A braccetto

A braccetto come 50 anni fa,
allora per sentirsi,
adesso per sostenersi.
Non più attrazione
ma neppure distacco.
I battibecchi provano la reciproca confidenza.
Lei con un datato abito leggero,
lui con la camiciola,
lei lo rimprovera che non la toglie mai,
che è sporca,
lui scuote le spalle,
un brontolio,
ma cederà,
prima o poi,
cambiarla
forse sarà il suo regalo di natale.
Alexandre Cuissardes
Composta martedì 14 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta

    Mi guardo intorno

    Se faccio i paragoni
    è una battaglia persa.
    Ad ogni sputo di cane
    trovo chi ha più bisogno.
    Ovunque c'è chi merita di più,
    è pieno di santi il mondo,
    Allora mi ritraggo,
    rientro nel mio nulla
    e faccio finta di aver capito
    ed accettare,
    ma in realtà
    non ho capito niente
    di ciò che mi succede.
    Alexandre Cuissardes
    Composta martedì 14 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Con gli stessi occhiali

      In questa società incivile
      ognuno continua il suo mestiere,
      i ladri presi
      sono stati sostituiti dai ladri da prendere in futuro,
      le stesse bugie vengono dette da bugiardi diversi,
      ci saranno ancora il delinquente,
      il complice,
      il traditore,
      ed i morti veri saranno solamente incidenti di percorso,
      come un lavoro non riuscito troppo bene,
      breve sosta ed avanti
      o indietro,
      come su un cantiere,
      quel cantiere che per molti si chiama vita.
      Alexandre Cuissardes
      Composta martedì 14 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta

        Uno dei troppi

        Ci passa accanto,
        ci sfiora,
        lo vediamo
        ma non lo vediamo,
        l'uomo triste
        che non esiste,
        l'uomo che sta nascosto,
        quello con la vergogna,
        che vive nella fogna
        l'uomo alla gogna,
        con quelli come lui
        l'uomo
        che non è più niente,
        che evita la gente,
        l'uomo che non conta,
        quello colpito a morte,
        dal dolore e dalla sorte.
        Alexandre Cuissardes
        Composta martedì 14 agosto 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di