Scritta da: deittico

Perché non sono un poeta

I poeti sono i soli a poter osservare
quel che gli accade non come un fatto contemplato dall'esterno,
ma come un evento sentito dall'interno.
Questo è il motivo per cui li ammiro.
Abbracciano l'essere nelle sue infinite forme, e lo amano,
anche odiandolo e cercando di sfuggirgli.
E questa è la ragione per cui non sono,
e forse mai sarò,
un poeta. Quando essere abbagliato dai raggi solari
non è che sole negli occhi,
e quando cambiare il lato della strada su cui cammini è
la semplice ricerca di un ricovero all'ombra,
allora vivere può tornar a essere
semplicemente vivere. Non fa per me.
Questi sole, ombra e vita non sono
qui semplici sole, ombra e vita.
Alessandro Zampieri
Composta sabato 9 febbraio 2008
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: deittico

    Amore... nel bicchiere della staffa

    Alla ricerca, come argonauti dell'umano,
    di un'affezione, d'una persona, o
    della nostra immagine riflessa in un'audace emozione?
    L'amore è un argomento inflazionato. Hank
    invocò una pietosa morte, qualora ne avesse pronunciato il mero nome!
    Io, invece, sono attratto dagli abissi
    e non mi curo del mare a cui appartengono.
    Stiamo parlando della ricerca di un essere speciale, o
    di una rara emozione da aggiungere alla collezione?
    Le collezioni muoiono
    col giungere dell'ultimo pezzo,
    le persone, prima o poi, scompaiono
    con l'arrivo del "pezzo" successivo.
    Ma a volte, seppur scomparse, rimangono addosso,
    macchie di un buon rosso finito con troppa ingordigia,
    e come ostinati segni di una piacevole bevuta,
    si trasformano negli spettri di un ricordo
    che sarebbe meglio non ricordare.
    Questa persona è scomparsa e riemersa troppe volte
    per saper più chi lei sia
    o chi io sia con lei.
    Eppure, evocandone il rossore paonazzo,
    quello dell'amore non solo pensato,
    il suo ridente viso compare tra i flutti del calice che impugno
    a ricordarmi che sono certo di essere con lei ciò che non
    sono con nessun'altra, o almeno di esserlo stato.
    Per quanto riguarda lei, non so proprio più chi sia!
    Quel viso riflesso nel tiepido vino lo voglio con me:
    che il bicchiere della staffa sia!
    Alessandro Zampieri
    Composta domenica 20 gennaio 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di