegato.
    Chi avrebbe qualcosa da dire si astiene
    chi ha qualcosa da vomitare non si trattiene
    e forse diventa il nuovo vincitore.
    Sono entrati in giacca e cravatta,
    hanno lottato al chiuso
    dove avevano armi ed armature.
    Prima di uscire
    hanno indossato di nuovo giacca e cravatta
    e si sono cosparsi di lavanda d' ipocrisia,
    ma il puzzo è rimasto.
    Composta mercoledì 1 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      La confusione

      Ancora oggi tutti indagano su tutti,
      chi non può indagare sbircia,
      poi gli indagati si difendono
      facendo indagare gli indaganti.
      Gli indagatori possono essere indagati
      solo da altri indagatori.
      Cane non mangia cane
      ma entrambi mangiano i gatti,
      e noi da gatti ci siam fatti topi
      per scampare ai cani,
      ma adesso che siam topi abbiamo paura
      anche dei tanti che sono diventati gatti
      per mangiare i topi.
      Composta mercoledì 1 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta