Questo sito contribuisce alla audience di

La liama che aspetta in alto

Il calare di notte mi fa uscire all'aperto
dal mio rifugio di pietre.
Ho un velo di mirto fiorito
che nessuno mi vede
a coprirmi il nulla da sera inoltrata,
ed una cuccia di foglie d'ulivo
già pronta per accogliere il mio corpo finto.
Il rumoroso vicino
giù in basso
si è messo a tacere.
Il mare
adesso mi fa riposare,
ma senza dormire.
Domani mattina presto
dovrò essere più veloce di lui
per non farmi trovare
per non farmi battezzare ai piedi dall'acqua col sale
quando verrà a riprendersi la liama,
alta sulla guardiola salentina.
Composta lunedì 14 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta

    Il padre da cerca ed il figlio con le zampe di lepre

    Vivo vicino all'estero di casa,
    ma non posso dirti dove.
    Ogni passo che faccio
    calpesto il nome di un posto diverso
    e lo schiaccio.
    Per cercarmi
    dovresti prendere tutti i treni
    che trovi sui binari interrotti,
    fare le strade che non abbiamo mai fatto insieme
    e navigare con i battelli a vapore odoroso
    che battono bandiera strappata
    e vanno sull'acqua all'inverso.
    Dovresti passare confini di fossi
    coperti da nebbia sospesa
    e muri di pietra di pane bruciato,
    imparare a cantare in una lingua che non conosci
    per farti capire dalle statue alle quali chiedi la via.
    Dovresti vestirti ogni volta
    con i costumi dei paesi che passi
    per avvicinarti al mio odore di figlio.
    Forse arriveresti
    ma dopo aver fatto un viaggio inutile.
    Vedresti sempre le miei soste di un giorno che è stato.
    Non sarei più lì
    a farmi trovare.
    Come tu senti il mio odore di figlio
    e ti avvicini
    io sento il tuo puzzo di padre
    e mi allontano.
    Composta lunedì 14 marzo 2016
    Vota la poesia: Commenta

      Il cerchio in fila indiana

      Si abbassa il cielo nero
      a coprire il suo corpo bianco.
      E noi gli stiamo intorno,
      forse sull'attenti,
      ma con la testa bassa
      come se non accettassimo quel fatto
      o fossimo da un'altra parte
      a guardare a terra,
      o lì per caso.
      Ognuno con i suoi ricordi
      e un unico dolore.
      Durerà poco.
      Il tempo di pregare
      o pensare,
      per poi alzare il capo
      e guardarsi intorno
      giusto per controllare
      se tutti c'eravamo.
      Se tutti ci guardiamo.
      Poi lasceremo ad altri
      il compito finale,
      tornando in fila a due,
      e l'ultimo da solo,
      là da dove siamo entrati.
      Composta venerdì 11 marzo 2016
      Vota la poesia: Commenta