Questo sito contribuisce alla audience di

Buongiorno malgiorno

Ciao Bruno,
buona giornata ai tuoi pensieri,
al tuo star fermo,
statua in piazza,
al primo dei tuoi tanti sigari da qui a stasera.
Buongiorno Valentina
profumata di pane ed entusiasmo,
buongiorno al tuo alzarti presto,
al vostro essere in due,
buongiorno piazza e strade che ospitate le nostre vite,
belle o brutte che siano.
Buongiorno rumori,
canti ed urla,
buongiorno sconosciuti e conoscenti.
Smessi i buongiorno
per non pensare a me
torna a bussare il mio male quotidiano.
Composta sabato 4 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta

    Ciò che non vi serve

    Vi lascio un orcio pieno di parole,
    o forse solo un mucchio di inutili discorsi,
    tutti senza valore.
    Potete dar via tutto,
    e sarà tanto se riceverete un grazie,
    magari per pura cortesia.
    Il giorno dopo potreste vederle tutte
    dentro un cestino,
    per terra con la spazzatura
    o appiccicate su piccoli quadretti di carta appesi al chiodo di un cesso da casa di miseria.
    Più utili da morte che da vive,
    partite dalla testa
    ed arrivate molto in basso.
    Composta sabato 4 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Tu ed io

      Perché siamo arrivati a così tanto,
      che poi è così poco,
      addirittura è niente.
      Perché pensiamo di avere ancora le pistole cariche
      e qualcuno da colpire,
      se siamo sdraiati a terra,
      pieni di ferite,
      col buio intorno
      e nessuno è più qui da anni.
      Siamo i soli a guardarci in faccia,
      ogni giorno,
      ogni ora,
      ed ognuno vede l'invecchiare dell'altro
      ma non il suo.
      Composta sabato 4 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta

        presente

        Sto in mezzo a tutti,
        sto sempre in mezzo agli altri,
        accucciato su me stesso.
        L' ultimo dei falliti,
        il primo dei non riusciti.
        Di tutti quelli che passano
        conosco la storia,
        dagli abiti ed i gesti.
        Li vedo dal basso,
        dal mio star fermo,
        a chiedere,
        col braccio teso,
        la mano aperta,
        con scarsi risultati.
        E a malapena campo,
        con la vita che mi sfianca,
        ed ogni giorno mi ricorda che è qui,
        per me,
        per starmi addosso,
        anche se indesiderata.
        Composta sabato 4 agosto 2012
        Vota la poesia: Commenta