Questo sito contribuisce alla audience di

La preparazione

metto tutto in fila,
i ricordi dell'asilo,
il primo calamaio
ed il primo calamaro nel piatto,
il filo di paglia della nonna,
il podere della zia,
il primo viaggio,
dal quale non sono mai tornato del tutto,
il vino bevuto di nascosto
e le sigarette rubate.
I tanti libri per il poco sapere.
Tutti in fila,
tutto in fila,
un piccolo colpo col dito,
e tutti cadono giù,
mi cadono addosso
e crollo anch'io
sommerso dal passato remoto
e finito da quello recente.
Composta martedì 14 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta

    Troppo caro

    Fiori di luce spenta
    e parole illuminanti,
    ma solo perché dovevo,
    in quel preciso istante,
    credere a qualche cosa.
    Forse la compagnia,
    forse il vino assassino,
    forse
    il chissà che cosa di una sera.
    Il danno era già fatto,
    sono quei conti che si pagano per sempre,
    ti godi una serata
    e paghi per la vita.
    Non ti posso dire
    se son costate più quelle mezze ore
    di una sera
    oppure il doverle ricordare
    ad ogni scader di rata.
    Composta martedì 14 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Piccoli mali grandi rimedi

      Con la stagione estiva,
      vanno a puttane
      vigili e poliziotti
      ma non per loro piacimento,
      bensì per riportar decoro
      ed il rispetto
      a strade
      a marciapiedi
      ed ai lampioni,
      perché qualcuno,
      come sempre accade,
      si è messo in testa
      di cacciarle via,
      ma senza saper dove,
      le donne con i tanti nomi.
      Via dalle strade
      le antiestetiche battone,
      o se ne vanno
      o c'è rivoluzione.
      Forte è lo stato
      nella caccia grossa,
      uomini e mezzi,
      multe
      e schiaffi in faccia,
      e manca poco
      che il cliente
      venga marchiato a fuoco,
      messo alla gogna.
      Ed ecco
      che qualcuno già propone
      di eliminare il problema alla radice
      magari con la castrazione,
      tolto lo strumento della voglia,
      tolta la voglia.
      Tolta la voglia
      tolto il commercio.
      Prima davano noia nelle case,
      adesso nelle strade,
      vediamo di portarle in paradiso
      e organizzare voli quotidiani.
      Intanto i ladri salgono sui tetti,
      passano le finestre,
      rubano nelle case e negli alberghi,
      portano via gioielli e portafogli,
      bastardi pestano chi trovano,
      per strada,
      per un niente.
      E il giorno dopo tutto come prima
      tutti a lamentarsi
      mancano uomini
      mezzi e carburante,
      ma intanto abbiam pulito i marciapiedi,
      fino alla sera dopo.
      Composta domenica 12 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta