1940 parole provenienti da lì

Per alte disposizioni,
si seppe poi
di chi e da dove,
ebbero rispetto gli aguzzini,
rispetto per il pensatore.
Lo divisero dagli altri prigionieri,
lo tolsero dalla baracca,
nel campo di concentramento.
Un ufficiale appassionato di poesia
creò per lui il campo "di concentrazione".
Lì da solo,
con l'ispirazione
resa più forte dal dolore,
e nacquero così
1940 parole.
Alexandre Cuissardes
Composta giovedì 23 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta

    Giardino al buio

    Su una panchina,
    le quattro di mattina,
    dò il cambio alle puttane.
    Loro partono,
    io arrivo.
    Rileggo i vecchi libri
    guardo il loro prezzo in lire,
    soprattutto la data,
    per ricordare quell'anno,
    com'ero allora,
    cosa speravo allora,
    e non pensare per un po'
    a come sono adesso.
    Alexandre Cuissardes
    Composta giovedì 23 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Fine giornata

      Ed alla fine eccoli qui,
      con te,
      questo cuore e questa testa
      la testa china e stanca per il peso
      dell'ora tarda
      ed i problemi.
      Le gambe,
      stanche di portarla in giro
      questa testa,
      e chiedi ancora da bere
      anche se è mezzo pieno il tuo bicchiere,
      basterebbe solo il primo sorso
      per placare le sete,
      il resto serve a farti vivere
      durante lo stordirti.
      Alexandre Cuissardes
      Composta mercoledì 22 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di