Questo sito contribuisce alla audience di

Nato da una scatola in cartone
ha mosso i primi passi alla stazione
ha preso quattro calci e un po' di sole
fino alla mensa santa delle suore.
Nel pomeriggio poi è stato visto
in via calvario insieme a un povero cristo
miracolava tutte le vecchiette
per un po' di vino rosso e sigarette.
La sera poi è sparito nella nebbia
lasciando una lacrima di ghiaccio
sopra ad una vecchia bibbia:

Osso di seppia vai non tornare!
C'è una città in fondo al mare
dove i diamanti non valgono niente
e la doccia è: automatica!.
La pelle si lava da sola
basta fare sogni puliti.
E se non era buono per la terra
tra strade dritte e campi di carbone
ha preso il mare verso la tempesta
salpando da uno scoglio ad un dolore.
Composta giovedì 18 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Quanno un giudice punta er dito contro un povero fesso
    nella mano strigne artre tre dita, che indicano se stesso.
    A me, arzà un dito pe esse diverso, me fà più fatica
    che spostà tutto l'universo, so 'na montagna. Se Maometto
    non viene... mejo, stò bene da solo... er proverbio era sbajato.
    Sò l'odore de tappo der vino che hanno rimannato indietro
    so i calli sulle ginocchia de chi ha pregato tanto
    e non ha mai avuto... e ce vò fegato... Ahia!.
    Sò come er vento, vado dome va... vado dome va
    ma stò sempre quà!

    E brindo, a chi è come me, ar bar della rabbia
    e più bevo e più sete me viè, stì bicchieri sò pieni de sabbia.

    So er giro a voto, nell' anello cascato ar dito della sposa
    che poi l'ha raccolto e me l'ha tirato, e io jo detto... mejo
    stò bene da solo, senza mogli e senza buoi
    e se me libero pure dei paesi tuoi... stò a cavallo.
    E se me gira, faccio fori pure er cavallo
    tanto vado a vino... mica a cavallo.

    Sò er buco nero ar dente cascato ar soriso della fortuna
    e la cosa più sfortunata e pericolosa che m'hè capitata nella vita...
    ... è la vita. Che n'ha vorta che nasci, giri, conosci, intrallazzi
    ma dalla vita, vivo nun ne esci, uno solo ce l'ha fatta...
    ... ma era raccomannato!.
    Io invece, non c'ho nessuno che me spigne, mejo, non se sa mai.
    Ma se rinasco, me vojo reincarnà in me stesso
    co la promessa de famme fa più sesso. E prego
    allo spirito santo der vino d'annata, de metteme a venne i fiori
    pe la strada, che vojo regalà 'na rosa
    a tutte le donne che non me l'hanno data... come a dì...
    tiè! che 'na so fà 'na serenata.

    E brindo, a chi è come me, ar bar della rabbia
    e più bevo e più sete me viè, stì bicchieri so pieni de sabbia.

    Ma mò che viene sera, e c'è er tramonto
    io non me guardo indietro, guardò er vento.
    Quattro ragazzini hanno fatto 'na 'stronave, co un pò de spazzatura
    vicino ai secchioni, fuori alle mura, dove fori nun se vede
    e c'è n'aria scura scura. Ma guarda te, co quanta cura
    se fanno la fantasia de st'avventura. Me mozzico le labbra,
    me cullo, che me tremano le gambe de paura,
    poi me fermo... e penso: Però, che bella... stà bella fregatura.

    E brindo, a chi è come me, ar bar della rabbia
    e più bevo e più sete me viè... stì bicchieri sò pieni de sabbia.
    Composta martedì 24 agosto 2010
    Vota la poesia: Commenta